"Fece rivivere due aziende in forte crisi"

| Il sobrio addio del New York Times al manager italo-canadese. Dai primi passi alla coraggiosa acquisizione, a costo zero, di Chrysler. Ha lasciato un impero industriale che vale dieci volte in più rispetto agli inizi

+ Miei preferiti

Non è per snobismo che la redazione di ISM riporta integralmente i servizi dei media esteri, laddove le vicende italiane hanno un particolare rilievo, anche internazionale. Lo facciamo per dare ai nostri lettori la possibilità di avere un’immagine più distaccata dei fatti, libera dai pregiudizi politici di casa nostra. Il servizio del New York Times sulla morte dell’ad di Fca brilla per la sintesi della straordinaria parabola umana e professionale di un uomo che abbiamo ammirato e seguito in ogni sua mossa con la trepidante speranza che potesse far bene  all’Italia e agli italiani. Noi, che adoravamo il suo basso profilo, una lezione per tutti, ci uniamo alle condoglianze alla famiglia e alla grande azienda che ha lasciato in buone mani.

Germano Longo e Massimo Numa 

—————

THE NEW YORK TIMES

By Neal E. Boudette and Elisabetta Bovoledo

Marchionne ha rilevato la Fiat a Torino nel 2004 e ha guidato l'acquisizione di Chrysler nel 2009. In entrambe le occasioni le aziende erano in forte crisi, e in pochi gli avevano attribuito qualche possibilità di successo. Ma lui sfidò quelle previsioni cupe. Oggi, Fiat Chrysler Automobiles e Ferrari, che è stato scorporata durante il suo mandato, hanno un valore quasi 10 volte superiore a quello che avevano quando ne aveva assunto il controllo.

Canadese di origine italiana, Marchionne era noto per essere un lavoratore accanito che fumava una sigaretta dopo l’altra, che fece carriera come consulente fiscale prima di passare a una società di commercio dei metalli e a una società di servizi commerciali.

La sua eredità è stata tuttavia definita dall’impegno nell'industria automobilistica. Quando fu assunto dalla famiglia Agnelli per dirigere l'azienda, che stava già vacillando, gli fu chiesto di invertire il corso del suo lungo declino. Agendo rapidamente, ha licenziato diversi dirigenti, ridimensionato i livelli di produzione per soddisfare la domanda ed eliminato alcuni modelli che non vendevano più.

Marchionne è stato considerato come uno degli amministratori delegati più rapidi nell’agire dell'industria automobilistica. Aveva anche un lato stravagante. Alle conferenze stampa, intratteneva i giornalisti con risposte ricche di riferimenti ai filosofi, musica pop e storia antica. Una volta ha tenuto un discorso all'Università di Toledo, in Ohio, in cui ha citato Nelson Mandela e Albert Einstein, ma sottolineando poi la lunga associazione della città con il marchio Fiat Jeep.

Nel 2006, si presentò a un incontro indossando una maglione nero e jeans neri, rendendo noto a tutti così che gli piaceva molto non dover pensare al suo guardaroba, ed è rimasto fedele a quel look per anni.

Definito un maniaco del fumo compulsivo, con un lato della sua personalità molto marcato, ha sfidato le previsioni cupe nel resuscitare la Fiat, un pilastro del dopoguerra in Italia. Anche il suo acume commerciale è stato ripetutamente analizzato. Poco dopo essere diventato amministratore delegato, approfittò di un accordo esistente tra General Motors e Fiat per cercare di costringere G.M. ad acquistare la casa automobilistica italiana, una mossa che G.M. non aveva alcun desiderio di fare. In un gioco di alto livello di poker aziendale, Marchionne aveva poi costretto G.M. a pagare Fiat $2 miliardi per porre fine alla loro alleanza, e ha usato il denaro per sviluppare nuovi modelli, tra cui la Fiat 500, una piccola auto che è diventato un successo in Europa.

Il suo successo decisivo potrebbe però essere stata la sua decisione di guidare il complicato affare per acquisire Chrysler nel 2009. Mentre il Dipartimento del Tesoro di Washington si affrettava a prevenire il crollo di gran parte del settore automobilistico degli Stati Uniti a seguito della crisi finanziaria, Marchionne fece un passo avanti con un'offerta audace: Fiat avrebbe preso il controllo di Chrysler, il più in declino dei Big Three di Detroit, per fornire auto e tecnologia per riavviarne la produzione. A una condizione: il governo avrebbe dovuto consegnare Chrysler alla Fiat gratuitamente.

E' stata un’offerta nello stile tipico di Marchionne. Ma sapeva che il Tesoro, così come i creditori di Chrysler e il suo sindacato, avevano poco spazio per negoziare. L'economia americana stava scivolando più a fondo nella recessione, il crollo della Chrysler avrebbe significato la perdita di decine di migliaia di posti di lavoro, e nessun'altra azienda era disposta a salvarla.

E 'stato l'inizio di uno dei salvataggi più notevoli nel settore automobilistico. Oggi, Fiat Chrysler, pur affrontando ancora sfide, è solidamente redditizio, e Marchionne è venerato nelle sedi storiche del marchio. Un suo amico e confidente, Mike Jackson, il direttore generale di AutoNation, una grande catena di concessionari, ha detto che aveva una mente insolitamente analitica. "Poteva prendere in mano  un groviglio di situazioni complesse e ridurle ai loro elementi fondamentali in pochi minuti", ha detto iJackson. "Aveva il coraggio di prendere decisioni molto aggressive, e se fossa andata male ne sarebbe stato totalmente responsabile".

Marchionne è nato il 17 giugno 1952 a Chieti, sulla costa adriatica italiana. Il padre, carabiniere, ha risparmiato e investito abbastanza per ritirarsi presto e trasferire la famiglia a Toronto a 14 anni. Ha studiato filosofia all'Università di Toronto, ha conseguito un master in gestione aziendale presso l'Università di Windsor, in Ontario, e una laurea in giurisprudenza presso l'Università di York, sempre a Toronto, prima di iniziare la sua carriera come specialista fiscale. Aveva programmato di ritirarsi l'anno successivo prima di ammalarsi gravemente e dopo l'intervento chirurgico a una spalla effettuato il 5 luglio.  Ha scelto Mike Manley, il responsabile delle attività di Fiat Chrysler in Nord America e dei suoi marchi di autocarri Jeep e Ram, per succedergli. Lascia due figli, Alessio e Tyler, e Manuela Battezzato, sua compagna degli ultimi anni. È membro dell'ufficio comunicazione di Fiat Chrysler. In Italia, dove Fiat è stata sinonimo di boom economico del dopoguerra per decenni, i politici di tutto lo spettro politico hanno reso omaggio a Marchionne, le bandiere a mezz’asta nella sede Fiat Chrysler a Torino. Il Presidente Sergio Mattarella ha dichiarato che Marchionne ha scritto "una pagina importante nella storia dell'industria italiana”. Il 26 giugno i media italiani hanno trasmesso a Roma le registrazioni video dell'ultima apparizione pubblica, dove ha donato una Jeep ai Carabinieri. Marchionne ha notato che suo padre fu un carabiniere e ha lodato i "valori che sono alla base della mia formazione: serietà, onestà, senso del dovere, disciplina e spirito di servizio".

 
Industria
2020, un disastro per l’auto
2020, un disastro per l’auto
Le vendite sono crollate in tutta l’Europa, con l’Italia che registra un calo del 27,9%. Male quasi tutti i marchi, a cominciare dal gruppo FCA
L’allarme dell’automotive: 15 settimane al disastro
L’allarme dell’automotive: 15 settimane al disastro
Rimane poco tempo per salvare il settore auto dell’UE e della Gran Bretagna dal rischio di perdere 110 miliardi di Euro per una Brexit senza accordo
Arriva «Stellantis», la nuova galassia dell’auto
Arriva «Stellantis», la nuova galassia dell’auto
È il nome scelto per la nuova creatura industriale che riunisce gli italo-americani di FCA con i francesi di PSA. Amministratore delegato Carlo Tavares
Regno Unito: 197 auto prodotte ad aprile
Regno Unito: 197 auto prodotte ad aprile
Il numero più basso di sempre, neanche paragonabile al crollo durante la Seconda Guerra Mondiale. Tutto il mercato dell’auto in profondo rosso
Renault & Nissan, ancora più vicine per non crollare
Renault & Nissan, ancora più vicine per non crollare
I due marchi hanno un disperato bisogno di aiuto, e l’alleanza che Carlos Ghosn ha costruito potrebbe essere la loro unica speranza di salvezza
Il braccio della morte degli aerei
Il braccio della morte degli aerei
Lo stop ai voli ha costretto industrie aeronautiche e compagnie a trovare una sistemazione ai loro velivoli. Ma non tutti torneranno a volare, per diversi lo stop equivale alla fine della carriera
Virgin Group sull’orlo del baratro
Virgin Group sull’orlo del baratro
Il colosso creato da Sir Richard Branson fortemente penalizzato dalla pandemia: buona parte delle sue società si occupano viaggi, tempo libero, turismo e crociere. A rischio Virgin Atlantic e Virgin Australia
Renault e Nissan pronte al divorzio
Renault e Nissan pronte al divorzio
Dopo vent’anni di alleanza, il caso Carlos Ghosn ha inasprito ancor di più rapporti che non sono mai stati idilliaci. Secondo il Financial Times i giapponesi stanno lavorando per una separazione in tempi brevi
Volkswagen apre ai rimborsi sul Dieselgate
Volkswagen apre ai rimborsi sul Dieselgate
Il colosso di Wolfsburg starebbe trattando un risarcimento con la Federazione dei consumatori tedeschi: va accettata dal 70% dei 440mila clienti che hanno citato in giudizio VW
FCA-PSA, è nato un colosso
FCA-PSA, è nato un colosso
La fusione, perfezionata nel giro dei prossimi mesi, crea un gruppo da 9 milioni di veicoli all’anno e 170 miliardi di utile operativo, a cui aggiungere 3,7 miliardi di risparmi grazie a sinergie e scambio di tecnologie