Nuvole nere su GM

| Il colosso automobilistico americano ha annunciato la chiusura di sette stabilimenti, con 15mila licenziamenti. Ufficialmente per adeguarsi alle sfide dei mercati, ma sarebbero anche le conseguenze delle politiche del governo

+ Miei preferiti
Per il trionfalismo di Donald Trump non è una bella notizia, anzi: il taglio di 14.700 posti di lavoro, frutto della decisione di “General Motors” di chiudere sette stabilimenti entro il 2019, facendo a meno del 15% della propria forza lavoro, sta creando qualche imbarazzo e malumori. Il primo costruttore americano l’ha comunicato, specificando che si tratta di tre impianti di assemblaggio e una fabbrica di motori negli USA (Detroit, Warren, Lordstown e White Marsh), uno in Canada (Oshawa) e due impianti “al di fuori del Nord America”.

Obiettivo: migliorare il cash flow di 6 miliardi di dollari entro il 2020, ufficialmente per meglio affrontare le sfide dei mercati, ma fra le righe anche per fronteggiare le barriere commerciali e le sfide all’ultima sanzione che fanno parte dello stile di Trump, battaglie che proprio sul mondo dell’automobile stanno avendo ripercussioni poco felici. È il secondo segnale del malessere del colosso GM, dopo la massiccia campagna di scivoli pensionistici dei mesi scorsi e la previsione di tagli agli stipendi per altri 54mila dipendenti, ma accolta favorevolmente da Wall Street, dove il titolo ha guadagnato l’8%, recuperando la perdita di inizio anno del 7%. “Abbiamo deciso di prendere queste decisioni mentre il mercato è ancora in ottima salute – ha commentato Mary Barra, Ceo di GM – l’industria dell’auto sta cambiando e vogliamo essere certi di posizionarci nel modo migliore”.

Critico sulle decisione lo stesso Trump, commentando che “Gli Stati Uniti hanno fatto molto per GM” e “profonda delusione” per il premier canadese Justin Trudeau, che ha assicurato sostegno alle famiglie colpire dalla chiusura degli stabilimenti. Gli impianti produttivi in Canada, inaugurati nel lontano 1953, producono attualmente la Cadillac XTS, la Chevrolet Impala e i pick-up GMC e Chevrolet.

A intravedere lo scenario peggiore sono gli analisti, che al di là del caso specifico di GM, intravedono nuvole nere sull’economia americana, vittima anch’essa di un probabile rallentamento globale.

Articoli correlati
Industria
Si schianta il mercato auto, crollo FCA
Si schianta il mercato auto, crollo FCA
Nuova pesante contrazione delle vendite per il mese di giugno, ma soprattutto un vistoso calo del gruppo italo-americano, che ha toccato i minimi storici
FCA-Renault, i segreti della fusione
FCA-Renault, i segreti della fusione
Mercati, tecnologie, segmenti da colmare, strategie: c’è un lungo lavoro di pianificazione, dietro la proposta lanciata dal Lingotto. In ballo c’è il primo posto nella classifica dei costruttori
FCA-Renault, la proposta è ufficiale
FCA-Renault, la proposta è ufficiale
Con un comunicato stampa del Lingotto, arriva la conferma della proposta di fusione con il gruppo nippo-francese: il CDA di Renault riunito d’urgenza per valutare la proposta. Si attende a ore la risposta
Trattative avanzate fra FCA e Renault
Trattative avanzate fra FCA e Renault
Così sono state definite da un’indiscrezione del Financial Times: da uno scambio di know-how tecnologico sarebbe sul tavolo un’alleanza in grado di creare il primo gruppo automobilistico al mondo
Carlo Ghosn di nuovo in manette
Carlo Ghosn di nuovo in manette
Nuovo arresto per l’ex top manager di Nissan: questa volta deve spiegare 32 milioni di euro della casa automobilistica che sarebbero stati usati per acquistare uno yacht
FCA, Elkann: l’auto non è in vendita
FCA, Elkann: l’auto non è in vendita
Allo studio del presidente la fusione con altri gruppi automobilistici, la collaborazione tecnologica e anche più probabili alleanze con i colossi dell’hi-tech
FCA, tanto elettrico nel futuro
FCA, tanto elettrico nel futuro
Un piano ambizioso con 13 novità, ma a partire dal 2020, fa notare qualcuno. L’obiettivo, spiegano i vertici, è la piena occupazione degli stabilimenti
Tedeschi in fuga, gli altri a guardare
Tedeschi in fuga, gli altri a guardare
Il gruppo Volkswagen ha illustrato i piani dell’offensiva che ha l’obiettivo dichiarato di conquistare il mercato dell’auto elettrica. Investimenti record, date, modelli, piani e pieno appoggio del governo. Dall’Italia il silenzio di FCA
Addio a Luigi Rossi di Montelera, l'ultimo dei nobili sabaudi
Addio a Luigi Rossi di Montelera, l
Industriale sabaudo, nobile e discreto, è stato colpito da un malore improvviso mentre si trovava a caccia in Valle d’Aosta. Nel 1973 era stato protagonista di un clamoroso sequestro di persona
LA GUERRA SANTA AL DIESEL
LA GUERRA SANTA AL DIESEL
Entro il 2021, l'Europa pretende un drastico abbassamento delle emissioni di CO2, con ulteriore restringimento nel 2030. È la condanna dei motori a gasolio, che in Italia sono ancora tanti, forse perfino troppi