Renault e Nissan pronte al divorzio

| Dopo vent’anni di alleanza, il caso Carlos Ghosn ha inasprito ancor di più rapporti che non sono mai stati idilliaci. Secondo il Financial Times i giapponesi stanno lavorando per una separazione in tempi brevi

+ Miei preferiti
È quasi inevitabile pensare che la crisi fra Nissan e Renault, svelata dal “Financial Times”, sia figlia in qualche modo della grande fuga di Carlos Ghosn, l’ex ad che ha lasciato il Giappone per trovare rifugio in Libano.

Il mezzo incidente diplomatico, rafforzato dalla dichiarazione del governo francese di offrire ospitalità e rifugio a Ghosn senza pericolo di estradizione, ha accelerato un divorzio che secondo molti era nell’aria da un po’. I due marchi, uniti in alleanza nel marzo del 1999 e diventati il terzo gruppo automobilistico al mondo, in realtà si sono sopportati, più che amati. Ad essere in crisi ai tempi dell’alleanza era soprattutto Nissan, che però ha irrobustito le spalle al punto da mettere al lavoro truppe di legali per “intensificare i piani di emergenza per la separazione da Renault – così scrive il quotidiano economico – un allontanamento completo che va dall’ingegneria alla produzione, passando per il consiglio di amministrazione”.

Uno dei malumori peggiori dei vent’anni di alleanza era stato proprio Ghosn, che aveva mescolato la parte ingegneristica e la produzione scontentando i giapponesi di Nissan. Ma a raccontare quanto indigesto fosse stato l’interregno di Ghosn anche per Renault era stato il suo successore, Jean-Dominique Senard.

Un divorzio, sempre secondo FT, che costringerebbe i due marchi alla necessità di trovare nuovi partner in un momento in cui la concorrenza sta facendo squadra: vedasi FCA-PSA e l’alleanza Ford-Volkswagen. La notizia ha fatto precipitare il titolo Renault in borsa, con una perdita del 3% sulla piazza di Parigi.

L’unico ad uscirne in piedi, malgrado tutto, al momento sembra essere proprio Carlos Ghosn, che dal suo eremo dorato a Beirut, in un’intervista rilasciata al quotidiano “Le Figaro”, ha annunciato di aver querelato Renault davanti al tribunale di Boulogne-Billancourt rivendicando il diritto alla pensione, stimata in 770mila euro annui, a cui aggiungere un’indennità di 250mila euro. “La mia uscita da Renault è una farsa: reclamo i miei diritti previdenziali come tutti quelli acquisiti. Che io sappia, in Francia esistono un diritto e una giustizia”.

Industria
Regno Unito: 197 auto prodotte ad aprile
Regno Unito: 197 auto prodotte ad aprile
Il numero più basso di sempre, neanche paragonabile al crollo durante la Seconda Guerra Mondiale. Tutto il mercato dell’auto in profondo rosso
Renault & Nissan, ancora più vicine per non crollare
Renault & Nissan, ancora più vicine per non crollare
I due marchi hanno un disperato bisogno di aiuto, e l’alleanza che Carlos Ghosn ha costruito potrebbe essere la loro unica speranza di salvezza
Il braccio della morte degli aerei
Il braccio della morte degli aerei
Lo stop ai voli ha costretto industrie aeronautiche e compagnie a trovare una sistemazione ai loro velivoli. Ma non tutti torneranno a volare, per diversi lo stop equivale alla fine della carriera
Virgin Group sull’orlo del baratro
Virgin Group sull’orlo del baratro
Il colosso creato da Sir Richard Branson fortemente penalizzato dalla pandemia: buona parte delle sue società si occupano viaggi, tempo libero, turismo e crociere. A rischio Virgin Atlantic e Virgin Australia
Volkswagen apre ai rimborsi sul Dieselgate
Volkswagen apre ai rimborsi sul Dieselgate
Il colosso di Wolfsburg starebbe trattando un risarcimento con la Federazione dei consumatori tedeschi: va accettata dal 70% dei 440mila clienti che hanno citato in giudizio VW
FCA-PSA, è nato un colosso
FCA-PSA, è nato un colosso
La fusione, perfezionata nel giro dei prossimi mesi, crea un gruppo da 9 milioni di veicoli all’anno e 170 miliardi di utile operativo, a cui aggiungere 3,7 miliardi di risparmi grazie a sinergie e scambio di tecnologie
FCA-PSA: è fatta
FCA-PSA: è fatta
Manca l’ufficializzazione, ma il via libera dai cda dei due gruppi è arrivato ieri. Nasce il quarto gruppo mondiale automobilistico, con un patrimonio di 8,7 milioni di auto e 200 miliardi di euro di fatturato. Elkann presidente, Tavares ad
FCA-PSA, prove tecniche
di una nuova fusione
FCA-PSA, prove tecniche<br>di una nuova fusione
Archiviato il capitolo Renault, il Lingotto pare stia trattando un nuovo tentativo di fusione con altri francesi, quelli di Peugeot-Citroën. L’incognita della presenza del governo
Scandalo emissioni, arrestato dirigente FCA
Scandalo emissioni, arrestato dirigente FCA
Emanuele Palma, senior manager del gruppo negli Stati Uniti, è stato arrestato dall’FBI per violazione delle leggi sulle emissioni: avrebbero tarato in modo subdolo il software di controllo
Si schianta il mercato auto, crollo FCA
Si schianta il mercato auto, crollo FCA
Nuova pesante contrazione delle vendite per il mese di giugno, ma soprattutto un vistoso calo del gruppo italo-americano, che ha toccato i minimi storici