Virgin Group sull’orlo del baratro

| Il colosso creato da Sir Richard Branson fortemente penalizzato dalla pandemia: buona parte delle sue società si occupano viaggi, tempo libero, turismo e crociere. A rischio Virgin Atlantic e Virgin Australia

+ Miei preferiti
Perfino Richard Branson, il vulcanico fondatore del “Virgin Group”, a capo di 400 società diverse e con un patrimonio personale stimato nel 2015 in 5,2 miliari di dollari, ha gettato la spugna di fronte alla crisi economica globale scatenata dalla pandemia.

Dopo aver versato 250 milioni di dollari nelle casse delle società che fanno capo al Virgin Group, senza altri aiuti da parte del Regno Unito le due compagnie aeree del gruppo, “Virgin Atlantic” e “Virgin Australia”, rischiano il tracollo. A garanzia di un prestito, Branson offre Necker Island, la sua tenuta da sogno nelle Virgin Island.

Il miliardario ha lanciato un S.O.S. che in realtà riguarda tutte le compagnie aeree del mondo, e nel suo caso ha chiesto aiuti in denaro ai governi britannico e australiano per andare avanti “di fronte alla grave incertezza che circonda i viaggi, complicata dalla mancanza di chiarezza su quanto tempo gli aerei dovranno ancora rimanere a terra”.

In una lettera aperta ai dipendenti, Branson ha detto che la sopravvivenza di Virgin Atlantic e Virgin Australia è importante per bilanciare la concorrenza a British Airways e Qantas: “Se Virgin Australia scomparisse, Qantas avrebbe di fatto il monopolio dei cieli australiani”, ha fatto notare.

La Virgin Atlantic è intenzionata a chiedere un prestito commerciale totalmente rimborsabile al Regno Unito, ha aggiunto Branson senza fornire dettagli sulla quantità di denaro di cui ha bisogno. “La realtà di questa crisi senza precedenti è che molte compagnie aeree in tutto il mondo hanno bisogno del sostegno dei governi e molte lo hanno già ricevuto. Senza questo non ci sarà più concorrenza e centinaia di migliaia di posti di lavoro andranno persi, insieme ad un enorme valore economico”.

I divieti di viaggio e le chiusure dei confini hanno portato l’aviazione civile ad una drammatica battuta d’arresto, spingendo decine di compagnie a mettere i lavoratori in congedo non retribuito. Secondo l’International Air Transport Association, quest’anno i ricavi delle compagnie aeree saranno la metà rispetto al 2019, con una perdita secca di 314 miliardi di dollari.

Lufthansa, uno dei più grandi gruppi europei, sta riducendo le dimensioni della sua flotta e chiudendo uno dei suoi vettori low-cost, avvertendo che il settore dell’aviazione civile impiegherà anni per riprendersi dalla crisi.

Mentre le compagnie aeree statunitensi riceveranno decine di miliardi di dollari di sostegno come parte del pacchetto di stimolo da 2.000 miliardi di dollari, i governi europei al momento non hanno promesso salvataggi. EasyJet ha dichiarato mese di aver raccolto 600milioni di sterline (746,6 milioni di dollari) attraverso la “Covid Corporate Financing Facility” del governo britannico. British Airways e Virgin Atlantic hanno licenziato circa 38.000 dipendenti e contano sul fatto che il governo paghi l’80% degli stipendi. Un portavoce della Virgin Atlantic ha detto che la compagnia aerea sta “esplorando tutte le opzioni disponibili per ottenere ulteriori finanziamenti esterni”.

Virgin Group opera in molti dei settori che sono stati più duramente colpiti dalla pandemia del coronavirus, tra cui l’aviazione, il tempo libero, il turismo e le crociere: “La sfida che stiamo affrontando in questo momento è semplice da raccontare: che non ci sono soldi in arrivo ma molti in uscita”, ha detto Branson.

Le richieste di aiuto economico hanno trascinato l’imprenditore al centro di critiche, con diversi media pronti a ricordare che Branson non paga imposte nel Regno Unito poiché la sua residenza principale è nelle Virgin Island. In una lettera, Branson ha replicato dicendo che lui e sua moglie Joan “non hanno lasciato la Gran Bretagna per motivi fiscali, ma per il nostro amore per le bellissime Isole Vergini britanniche e in particolare per Necker Island”.

Industria
L’allarme dell’automotive: 15 settimane al disastro
L’allarme dell’automotive: 15 settimane al disastro
Rimane poco tempo per salvare il settore auto dell’UE e della Gran Bretagna dal rischio di perdere 110 miliardi di Euro per una Brexit senza accordo
Arriva «Stellantis», la nuova galassia dell’auto
Arriva «Stellantis», la nuova galassia dell’auto
È il nome scelto per la nuova creatura industriale che riunisce gli italo-americani di FCA con i francesi di PSA. Amministratore delegato Carlo Tavares
Regno Unito: 197 auto prodotte ad aprile
Regno Unito: 197 auto prodotte ad aprile
Il numero più basso di sempre, neanche paragonabile al crollo durante la Seconda Guerra Mondiale. Tutto il mercato dell’auto in profondo rosso
Renault & Nissan, ancora più vicine per non crollare
Renault & Nissan, ancora più vicine per non crollare
I due marchi hanno un disperato bisogno di aiuto, e l’alleanza che Carlos Ghosn ha costruito potrebbe essere la loro unica speranza di salvezza
Il braccio della morte degli aerei
Il braccio della morte degli aerei
Lo stop ai voli ha costretto industrie aeronautiche e compagnie a trovare una sistemazione ai loro velivoli. Ma non tutti torneranno a volare, per diversi lo stop equivale alla fine della carriera
Renault e Nissan pronte al divorzio
Renault e Nissan pronte al divorzio
Dopo vent’anni di alleanza, il caso Carlos Ghosn ha inasprito ancor di più rapporti che non sono mai stati idilliaci. Secondo il Financial Times i giapponesi stanno lavorando per una separazione in tempi brevi
Volkswagen apre ai rimborsi sul Dieselgate
Volkswagen apre ai rimborsi sul Dieselgate
Il colosso di Wolfsburg starebbe trattando un risarcimento con la Federazione dei consumatori tedeschi: va accettata dal 70% dei 440mila clienti che hanno citato in giudizio VW
FCA-PSA, è nato un colosso
FCA-PSA, è nato un colosso
La fusione, perfezionata nel giro dei prossimi mesi, crea un gruppo da 9 milioni di veicoli all’anno e 170 miliardi di utile operativo, a cui aggiungere 3,7 miliardi di risparmi grazie a sinergie e scambio di tecnologie
FCA-PSA: è fatta
FCA-PSA: è fatta
Manca l’ufficializzazione, ma il via libera dai cda dei due gruppi è arrivato ieri. Nasce il quarto gruppo mondiale automobilistico, con un patrimonio di 8,7 milioni di auto e 200 miliardi di euro di fatturato. Elkann presidente, Tavares ad
FCA-PSA, prove tecniche
di una nuova fusione
FCA-PSA, prove tecniche<br>di una nuova fusione
Archiviato il capitolo Renault, il Lingotto pare stia trattando un nuovo tentativo di fusione con altri francesi, quelli di Peugeot-Citroën. L’incognita della presenza del governo