20 anni di Cheese: un mondo di caci

| Una folla multietnica aumenta ad ogni nuova edizione della più celebre kermesse dedicata al formaggio. Quest'anno, per celebrare il ventennale, arriva la nascita ufficiale degli "Stati generali del latte crudo" voluti da Slow Food

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Charles De Gaulle si chiedeva sconsolato: "Come si può governare un paese che ha duecentoquarantasei varietà diverse di formaggio?". Problemi suoi che certamente non toccano Bra, placida e tranquilla cittadina agricola del cuneese, 30mila anime e qualche cittadino illustre come Giovanni Arpino, che qui visse a lungo, il ministro Emma Bonino e "Carlin" Petrini che proprio a Bra ha scelto di dare i contorni a "Slow Food", creatura nata timidamente piemontese e oggi diventata un impero planetario.

Ma Bra, una volta ogni due anni, fa di più: si trasforma in una delle capitali mondiali del formaggio che miete cifre da capogiro, specie in tempi di dieta finanziaria come questi: 9.000 mq di aree allestite, una media per edizione di oltre 270 mila visitatori, 350 espositori da 23 nazioni diverse, 16 affineur e selezionatori, 48 Presìdi Slow Food italiani e 11 internazionali, 14 cucine street food, 34 birrifici, 140 tipi di caci, 600 etichette italiane di vini, 40 laboratori del gusto, 3 appuntamenti a tavola presso l'Agenzia di Pollenzo, 16 conferenze e un focus quest'anno dedicato al complicato mercato caseario degli Stati Uniti. Il tutto per quattro giorni, da venerdì 15 a lunedì 18 settembre, dalle 10 alle 24.

La rivoluzione dei vent'anni

Quest'anno, per l'edizione del ventennale, il tema centrale dell'evento sono gli "Stati generali del latte crudo", una sorta di adunanza plenaria dei coraggiosi casari di tutto il mondo che continuano a produrre formaggi con latte non pastorizzato, e senza neanche sognarsi di non rispettare le norme igieniche e sanitarie. Per Cheese una rivoluzione o poco meno, visto che per la prima volta in vent'anni, ogni formaggio esposto a Bra è prodotto con latte rigorosamente non pastorizzato.

Una folla a caccia di assaggini

E se il tutto esaurito ad ogni laboratorio è un calcolo di pura gioia matematica, il tripudio spetta di diritto alla folla perenne che intasa il "Mercato italiano e internazionale": tendoni bianchi in cui all'interno va in scena ogni possibile trasformazione del latte cagliato, disposto a diventare un cacio da assaggiare, fotografare e comprare in milligrammi pesati su bilance da gioielleria. All'appello non manca nulla: formaggi dal Mediterraneo ai Pirenei, passando per il monte Ararat, con contorno di miele, confetture e altre delizie in cui intingere un pezzetto di cacio conquistato a fatica di fronte a picchetti di affamati di ogni età. Da non perdere, per chi se ne intende, l'assaggino del "Rogue River Blue", un formaggio americano che è possibile produrre solo in autunno, quando il latte diventa più intenso ed è possibile usare foglie di vite imbevute nel brandy alla pera. Oppure il "Saudade de Cuco", un cacio portoghese realizzato solo con il latte delle pecore di Serpa, nel sud del paese.

In realtà, "Cheese" è una festa a tutti gli effetti, che per quattro giorni si impossessa totalmente di vie e piazze di Bra, città sospesa fra Langhe e Roero. Proprio per questo non esiste biglietto d'ingresso, non sarebbe possibile: tutti liberi di gestire in piena libertà la maratona fra tome e caci, a caccia di assaggini e perché no, del formaggio da centellinare a casa propria.

Italia
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"
UN ANNO DOPO
Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
UN ANNO DOPO<br>Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
Nella notte del 30 aprile 2018, sulle montagne di Arolla, nel Vallese, si consumò una delle più gravi e dolorose tragedie della montagna degli ultimi anni. Sette persone morirono, uccise dall'ipotermia durante una tempesta
Rousseau, quando i grillini sono 'morosi'
Rousseau, quando i grillini sono
Su oltre 330 parlamentari, 61 non pagano le quote imposte dalla Casaleggio Associati, anche per una forma di dissenso verso una piattaforma on line spesso sotto accusa per il suo funzionamento. Conflitto di interessi?
Aumentano le “auto blu”
Aumentano le “auto blu”
Giallo, verde e blu: i primi due sono i colori simboli dei partiti al governo, l’ultimo quello delle auto della P.A., che invece di diminuire, aumentano grazie a due bandi Consip
Regeni: i genitori scrivono a Conte
Regeni: i genitori scrivono a Conte
In una lettera, inviata al premier attraverso il quotidiano Repubblica, i genitori di Giulio invitano Conte a pretendere la verità dal presidente Al Sisi