Americane stuprate o forse no

| Sembra sgonfiarsi il caso delle due turiste che avevanunciato due carabinieri. Ma restano gravi i reati e le violazioni del codice militare e il falso nella redazione dei verbali di quella notte

+ Miei preferiti
Carabinieri accusati di violenza a Firenze, forse solo il processo consentirà di arrivare vicini alla verrità. Intanto nell'avviso di conclusione indagini - che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio - i reati contestati al carabiniere scelto Pietro Costa e all' appuntato scelto Marco Camuffo sono quelli di concorso in violata consegna continuata e aggravata e di concorso in peculato militare aggravato. Le indagini sono state coordinate dal procuratore Marco De Paolis e dal sostituto Antonella Masala L'inchiesta della procura militare, avviata a metà settembre, è parallela a quella della procura ordinaria di Firenze che indaga sul presunto stupro denunciato dalle due studentesse, che hanno detto di essere state violentate dai due carabinieri, mentre erano ubriache, in un palazzo del capoluogo toscano la notte tra il 6 ed il 7 settembre scorso.

Il procuratore capo De Paolis e il sostituto procuratore Masala si sono occupati esclusivamente dei reati previsti dal codice penale militare, senza dunque entrare nel merito delle accuse di stupro, ed ora si accingono a chiedere il rinvio a giudizio per violata consegna e peculato militare. Il primo reato, in particolare, riguarda una serie di violazioni contestate ai due carabinieri: l'aver fatto salire a bordo dell'auto di servizio le due studentesse «senza autorizzazione alcuna, in assenza di ragioni di servizio e senza comunicare alcunché alla centrale operativa»; l'aver «sostato all'interno di un privato edificio» (quello dove sarebbe avvenuta la violenza - ndr) «in assenza di esigenze di servizio e per fini meramente privati, per circa mezzora, lasciando l'autovettura incustodita sulla pubblica via con all'interno le armi lunghe»; l'aver modificato «arbitrariamente» l'itinerario previsto nel loro ordine di servizio (nel quale nulla è stato annotato), portandosi in un settore di competenza di un'altra forza di polizia. Inoltre, sempre secondo il capo di imputazione, i due carabinieri avrebbero violato con la loro condotta una serie di disposizioni che disciplinano lo «svolgimento dei servizi esterni automontati».

Per quanto riguarda, invece, il reato di peculato militare, questo si sarebbe concretizzato - secondo l'accusa - nell'essersi appropriati dell'autovettura di servizio «effettuando il tragitto da Piazzale Michelangelo a Borgo Santi Apostoli per fini diversi da quelli istituzionali e comunque non consentiti». l numeri del cellulare di uno dei carabinieri accusati di stupro, registrato nella rubrica del telefono della vittima, una delle due studentesse americane che avrebbero subìto violenza sessuale il 7 settembre scorso a Firenze. Reato di cui Pietro Costa, 32 anni, è accusato con il collega Marco Camuffo, 53. È il colpo di scena emerso ieri, all'indomani dell'incidente probatorio (avvenuto mercoledì 22 novembre) che si è svolto nel chiuso dell'aula bunker del tribunale fiorentino, dove le due ragazze sono state ascoltate dal giudice Mario Profeta per 12 ore totali. Un tempo lungo, fatto di lacrime e tensioni al termine del quale una delle due è svenuta. La notizia del cellulare è stata confermata sia dall'avvocato Giorgio Carta che difende il militare, sia dalla legale Floriana De Donno, che rappresenta la studentessa con la collega Francesca D'Alessandro. Poi il giallo delle polizze assicurative anti-stupro. "Intanto non possono essere così definite - spiegano i legali delle ragazze - negli Stati Uniti non c'è la mutua e tutti hanno polizze assicurative sostitutive, semmai la violenza rientra nel novero dei possibili incidenti ma non in una voce specifica". E la somma di 35 mila euro come rimborso? "Non risulta sia in questi termini", chiosano i legali.
Intanto le due studentesse hanno avuto modo di commentare in modo negativo l'iter degli interrogatori: "Molto serrati e stressanti, ci hanno chiesto se eravamo attratte dai militari, ma uno aveva l'età di mio nonno: quando mai...". I carabinieri sotto accusa, sospesi dall'Arma, hanno ammesso di aver compiuto uno sbaglio nell'avvicinarsi alle ragazze durante il servizio ma escludono tassativamente la violenza: "Erano consenzienti, tutte e due", hanno ribadito davanti ai magistrati.


Italia
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini