CAMPI ROM I VELENI UCCIDONO

| La drammatica storia di Franco. Ha scoperto di avere un brutto male, e sospetta sia frutto di vent'anni passati a ripulire i roghi dei campi Rom

+ Miei preferiti

DI GERMANO LONGO
Lo chiamiamo Franco, anche se non è il suo vero nome. Ha scelto lui di fare così, perché sui giornali non ci vuole finire, e neanche gli piace che la gente sappia i fatti suoi. Franco ha 64, cinque figli, una manciata di nipoti e un brutto male ai polmoni, scoperto qualche mese fa. L'accento del sud gli è rimasto forte, e viene fuori ancora di più quando il tono di voce si scalda.


"Ho lavorato ogni giorno per vent'anni, dal 1997, presso i più grandi campi nomadi di Torino: prima in strada dell'Arrivore, quindi in via Germagnano e per finire in strada Aeroporto. Lavoravo per cooperative che avevano l'appalto delle pulizie dei campi, e per vent'anni ho visto bruciare qualsiasi cosa: dalle gomme agli elettrodomestici, dalle auto ai mobili, perfino l'amianto. Tutta roba che produceva un fumo acre, che noi respiravamo pulendo quel che restava dei roghi".

Per completezza di cronaca è giusto precisare che al momento non esistono prove mediche che colleghino in modo certo il male di Franco con l'attività svolta per così tanti anni, ma semplicemente dei sospetti: "Un mio collega è morto poco tempo fa e un altro lo scorso anno: era appena andato in pensione, ma non ce l'ha fatta a godersela. Io sono stato operato una prima volta alla testa per togliere un tumore, poi mi hanno trovato un'altra macchia ai polmoni. E ora non so".

L'abitudine ai roghi

È risaputo: per limitare il tanfo e scongiurare la presenza dei ratti, i Rom hanno l'abitudine di bruciare i propri rifiuti. Ma per aziende senza scrupoli, un campo rom è da sempre il posto migliore dove sversare illecitamente cose che nessuno vuole. Cose di cui nessuno parla ma che sono ben piantati nella coscienza comune, tanto da portare alle vivaci proteste di fine maggio degli abitanti di corso Vercelli, a nord di Torino, scesi in piazza per dire basta alle nubi nere e pesanti create dai roghi dei campi nomadi di via Reiss Romoli e strada dell'Aeroporto. "Non sappiamo cosa stiamo respirando" dicevano quasi in coro. E avevano ragione: forse non lo sa nessuno.

Italia
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi
L’Italia si è fermata
L’Italia si è fermata
Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico