CAMPI ROM I VELENI UCCIDONO

| La drammatica storia di Franco. Ha scoperto di avere un brutto male, e sospetta sia frutto di vent'anni passati a ripulire i roghi dei campi Rom

+ Miei preferiti

DI GERMANO LONGO
Lo chiamiamo Franco, anche se non è il suo vero nome. Ha scelto lui di fare così, perché sui giornali non ci vuole finire, e neanche gli piace che la gente sappia i fatti suoi. Franco ha 64, cinque figli, una manciata di nipoti e un brutto male ai polmoni, scoperto qualche mese fa. L'accento del sud gli è rimasto forte, e viene fuori ancora di più quando il tono di voce si scalda.


"Ho lavorato ogni giorno per vent'anni, dal 1997, presso i più grandi campi nomadi di Torino: prima in strada dell'Arrivore, quindi in via Germagnano e per finire in strada Aeroporto. Lavoravo per cooperative che avevano l'appalto delle pulizie dei campi, e per vent'anni ho visto bruciare qualsiasi cosa: dalle gomme agli elettrodomestici, dalle auto ai mobili, perfino l'amianto. Tutta roba che produceva un fumo acre, che noi respiravamo pulendo quel che restava dei roghi".

Per completezza di cronaca è giusto precisare che al momento non esistono prove mediche che colleghino in modo certo il male di Franco con l'attività svolta per così tanti anni, ma semplicemente dei sospetti: "Un mio collega è morto poco tempo fa e un altro lo scorso anno: era appena andato in pensione, ma non ce l'ha fatta a godersela. Io sono stato operato una prima volta alla testa per togliere un tumore, poi mi hanno trovato un'altra macchia ai polmoni. E ora non so".

L'abitudine ai roghi

È risaputo: per limitare il tanfo e scongiurare la presenza dei ratti, i Rom hanno l'abitudine di bruciare i propri rifiuti. Ma per aziende senza scrupoli, un campo rom è da sempre il posto migliore dove sversare illecitamente cose che nessuno vuole. Cose di cui nessuno parla ma che sono ben piantati nella coscienza comune, tanto da portare alle vivaci proteste di fine maggio degli abitanti di corso Vercelli, a nord di Torino, scesi in piazza per dire basta alle nubi nere e pesanti create dai roghi dei campi nomadi di via Reiss Romoli e strada dell'Aeroporto. "Non sappiamo cosa stiamo respirando" dicevano quasi in coro. E avevano ragione: forse non lo sa nessuno.

Italia
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"
UN ANNO DOPO
Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
UN ANNO DOPO<br>Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
Nella notte del 30 aprile 2018, sulle montagne di Arolla, nel Vallese, si consumò una delle più gravi e dolorose tragedie della montagna degli ultimi anni. Sette persone morirono, uccise dall'ipotermia durante una tempesta
Rousseau, quando i grillini sono 'morosi'
Rousseau, quando i grillini sono
Su oltre 330 parlamentari, 61 non pagano le quote imposte dalla Casaleggio Associati, anche per una forma di dissenso verso una piattaforma on line spesso sotto accusa per il suo funzionamento. Conflitto di interessi?
Aumentano le “auto blu”
Aumentano le “auto blu”
Giallo, verde e blu: i primi due sono i colori simboli dei partiti al governo, l’ultimo quello delle auto della P.A., che invece di diminuire, aumentano grazie a due bandi Consip
Regeni: i genitori scrivono a Conte
Regeni: i genitori scrivono a Conte
In una lettera, inviata al premier attraverso il quotidiano Repubblica, i genitori di Giulio invitano Conte a pretendere la verità dal presidente Al Sisi