Cantare in auto, una mano santa

| Riduce lo stress, aumenta la produzione di endorfine e il livello del buon umore. Lo dicono alcune ricerche scientifiche e lo conferma Nissan, che ha sondato fra le abitudini degli italiani

+ Miei preferiti
Su, dai: alzi la mano chi non ha mai cantato in macchina. Magari in autostrada, e meglio ancora se da soli, ma cantare nel chiuso dell’abitacolo è una di quelle tentazioni irresistibili che accomuna il genere umano, in una playlist ideale che va da “Grazie dei fiori” a “Despacito”. Dipende dai gusti.

Bene, secondo un paio di indagini divulgate proprio in questi giorni, la prima pubblicata sulle serissime pagine di “Frontiers in Psychology” e l’altra su quelle altrettanto prestigiose del “Journal of Behavioral Medicine”, cantare in auto fa bene, riduce lo stress, aumenta la sensazione di buon umore e provoca nell’organismo effetti che potrebbero addirittura essere paragonabili al rilassamento dello Yoga. Lo conferma un'altra indagine, realizzata dall’Università di Goteborg, in Svezia, che conferma la teoria: cantare aumenta la produzione di endorfine e ossitocina.

Da qui nasce un’altra iniziativa, questa volta firmata “Nissan” e creata per accompagnare il lancio sul mercato di una “Micra” pensata per le “ugole da città”, dotata di un un potente impianto Bose. A 2.500 italiani fra i 20 ed i 55 anni, interpellati via web, è stata chiesta l’opinione sull’abitudine di cantare in macchina. I risultati sono sorprendenti: per quasi un italiano su due, il 49%, cantare in macchina significa ritrovare il buon umore, per il 46% allenta lo stress e per il 38% aiuta non poco ad affrontare il traffico. Potendo, meglio cantare in compagnia (25%), anche se il 21% ammette l’esibizione solista.

Due parole sui generi, che vanno dalle hit più recenti (25%) ai classici del rock (23%), seguiti da hip-hop e rap a dividersi il 19%.

L’ultima nota sull’atteggiamento: solo il 16% preferisce limitare la performance a quando è in marcia, evitando di farlo durante le soste, mentre tutti gli altri se ne infischiano bellamente degli sguardi che arrivano dalle altre auto.

Italia
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi
L’Italia si è fermata
L’Italia si è fermata
Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico