In carcere e rovinato
ma Ricucci era innocente

| Il "furbetto del quartierino" è stato assolto dalle accuse assieme ad altri nove coimputati perché il "fatto non sussiste". Mesi di galera e considerazioni amare: "Via dall'Italia"

+ Miei preferiti

Stefano Ricucci è stato assolto dai giudici della quinta sezione penale del tribunale di Roma, dall’acqua di bancarotta fraudolenta patrimoniale aggravata dalla distrazione e dissipazione di quasi un miliardo di euro, in relazione al crac della Magiste International "perchè il fatto non sussiste". Il finanziere ex marito di Anna Falchi ha trasferito le sue attività all'estero e ora dice di essere legato solo a due persone, alla madre e al figlio. Gli altri Vip, donne comprese? "Quando va male spariscono. Meglio così".

Stefano Ricucci


Oltre all'immobiliarista, il collegio ha assolto altre nove persone, tra cui la madre Gina Ferracci, l'ex commercialista di fiducia Luigi Gargiulo, Fabrizio Lombardo (genero del banchiere Cesare Geronzi), l'ex cognato Francesco Bellocchi, gli ex componenti del collegio sindacale della Magiste Real Estate, l'ex amministratore unico della Visconti 2000, e un ex componente del cda di Magiste spa.Il tribunale ha recepito alla fine le argomentazioni dell'avvocato Massimo Biffa, secondo il quale Ricucci, cui la Procura aveva attribuito ben 26 capi di imputazione contestandogli una serie di trasferimenti indebiti di somme di denaro, era il 'dominus' di un unico gruppo rappresentato da più società che facevano tutte operazioni di trading immobiliare e finanziario lecite. Al centro degli accertamenti, il crac della Magiste International, società capogruppo dichiarata fallita il 19 gennaio del 2007.

Galleria fotografica
In carcere e rovinato<br> ma Ricucci era innocente - immagine 1
Italia
Sister Act
Sister Act
In Sicilia, due suore di conventi diversi scoprono negli stessi giorni di essere incinta. La prima è un’italiana di 34 anni, la seconda una donna del Madagascar che ha preferito tornare in Patria. Lo sconcerto delle due comunità
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
Dopo una lunga serie di ricorsi ed esposti, per le famiglie delle 7 ragazze italiane morte sul pullman finito fuoristrada, si apre la speranza di sapere la verità
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi