Carceri italiane sempre più pericolose "Colpa anche del permissivismo"

| Denuncia del sindacato Osapp dopo una serie di gravi episodi, dalle evasioni ai suicidi, sino all'aggressione di Vallanzasca a un agente

+ Miei preferiti
Suicidi, evasioni, Vallanzasca che aggredisce gli agenti, circolari del governo (obbligo di portare l'arma individuale anche fuori servizio dopo i fatti di Barcellona) contestate dai sindacati. Ma che succede nelle carceri italiane? E' in atto una spaccatura profonda tra operatori e Dap, il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria. Sempre più profonda. A Saluzzo muore impiccato un narcotrafficante del quartiere Brancaccio di Palermo, Fabio C. Gli agenti lo avevano soccorso immediatamente, ma ha cessato di vivere due giorni dopo in ospedale. Se ci fosse più personale, forse, episodi come questo potrebbero essere evitati.  E non si sono ancora spenti del tutto gli echi legati alle ultime evasioni, da Johnny lo Zingaro (poi catturato dalla polizia), evaso da Fossano e ripreso con la sua fidanzata a Siena. Poi altre fughe, anche da parte di reclusi del carcere minorile. Dinamica sempre eguale. Uomini e donne che non rientrano dai permessi accordati dai giudici di sorveglianza.
VALLANZASCA RELOAD

Ma è l'episodio di cui è protagonista l'ex boss della Comasina (Milano Anni '80, tra delitti, sequestri di persona, poliziotti uccisi) Renato Vallanzasca a dare il senso a un diffuso malumore tra gli agenti della polizia penitenziaria. Ne spiega le ragioni il segretario generale Osapp Leo Beneduci: "Nel carcere-modello d'Italia, un'aggressione in piena regola da parte di un detenuto che almeno per il passato, modello non è stato. Renato Vallanzasca, detenuto nel carcere di Milano Bollate ha aggredito (pochi giorni fa, alle 10,30 di una mattina qualsiasi, ndr) un agente di polizia penitenziaria in servizio nel settore dove i detenuti effettuano i colloqui con i propri familiari chiamato ‘Area verde'. Durante un controllo di routine, Vallanzasca avrebbe inveito contro il poliziotto penitenziario, scagliando contro quest'ultimo la borsa che aveva con sé e il contenuto in essa presente, colpendo l'agente ad una gamba. Attimi di tensione, quindi, in un settore ove vi erano altri familiari ed altri detenuti, con le conseguenze che ben si possono immaginare. L'agente ha dovuto lasciare il servizio". 

Commenti amari: "E così, anche nel cosiddetto carcere modello, constatiamo una aggressione in danno di un agente da parte di Vallanzasca, il quale, con la solita spavalderia, ha dato modo di parlare di sé, dimostrando il disprezzo per il lavoro che gli agenti e gli operatori in un istituto devono fare".
UN SISTEMA CHE NON FUNZIONA


Insomma, qualcosa non funziona. E non da ieri: "Il caso Vallanzasca è la ennesima dimostrazione tangibile di come il modello ‘custodiale' della sorveglianza dinamica stia dimostrando limiti sempre più evidenti, attesa la totale mancanza di regole che si traduce in episodi pregiudizievoli per l'ordine e la disciplina che quotidianamente come sindacato denunciamo". La sorveglianza dinamica vuol dire, semplicemente, che gli operatori sono così pochi da essere costretti ad evitare i controlli diretti e continui, per lasciare posto a una specie di sorveglianza occasionale, con tempi distanziati da un intervento all'altro. Per esempio, la pattuglia che svolge, secondo orari precisi, il controllo dei muri di cinta esterni. "Non siamo aprioristicamente contro la sorveglianza dinamica, ma se il Dap sostiene che con questa sorveglianza le aggressioni diminuiscono, smentendo la realtà dei fatti, evidentemente l'avvicendamento dei vertici assume carattere d'urgenza, visto lo stato delle carceri in Italia". Conclude Beneduci: "Non si può confondere dignità dell'esecuzione penale, della quale siamo fermamente convinti, e permissivismo quando accadono fatti gravissimi".

Italia
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"
UN ANNO DOPO
Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
UN ANNO DOPO<br>Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
Nella notte del 30 aprile 2018, sulle montagne di Arolla, nel Vallese, si consumò una delle più gravi e dolorose tragedie della montagna degli ultimi anni. Sette persone morirono, uccise dall'ipotermia durante una tempesta
Rousseau, quando i grillini sono 'morosi'
Rousseau, quando i grillini sono
Su oltre 330 parlamentari, 61 non pagano le quote imposte dalla Casaleggio Associati, anche per una forma di dissenso verso una piattaforma on line spesso sotto accusa per il suo funzionamento. Conflitto di interessi?
Aumentano le “auto blu”
Aumentano le “auto blu”
Giallo, verde e blu: i primi due sono i colori simboli dei partiti al governo, l’ultimo quello delle auto della P.A., che invece di diminuire, aumentano grazie a due bandi Consip
Regeni: i genitori scrivono a Conte
Regeni: i genitori scrivono a Conte
In una lettera, inviata al premier attraverso il quotidiano Repubblica, i genitori di Giulio invitano Conte a pretendere la verità dal presidente Al Sisi