Cent'anni di gratitudine

| Sono quelli che la lingua italiana deve a Nicola Zingarelli, paziente autore del primo Vocabolario della lingua italiana, efficace strumento che testimonia le mutazioni culturali e sociali del nostro paese

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
È un esperimento impossibile, ovviamente, ma se un italiano vissuto ben oltre un secolo fa si trovasse a vivere nel suo stesso paese oggi, probabilmente capirebbe ben poco. Cent'anni sono un frammento di tempo infinitesimale ma al ugualmente immenso, specie quando a cambiare non sono solo abitudini, mode, tendenze e costumi della gente, ma il modo stesso di esprimersi.

La pensava così anche Nicola Zingarelli, pugliese di nascita, umile figlio di un sarto destinato a diventare uno dei più grandi linguisti italiani. La sua intuizione più grande: ascoltare la gente, semplicemente, e capire prima di molti altri che la lingua cambia e diventa l'indizio più visibile dei mutamenti della società e della cultura. Mettere insieme un'opera da considerare eterna non bastava, perché "come per i progressi dell'aviazione e dell'automobilismo, anche il vocabolario invecchia a distanza di poco tempo, ed è necessario rifarlo ogni anno".

Migliaia di parole nuove

Oggi la carta stampata non è più sufficiente: l'edizione 2018 dello Zingarelli, quella del centenario e forse la più evoluta, arriva nelle librerie sotto forma di volume, ma con una dotazione tecnologica fatta di DVD per Windows e Mac, ebook e una "app", ma soprattutto racchiude 145mila voci, comprese 380mila fra sfumature di significato, inserti grammaticali, citazioni, sinonimi, contrari, definizioni d'autore e parole da salvare. Perché tanti termini scompaiono, non si usano più, sostituiti da altre e dagli invadenti inglesismi ormai entrati nel linguaggio comune.

E visto che oggi come allora, un vocabolario è una sorta di notaio che certifica o meno i mutamenti lessicali, entrano di diritto termini come "Post-verità", il fenomeno delle fake-news amplificate dalle rete, oppure termini come "Dronista", che indica i piloti dei droni. Ancora "Meetup", i siti che mettono in contatto più persone, "Jamboree", diventato sinonimo generico di raduno, "Emoij", le amatissime faccine della messaggistica digitale, le "Bacche di Goij", oggi molto di moda, e il "pane carrasau", il tipico pane sardo, sottile e croccante.

Ogni anno, le pagine diventano la testimonianza di piccoli, grandi e inevitabili mutamenti storici e sociali, come l'edizione del 1994, quando il termine "Tangentopoli" entra in modo dirompente nel linguaggio di tutti i giorni, seguito tre anni dopo da "Gratta e Vinci", il gioco introdotto dalla Finanziaria del 1997 e "Siliconato", per indicare chi aveva subito interventi di chirurgia plastica. Nel 2000 è la volta "Prozac", farmaco eletto a simbolo degli antidepressivi, e cinque anni dopo - grazie alle imprese di Francesco Totti ai Campionati Europei - è la volta del "Cucchiaio". Nel 2013, lo Zingarelli dà per buono perfino "Aumma aumma", il termine napoletano che indica qualcosa di nascosto, spalancando le porte due anni dopo a "Selfie", nuovo modo di definire l'antico autoscatto. Lo scorso anno l'onore è toccato alla "Supercazzola", termine inesistente reso celebre dalla saga di "Amici Miei" ma ormai utilizzato da nord a sud per dire nulla, insieme a "Stepchild Adoption", la legge sulle unioni civili, e "Foreign Fighters". L'elenco potrebbe continuare all'infinito con "Bullizzare", "Ecocastratofismo", "Bullizzare", "Cattivista" ed "Euroburocrazia", giusto per citare altri esempi.

Per contro, sono 3.125 le parole da salvare, quelle che quasi nessuno usa più, come sapido, fulgore, fragranza e solerte. Oggi preferiamo dire salato, luminoso, profumo, veloce. E forse ci siamo persi qualche sfumatura per strada.

L'uomo che amava i libri

Malgrado nel 1917 la popolazione fosse di gran lunga più umile e limitata culturalmente, non dev'essere stato comunque facile, per Nicola Zingarelli, mettere per iscritto tutti i vocaboli resi possibili dall'immensa lingua italiana. Un'opera titanica di ricerca e catalogazione iniziata nel 1912 e pubblicata a dispense, quando il "Vocabolario della Lingua Italiana", diventa un volume immancabile negli scaffali degli italiani.

Nicola Zingarelli, il fondatore di tutto questo, fra i libri ci era cresciuto: classe 1860, studia a Napoli per poi perfezionarsi in Germania. Una preparazione che gli vale una carriera di prim'ordine come docente nei più prestigiosi licei e atenei italiani, compreso il ruolo di direttore di letterature romanze dell'Enciclopedia Italiana presso l'Istituto Treccani.

Della sua opera più celebre, il Vocabolario, riuscirà a curarne tre edizioni, compresa la quinta, pubblicata nel 1935, a pochi mesi dalla morte.

Per i cento anni del suo Vocabolario, la Zingarelli ha organizzato un tour di incontri nelle scuole partita il 23 ottobre scorso da Cerignola, città natale di Nicola, per concludersi a Bologna il 15 dicembre prossimo.

Italia
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni
Bomba in un terreno nel bresciano
Bomba in un terreno nel bresciano
Domenica 16 giugno le operazioni di disinnesco dell’ordigno, ritrovato in un terreno agricolo di Adro, nel bresciano. Più di 2.000 le persone evacuate per precauzione
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
In pochi ancora lo dicono, ma modi e tempi delle chiusure delle due aziende sono la dimostrazione dell’incapacità del ministro del Mise. E un altro caso è pronto ad esplodere: quello di Auchan
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"