Chi voleva incastrare Roger Rabbit-Renzi?

| Le chat tra gli ufficiali del Noe di Napoli e gli investigatori creano un profondo sconcerto. Volevano intercettare anche il comandante generale Del Sette

+ Miei preferiti
"Se è vero, come sembra, quel che è accaduto all'interno dell'Arma, a Napoli, con i depistaggi Noe è arrivato il momento di fermarci e di fare una riflessione". I servizi dei media mainstream rimbalzano da una chat all'altra di centinaia di investigatori italiani. Viene fuori un quadro sconcertante. Due ufficiali del Noe stanno lavorando sulle intercettazioni del caso Consip. Vengono informati che in una trascrizione c'è Renzi che incontra l'imprenditore Romeo, ora in carcere, per la corruzione legata a Consip, ancora presunta. Vogliono, anzi vorrebbero che questo Renzi, Tiziano non Matteo, vada in carcere. Per andarci, però, deve avere a tutti costi avuto contatti con Romeo. Ma la trascrizione, riportata fedelmente dai carabinieri di quel reparto, dice un'altra cosa. A parlare è Italo Bocchino, coinvolto in qualche modo nell'inchiesta e parla di un incontro politico con Renzi. Matteo, non Tiziano. Babbo Renzi non c'entra un tubo, anche se resta indagato per "traffico di influenze". Questi due ufficiali sembrano ignorare del tutto la realtà della trascrizione e premono per l'altra versione; non hanno fiducia nei loro superiori lassù, al comando generale. Vorrebbero intercettare pure il generale Tullio Del Sette, nel segreto del suo ufficio. Quando il falso viene scoperto, si giustificano così: troppo lavoro, confusione nell'ascoltare i nastri, è stato un errore. Ma le chat di uno dei due con i suoi sottoposti lo smentiscono.
Chi trascriveva aveva correttamente ricostruito quella conversazione che andava in direzione opposto ai desideri dei suoi responsabili i quali inserivano nell'informativa finale il testo, diciamo, sbagliato. Un velo di silenzio cade sulla procura di Napoli, e ci si interroga qual'è il senso di una condotta anche ingenua, poichè nel corso dei vari accertamenti di quanto contenuto nelle carte, prima o poi l'errore sarebbe stato scoperto. Allora? Che senso ha la frase "dobbiamo arrestare Tiziano Renzi"? Dobbiamo? Cosa nasconde l'inchiesta di Napoli che, con il trascorrere dei mesi, assume contorni sempre più confusi e inquietanti? Il Noe dei carabinieri di Napoli che ha svolto la funzione di polizia giudiziaria sembrava muoversi su linee autonome, come un corpo di polizia a se stante, con un obiettivo politico da raggiungere. C'è sconcerto tra i carabinieri, adesso. Si domandano perché i pm si sono rivolti a un reparto le cui competenze dovrebbero limitarsi alle questioni ambientali, mentre il tipo di indagini legate a Consip richiederebbero invece la professionalità e il rigore dei reparti operativi dell'Arma, e anche dei Ros. Cosa veramente è successo lo sapremo quando la procura di Roma avrà concluso le indagini. Ma quanto è trapelato sinora getta una luce sinistra su un'indagine su un colossale appalto pubblico che stava per essere oggetto di manovre - pare - correttive. Ma questa è un'altra storia. 


Italia
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni
Bomba in un terreno nel bresciano
Bomba in un terreno nel bresciano
Domenica 16 giugno le operazioni di disinnesco dell’ordigno, ritrovato in un terreno agricolo di Adro, nel bresciano. Più di 2.000 le persone evacuate per precauzione
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
In pochi ancora lo dicono, ma modi e tempi delle chiusure delle due aziende sono la dimostrazione dell’incapacità del ministro del Mise. E un altro caso è pronto ad esplodere: quello di Auchan
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"