"Corsi ai credenti gay? No Grazie"

| L'arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia, con un lungo comunicato (forse dettato "anche" da Roma) stoppa il programma. Bloccati gli incontri per la formazione spirituale per gay. Vaticano "infastidito"

+ Miei preferiti

L’arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia fa sospendere un’iniziativa della Diocesi rivolta ai gay e la comunità degli omosessuali critica la decisione parlando di discriminazione. Pare che il Vaticano sia pesantemente intervenuto da Roma per bloccare la singolar einiziativa. Dopo le polemiche e l’eco avuto nei media attorno all’iniziativa, Mons. Don Gian Luca Carrega, responsabile della ‘Pastorale degli omosessuali’ della Diocesi di Torino, è stato costretto a comunicare alla quarantina di persone iscritte che tutti gli appuntamenti in Curia erano "annullati", in attesa di una decisione finale. . “La Diocesi di Torino – spiega Nosiglia – ha da diversi anni promosso un servizio pastorale di accompagnamento spirituale, biblico e di preghiera per persone omossessuali credenti che si incontrano con un sacerdote e riflettono insieme, a partire dalla Parola di Dio, sul loro stato di vita e le scelte in materia di sessualità”.

“Ciò non significa – dice ancora Nosiglia – approvare comportamenti o unioni omosessuali, che restano per la Chiesa scelte moralmente inaccettabili”.

“Il percorso che la Diocesi ha intrapreso – spiega ancora Nosiglia – non intende in alcun modo legittimare le unioni civili o addirittura il matrimonio omosessuale” . Ma l’arcivescovo di Torino sottolinea che questi principi hanno raccolto interpretazioni diverse – spesso superficiali, a volte tendenziose – che rendono necessario chiarire le caratteristiche e i limiti del lavoro in questo ambito pastorale. Per questo – conclude Nosiglia – ritengo, insieme con don Gianluca Carrega di cui apprezzo l’operato, che sia opportuno sospendere l’iniziativa del ritiro, al fine di effettuare un adeguato discernimento”. Alessandro Battaglia coordinatore del Torino Pride è sconcertato: "Una discriminazione, un passo indietro, non doveva accadere". Polemiche anche sui sociale e pareri contrastanti. "Fermato un abominio teologico", scrive un accatolico torinese su Fb, Ma un altro: "Prove di oscurantismo".

Italia
Sister Act
Sister Act
In Sicilia, due suore di conventi diversi scoprono negli stessi giorni di essere incinta. La prima è un’italiana di 34 anni, la seconda una donna del Madagascar che ha preferito tornare in Patria. Lo sconcerto delle due comunità
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
Dopo una lunga serie di ricorsi ed esposti, per le famiglie delle 7 ragazze italiane morte sul pullman finito fuoristrada, si apre la speranza di sapere la verità
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi