Dei delitti e delle pinne

| Terza edizione di un festival noir a pochi passi dal mare. Tra gli ospiti della prima serata Alessandro Meluzzi, il colonello Federici e il cronista Massimo Numa

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Ma chi l'ha detto che in vacanza nessuno ha voglia di pensare, riflettere e capire? Si può tranquillamente passare l'intera giornata sotto l'ombrellone e la sera concedersi una botta di cultura, che di questi tempi non guasta mai. A dimostrarlo c'è un evento che ha tenuto banco nel week end fra venerdì 8 e domenica 9 ad Andora, una delle tante località della riviera ligure meta di turisti e villeggianti: il Festival Ag Noir", terza edizione di una rassegna nata per volontà di Andrea G. Pinketts, scrittore e giallista milanese.

Tre giorni, in cui nella storica cornice dei giardini di Palazzo Tagliaferro, dimora nobiliare del XVIII secolo per lungo tempo adibita a colonia estiva, si sono alternati aperitivi, incontri, dibattiti, concorsi, mostre, workshop e proiezioni, tutto ovviamente in tinta noir.

Per la serata inaugurale, dopo la premiazione del concorso letterario "AG Noir 2017", un incontro ha attirato la curiosità di molti. Intitolato "Cogito ergo investigo", il momento clou della serata ha avuto come ospiti Alessandro Meluzzi, psichiatra, psicologo e opinionista televisivo, e il colonello dei Carabinieri Fabio Federici, criminologo, medaglia d'argento al Valor Civile, ambedue introdotti da Massimo Numa, firma del quotidiano "La Stampa" e direttore del magazine "TorinoStar". Accanto a loro Andrea G. Pinketts, ideatore e motore dell'evento noir di Andora e la conduttrice Christine Enrile.

I casi mediatici

Ci sono fatti di cronaca, soprattutto delitti, che più di altri conquistano l'opinione pubblica per mesi, trasformandosi in vere saghe infinite dove ogni passo in avanti nelle indagini diventa un colpo di scena. Il delitto di Avetrana, della giovane Sarah Scazzi, il caso Parolisi, il militare condannato per l'omicidio della moglie, l'omicidio di Meredith Kercher, rimasto senza colpevoli e, ancor più di recente, il caso di Elena Ceste e l'omicidio della tabaccaia di Asti. Proprio gli ultimi due casi, grazie alle indagini coordinate dal colonnello dei Carabinieri Fabio Federici, oggi comandante provinciale a Mantova, si sono risolti con la condanna in primo grado a trent'anni di carcere per Michele Buoninconti, marito di Elena Ceste, e altrettanti per Pasqualino Folletto, reo confesso dell'omicidio della tabaccaia astigiana Maria Luisa Fassi, uccisa con 45 fendenti nel luglio del 2015.

Il colonnello Federici si è soffermato sulle tecniche di indagini, sempre più sofisticate, ma soprattutto sulla grande attenzione che le forze dell'ordine prestano al sopralluogo iniziale, il momento in cui è possibile acquisire più indizi. Grandi consensi anche per Alessandro Meluzzi, che ha difeso il principio altamente democratico del processo penale pubblico, anche se questo significa cadere nella voracità dei media.

Per informazioni e programmi: www.agnoir.it

Italia
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni
Bomba in un terreno nel bresciano
Bomba in un terreno nel bresciano
Domenica 16 giugno le operazioni di disinnesco dell’ordigno, ritrovato in un terreno agricolo di Adro, nel bresciano. Più di 2.000 le persone evacuate per precauzione
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
In pochi ancora lo dicono, ma modi e tempi delle chiusure delle due aziende sono la dimostrazione dell’incapacità del ministro del Mise. E un altro caso è pronto ad esplodere: quello di Auchan
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"