Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo

| Abruzzo test nazionale, con la Lega che raddoppia i consensi e la coalizione di centro destra vincente. Governatore il senatore Marco Marsilio di Fratelli d'Italia, Tiene Forza Italia. E la sinistra è in forte ripresa

+ Miei preferiti

Il ritorno di Aldssandro Di Battista dal Sudamerica non solo solo non ha portato un voto in più al "fratello" Luigi Di Maio, ma le elezioni in Abruzzo per il rinnovo della carica di governatore suona invece come una drammatica sconfitta. Il ritono del rivoluzionario coincide con un calo spaventoso rispetto al 4 marzo, quando i grillini avevano portato a casa oltre 300 mila voti, mentre questa volta non arrivano a 50 mila. La candidata "del cambiamento", Sara Marcozzi (nella foto con Beppe Grillo), arriva terza con una percentuale inferiore al 20 per cento (mancano ancora i dati definitivi). Vince la Lega, primo partito con il 26,2%, e guida il centrodestra unito verso una vittoria netta (48,3%), i 5 Stelle affondano e si fermano al 19,8, dato ancora provvisorio. Il candidato del centro sinistra Giovanni Legnini, che ha corso con una lista propria, trascina la coalizione a un lusinghiero secondo posto con 31,2, viste le premesse. L’affluenza scende al 53,1%, 8 punti in meno rispetto al 2014.

Marco Marsilio di Fratelli d’Italia conquista così la poltrona di governatore dell’Abruzzo sostenuto da Matteo Salvini, Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni: "Grazie Abruzzo, grazie Italia più forti degli attacchi, delle bugie e delle polemiche", ha twittato il vicepremier della Lega. E Fratelli d'Italia celebra il suo primo governatore. Forza Italia con il 9,5% contiene la flessione rispetto alle Politiche 2018. Scene di entusiamo nel comitato elettorale di Marsilio, soddisfatti Legnini e i Dem, e soddisfatta pure la Marcozzi che parla di un "allineamento" rispetto ai risultati del 2014, quando era stata eletta consigliere con il 21 per cento. Ammettere la sconfitta? Non se ne parla proprio. Ma la legge dei numeri non lascia spazio ai pietosi slalom post-elettorali da Prima Repubblica. 

 
Italia
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi
L’Italia si è fermata
L’Italia si è fermata
Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico