"Doveva mangiare i resti di Pamela"

| Intercettazione da brivido dal carcere dei presunti complici di Inoocent Oseghale. Ma potrebbero essere presto scarcerati, non ci sono prove che abbiano partecipato al delitto. Famiglia contraria

+ Miei preferiti

“Innocent ha fatto un solo errore, dopo che aveva fatto a pezzi il corpo avrebbe dovuto mangiare i resti, così nessuno li avrebbe mai più trovati”. Gli echi delle intercettazioni dal carcere dei due presunti complici dell’assassino di Pamela Mastropietro mettono i brividi, ma forse “loro” sono in tutto o in parte innocenti. Lucky e Awelima potrebbero essere scagionati con molta probabilità sia dal delitto che dallo smembramento del cadavere. Non avrebbero ucciso Pamela Mastropietro, e neppure l’avrebbero violentata. La loro posizione è la vaglio degli inquirenti e non è escluso che possano essere liberati, non subito ma al termine degli accertamenti tecnico-legali. La posizione di Innocent Oseghale, accusato di omicidio aggravato dalla crudeltà, distruzione e occultamento del cadavere, resta la più compromessa. Ad Awelina Lucky, Oseghale gli avrebbe telefonato per invitarlo a stuprare una ragazzina “drogata”. E non ci sono elementi, impronte, dna, testimonianze che proverebbero la loro presenza nella casa dell’orribile delitto. Gli avvocati Gianfranco Borgani e Giuseppe Lupi, i loro difensori, hanno presentato un ricorso per ottenerne la scarcerazione. La famiglia di Pamela è contraria a un così rapido ritorno in libertà dei presunti complici. Lo zio della vittima chiede che “nessuno dei nigeriani coinvolti all’interno del caso venga scagionato. E’ impossibile che Innocent Oseghale abbia fatto tutto da solo, senza l’aiuto di due o più complici”.

Italia
Sister Act
Sister Act
In Sicilia, due suore di conventi diversi scoprono negli stessi giorni di essere incinta. La prima è un’italiana di 34 anni, la seconda una donna del Madagascar che ha preferito tornare in Patria. Lo sconcerto delle due comunità
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
Dopo una lunga serie di ricorsi ed esposti, per le famiglie delle 7 ragazze italiane morte sul pullman finito fuoristrada, si apre la speranza di sapere la verità
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi