Edoardo, quella triste guerra per il risarcimento

| La famiglia torinese dello studente reso invalido da un incidente stradale combatte contro il cinismo delle assicurazioni

+ Miei preferiti

La dolorosa guerra della famiglia di Edoardo Bonelli, il giovane torinese rimasto gravemente invalido per un incidente stradale, per ottenere dall'assicurazione un risarcimento che tenga conto delle esigenze di tutela proiettate nel futuro è forse il capitolo più doloroso, amaro e inquietante. Nel corso degli incontri tra i legali che tutelano lo studente e il pool di tecnici e avvocati della compagnia di assicurazione, si è assistito a un triste balletto delle responsabilià, preceduto però da una buona dose di retorica, necessaria ad ammantare di un velo di pietismo ("Siamo consapevoli del dolore...ci sentiamo vicini al ragazzo..."etc) un'azione volta - semplicemente - a contenere le somme dovute. Qui non si tratta di speculare, ma di stabilire una somma che quantifichi realisticamente i costi dell'assistenza proiettati nei prossimi decenni, quando Edoardo potrebbe restare solo, senza la sua famiglia che oggi lo sostiene - con amore - con tutte le risorse possibili. E' un discorso duro, privo di operazioni di camuflage inutili e fuorvianti, ma alla fine la risposta dei liquidatori è stata ambigua e insufficiente. Ambigua perchè non tiene conto delle disabilità occorse a Edo, fuorvianti perchè stabilisce un tetto al risarcimento deciso in modo autonomo, fortemente insufficiente, senza una mediazione che tenga conto dei costi reali. Questo è lo scenario in cui le famiglie - nella stessa situazione dei genitori di Edoardo - che hanno subito una tragedia di questo genere, di questa portata, devono affrontare ogni giorno. Riportiamo il servizio comparso sulle colonne de La Stampa, con un'intervista ad Edoardo.
la Redazione di Torino Star
----
da La Stampa

Nel pieno di un dibattito, non sempre sereno, sul fine-vita, sul "diritto" di morire con una legge dello Stato, sui viaggi senza ritorno nelle cliniche svizzere, accompagnati anche da politici e supporter, Edoardo
 Bonelli, 18 anni, studente del liceo americano, dopo un banale incidente stradale che gli ha causato una devastante invalidità, racconta invece una storia diversa. La sintesi è un messaggio contro la rassegnazione, contro la disperazione, contro un modo facile di valutare il dono della vita in tutte le sue dolorose sfumature. Non è una questione "solo" religiosa, ma anche una riflessione che appartiene a una visione laica.

"Mi ha tagliato la strada, andavo piano"

"L'incidente è avvenuto un anno e mezzo fa, un'automobilista mi ha tagliato la strada e sono caduto. Se si dovesse ripetere per mille volte quella dinamica, non ci sarebbero conseguenze così gravi. Frattura di due vertebre alte, C5 e C6, paralisi quasi completa. Per mesi in un letto, poi faticosamente ho ripreso un minimo di funzionalità, vedi? Con le mani riesco a sfiorare la tastiera del telefono, sono connesso…".

Una vita che cambia tutto in una frazione di secondo. Prima e dopo. Con la depressione, Edoardo lo dice senza timore, anche l'idea del suicidio. "E' vero, sì. Ci ho pensato. E poi, grazie alla mia famiglia, ai miei amici, a me stesso soprattutto, ho iniziato a riflettere. Alla fine di questo lungo e, non lo nascondo, difficile percorso ho deciso di credere nel mio futuro, di trovare le ragioni per continuare a vivere. Se può essere utile condividere questo messaggio per chi è nelle mie stesse condizioni, allora lo faccio volentieri, parlandone e ascoltando anche voci diverse. Non voglio entrare nel merito di chi ha fatto altre scelte o di chi sostiene l'eutanasia. Ma la strada potrebbe essere un'altra. Quella di una razionale speranza, proiettata nel tempo, senza limiti, senza utopie".

"Una speranza contro la rassegnazione" 

Edoardo frequenta con buon profitto il liceo americano di Torino, ogni mattina va a scuola, sulla sedia a rotelle, accompagnato con un'auto attrezzata. Studi, gli amici, nel week end va in montagna, è un tifoso del Toro, e anche oggi non riesce proprio a odiare la sua moto, una Ktm 125 da enduro; forse per colpa di una manovra errata altrui (è in corso un processo), è diventato un invalido: "Andavo piano, avevo non solo il casco integrale, ma le protezioni per la schiena, i guanti, tutto il resto…". Un impatto a bassa velocità ma il destino sembra quello tracciato dal film "Sliding Door", un porta che può aprirsi o chiudersi, e la sorte cambia per sempre, perfetta rappresentazione del fato, secondo gli antichi greci.

"All'inizio anche i miei rapporti sociali li sentivo più difficili, prima di tutto, credo, devi accettare tu quello che sei, poi gli altri. Ora i miei amici sono tornati ad essere gli stessi di prima, ci vediamo, usciamo, la questione del mio stato, che esiste con tutte le implicazioni che comporta, non conta più, se non per i limiti fisici". Va tutto bene, dunque? "I momenti di banale scoramento, o di tristezza, o di malinconia, o anche di dolore, ci sono stati, ci sono e ci saranno. La condizione umana, anche in una vita normale, genera lo stesso sofferenze e pensieri neri. Nella mia condizione è un processo ancora più complicato. Ma sono sicuro di avere una solida volontà di reagire". Edoardo sa tutto sulle prospettive della scienza e di una chirurgia in continua evoluzione, sull'esoscheletro (la possibilità di alzarsi e camminare sostenuti da protesi digitalizzate e guidate da remoto) e sulle ultime tecniche ricostruttive. Zero illusioni: "L'esoscheletro, almeno in questa fase, assicura solo una mobilità limitata. Credo che il vero passaggio cruciale sia la ricostruzione del midollo leso, ma non so se ci riusciranno mai".

Risarcimenti, capitolo amaro

Edoardo ha solo 18 anni, presto molti dei limiti della medicina attuale potrebbero evolvere in senso positivo. Ma bisogna attrezzarsi. E' qui l'aspetto più amaro. La questione dei risarcimenti è centrale in una storia come la sua. Le assicurazioni, specie in questo periodo, vogliono pagare il meno possibile, complicando il futuro dei ragazzi come Edoardo ma anche delle loro famiglie. Il costo dell'assistenza è altissimo, e va pianificato per decenni, anche quando i malati resteranno soli. Le pratiche si muovono lentamente, l'esito dei processi è spesso incerto. Edoardo tace. I suoi familiari anche. Gli avvocati sono al lavoro, con uno strano male nel cuore. Sarà una battaglia lunga e insidiosa.

Italia
Parola di Zingaretti'>'Di Maio sciacallo in cerca di voti'
Parola di Zingaretti
Parola di Zingaretti' class='article_img2'>
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati