Fenomenologia del “Dibba”

| Ritratto del più inafferrabile dirigente del M5S: in viaggio dallo scorso maggio, di tanto in tanto si toglie lo sfizio di entrare a gamba tesa nella politica italiana e agitare le acque

+ Miei preferiti
“I politici sono come i pannolini: vanno cambiati spesso”. Alessandro Di Battista si è preso alla lettera, cosa che non succede così spesso alla sua categoria: lui, che politico vero non si è mai sentito fino in fondo, nel momento in cui le truppe grilline sfondavano le porte di Palazzo Chigi, ha preferito gettare la sciabola e andare via. Nei film lo fanno solo gli eroi veri, quelli che si allontanano sciolti in un tramonto rosso fuoco. Ma fra chi resta a guardare c’è sempre qualche maligno, che sussurra non si tratti di eroismo, ma di una raffinata strategia di marketing politico: sfilarsi dalla prima ondata di peones capitanata da Giggino Di Maio ed essere pronto a guidare le truppe scelte, l’élite dell’esercito grillino.

Dibba è in viaggio dal 29 maggio con moglie e figlio. Lo ha annunciato via social, raccontando di un peregrinare fra California, Messico e Panama che non finirà prima di dicembre. In tasca un contratto con “Il Fatto Quotidiano” per cui scrive reportage, definendosi un cacciatore di “idee e persone che lottano per i loro diritti, di politica con la P maiuscola”.

E malgrado un oceano e qualche ora di fuso orario di mezzo, si tiene stretto il vezzo sottile di scompigliare le carte entrando a gamba tesa nelle questioni politiche italiane: “Salvini deve restituire i 49 milioni di euro, le sentenze si rispettano”. Così, tanto per grattare via un po’ di vernice all’alleanza scricchiolante fra i suoi e la Lega.

Risvolti di un personaggio che non ha mai nascosto simpatie e antipatie: definisce la Boldrini un’ipocrita, Renzi un incoerente, Denis Verdini il vero capo del PD, la Boschi una persona disconnessa. Amico fraterno di Fedez, con cui ha messo in piedi una sorta di scambio alla pari: il rapper lo aggiorna sulla musica, lui sulle cose politiche.

Romano, classe 1978, nasce a Vigna Stelluti, enclave della buona borghesia con tendenze destrorse. In realtà la politica ce l’ha nel sangue: suo padre Vittorio, titolare della “Dibitech”, un’azienda di sanitari, era consigliere comunale per il Movimento Sociale Italiano. Ma le idee fasciste del padre lasciano il posto a Marx e Che Guevara.

Ricorda che a 18 anni, in vacanza a Corfù, sale sul gommone insieme al padre e insieme raggiungono il panfilo di D’Alema. Suo padre inveisce accusando “baffino” di aver tradito gli ideali della sinistra. D’Alema li guarda, ammutolito.

Qualche canna da ragazzino e svariati tentativi di diventare vegetariano, miseramente abbandonati davanti ad un piatto di pesce o una grigliata di carne fatta come dio comanda. 

Studia allo scientifico e si laurea in Arti, Musica e Spettacolo all’Università di “Roma Tre”. Lavora come animatore nei villaggi in Calabria e Sicilia, ma la passione per i grandi viaggi lo accompagna da sempre: messa in tasca la laurea parte per il Guatemala con un progetto della Caritas italiana. È l’inizio di un lungo girovagare per il Sudamerica: quando torna scrive “Sulle nuove politiche continentali”.

L’incontro con Casaleggio nel 2011: Dibba fa colpo. È colto, impegnato e vanitoso, ma con una nota da “cazzaro” di buona famiglia che buca lo schermo. Gli offrono tremila euro per andare in Colombia e scrivere un libro, “Sicari a cinque euro”, pubblicato con l’editrice L’Adagio”. Torna e sembra pronto a ripetere l’esperienza raccontando il Portogallo, ma gli offrono la candidatura nel Movimento 5 Stelle.

Nel 2014 il “New York Times”, affascinato dalla figura di un politico controcorrente, lo mette al primo posto della classifica per le balle più grosse dell’anno: in una manifestazione al Circo Massimo definisce la Nigeria come “un paese per il 60% in mano a Boko Haram, e per quel che resta in mano all’Ebola”. Le gaffe, lungo il cammino di Dibba, non mancano: scambia l’ex presidente francese Hollande per un premio Nobel, confonde Austerliz con Auschwitz, tuona chiedendo i vaccini gratuiti, poi qualcuno gli sussurra che già lo sono.

I colleghi lo chiamano “anguilla”, per l’abilità con cui si divincola quando l’aria intorno si fa stretta, per altri è “gallo cedrone”, un vanitoso politico 2.0, che c’è solo quando decide di esserci.

Galleria fotografica
Fenomenologia del “Dibba” - immagine 1
Fenomenologia del “Dibba” - immagine 2
Fenomenologia del “Dibba” - immagine 3
Fenomenologia del “Dibba” - immagine 4
Italia
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi
L’Italia si è fermata
L’Italia si è fermata
Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico