"Gettata in mare perché piena di sabbia dava fastidio mentre la stupravamo"

| Orrore Rimini. Restano in carcere il congolese, i due marocchini e il nigeriano autori di raccappriccianti violenze contro i turisti polacchi. La trans massacrata di botte

+ Miei preferiti
Dalle carte del gip di Bologna che ha convalidato l'arresto di Guerlin Butungu, profugo congolese di 20 anni, ospite di una comunità del Pesarese, sbarcato in Italia nel 2015 con lo status di richiedente asilo, e dei tre minori (due marocchini e un nigeriano), cioè il branco che ha stuprato a Rimini una turista polacca e un trans di origine peruviana, emerge un quadro di sevizie così raccapriccianti da superare ogni limite. Hanno seviziato per un'ora la giovane polacca, dopo avere picchiato con estrema violenza il suo compagno. Botte, minacce, violenze di gruppo ripetendo e urlando "I kill you". Poi alla fine l'hanno, stordita e quasi incosciente, in acqua perché aveva "troppa sabbia nei genitali " ed era "fastidioso" mentre la stupravano. Nessuna pietà. Idem con la trans. Butungu ci ha provato a dire che lui voleva pagarla ma è falso. La vittima ha raccontato che erano pieni di sabbia, sporchi, aggressivi.
"SE HAI IL C...TI AMMAZZIAMO"
Afferrata per i capelli, trascinata dietro un cespuglio, colpita alla testa con una bottiglia. "Dì cosa sei, un uomo, una donna, se hai il c…ti ammazziamo", ha sibilato Butungu prima di aggredirla. Poi pugni in faccia, calci. Alla fine gettata per terra e violentata da tutti. I marocchini più crudeli e violenti, Il congolese attento alla regia di un film horror. Il nigeriano passivo e obbediente ma anche lui, alla fine, totalmente colpevole di quanto è accaduto. Le due vittime gli imploravano di lasciarle stare. La giovane polacca s'è trovata con il viso affondato nella sabbia, rischiando di soffocare, s'è difesa con tutte le sue forze ma la tenevano in tre. Resteranno in carcere, il maggiorenne rischia una pena di 20 anni, gli altri, i minorenni, meno. Chi potrebbe uscire presto è il quindicenne, per l'età e per i percorsi di recupero previsti per gli adolescenti. Con le compagne di scuole di vantava: "Le faccio bere e poi le stupro". Detto fatto. 


Italia
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma