"Gettata in mare perché piena di sabbia dava fastidio mentre la stupravamo"

| Orrore Rimini. Restano in carcere il congolese, i due marocchini e il nigeriano autori di raccappriccianti violenze contro i turisti polacchi. La trans massacrata di botte

+ Miei preferiti
Dalle carte del gip di Bologna che ha convalidato l'arresto di Guerlin Butungu, profugo congolese di 20 anni, ospite di una comunità del Pesarese, sbarcato in Italia nel 2015 con lo status di richiedente asilo, e dei tre minori (due marocchini e un nigeriano), cioè il branco che ha stuprato a Rimini una turista polacca e un trans di origine peruviana, emerge un quadro di sevizie così raccapriccianti da superare ogni limite. Hanno seviziato per un'ora la giovane polacca, dopo avere picchiato con estrema violenza il suo compagno. Botte, minacce, violenze di gruppo ripetendo e urlando "I kill you". Poi alla fine l'hanno, stordita e quasi incosciente, in acqua perché aveva "troppa sabbia nei genitali " ed era "fastidioso" mentre la stupravano. Nessuna pietà. Idem con la trans. Butungu ci ha provato a dire che lui voleva pagarla ma è falso. La vittima ha raccontato che erano pieni di sabbia, sporchi, aggressivi.
"SE HAI IL C...TI AMMAZZIAMO"
Afferrata per i capelli, trascinata dietro un cespuglio, colpita alla testa con una bottiglia. "Dì cosa sei, un uomo, una donna, se hai il c…ti ammazziamo", ha sibilato Butungu prima di aggredirla. Poi pugni in faccia, calci. Alla fine gettata per terra e violentata da tutti. I marocchini più crudeli e violenti, Il congolese attento alla regia di un film horror. Il nigeriano passivo e obbediente ma anche lui, alla fine, totalmente colpevole di quanto è accaduto. Le due vittime gli imploravano di lasciarle stare. La giovane polacca s'è trovata con il viso affondato nella sabbia, rischiando di soffocare, s'è difesa con tutte le sue forze ma la tenevano in tre. Resteranno in carcere, il maggiorenne rischia una pena di 20 anni, gli altri, i minorenni, meno. Chi potrebbe uscire presto è il quindicenne, per l'età e per i percorsi di recupero previsti per gli adolescenti. Con le compagne di scuole di vantava: "Le faccio bere e poi le stupro". Detto fatto. 


Italia
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni
Bomba in un terreno nel bresciano
Bomba in un terreno nel bresciano
Domenica 16 giugno le operazioni di disinnesco dell’ordigno, ritrovato in un terreno agricolo di Adro, nel bresciano. Più di 2.000 le persone evacuate per precauzione
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
In pochi ancora lo dicono, ma modi e tempi delle chiusure delle due aziende sono la dimostrazione dell’incapacità del ministro del Mise. E un altro caso è pronto ad esplodere: quello di Auchan
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"