Il governo giallo-verde sa già la verità

| Dimissioni, revoca della concessione alla società e multa da 150 milioni. Di Maio: "Devono pagare". Ma l'inchiesta della procura è solo all'inizio. Il bilancio di morti e feriti, bonifiche in corso

+ Miei preferiti

Toninelli e Di Maio fanno la voce grossa e vogliono togliere la concessione alla società dei Benetton. Subito. E poi una bella multa “da 150 milioni”. Il vice-premier sa già che la “manutenzione” non è stata fatta e dunque i responsabili “devono” pagare. Ma buon senso e continenza, anche per rispetto delle decine di vittime, dei feriti, e di tutte le famiglie delle persone coinvolte, forse indurrebbero ad aspettare che la procura avvii un’inchiesta e che la concluda nei tempi necessari. Il procuratore di Genova Cozzi ha fatto un sopralluogo sul luogo del disastro e ha detto una cosa semplice e fondamentale: bisogna cercare la risposta del perché è avvenuto. E’ stato aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo plurimo e il pm ha dato incarico alla polizia giudiziaria di effettuare una prima corposa serie di sequestri documentali, del tutto ignaro delle conclusioni perentorie firmate da direttori di quotidiani di lotta e ora soprattutto di governo che tutto si credeva ma non che avessero anche una laurea in ingegneria civile. Sottrarsi dunque al metodo alla Robespierre di una parte del governo, sarebbe solo una prova di elementare serietà. Insomma, cautela.

La società autostrade in un comunicato spiega che i cicli di manutenzione sono stati sempre effettuati nel corso degli anni. C'è il problema dei tiranti che molti tecnici avevano valutato in non buone condizioni e sostituirli sarebbe costato molto. Eccola, integrale: “Il viadotto Polcevera (dal nome del corso d’acqua che attraversa), più noto come “Morandi”, collega Cornigliano a Sampierdarena e sovrasta una zona produttiva detta “Campi”, tagliata in due anche dal passaggio della ferrovia. Unisce le due parti del capoluogo ligure, da Ponente a Levante ed è snodo fondamentale anche per raggiungere il porto e i traghetti, oltre all’aeroporto. In relazione al crollo di parte del viadotto Polcevera sull’A10, sulla struttura - risalente agli Anni ‘60 - erano in corso lavori di consolidamento della soletta del viadotto e che, come da progetto, era stato installato un carro-ponte per consentire lo svolgimento delle attività di manutenzione. I lavori e lo stato del viadotto erano sottoposti a costante attività di osservazione e vigilanza da parte della Direzione di Tronco di Genova. Le cause del crollo saranno oggetto di approfondita analisi non appena sarà possibile accedere in sicurezza ai luoghi”.

E stamane, sul tema, Non si ferma il conto delle vittime provocate del crollo del ponte Morandi a Genova: nel corso della marttinata, secondo gli ultimi dati forniti dalla Prefettura, il bilancio è salito a 39 morti, di cui 5 ancora non identificati. Ma ci sono ancora molti dispersi. Tra le vittime anche un bambino di 8 anni e due adolescenti di 12 e 13 anni.

Sono 16 i feriti ricoverati negli ospedali, tra cui 12 in codice rosso: una persona è stata dimessa nella tarda serata di ieri. E decine coloro che si sono fatti medicare o assistere sotto il profilo psicologico. Le ricerche dei corpi e di eventuali superstiti sono andate avanti tutti la notte e proseguiranno ad oltranza, ma per rimuovere le macerie di vorranno giorni. Le squadre dei vigili del fuoco hanno lavorato sui due lati del Polcevera in cui ci concentrano le macerie e anche nel letto del torrente.

Precisa il governatore della Liguria Toti: ”Il bilancio delle vittime è sensibilmente superiore alle cifre divulgate ieri sera. Quello definitivo verrà fornito quando i numeri saranno certi, per la maggior parte dei feriti - ha aggiunto - secondo i medici ci sono buone speranze di salvezza. Nel frattempo si sta ancora scavando sotto il ponte, non tutte le zone sono state raggiunte, siamo al lavoro per trovare gli ancora numerosi dispersi".

Al momento due delle tre aree di ricerca sono state bonificate: si tratta di quella che si trova sul lato sinistro del fiume, dove ci sono i depositi dell'Amiu - l'azienda ambientale del Comune di Genova - e di quella al centro del Polcevera, dove ci sono i resti di diversi mezzi pesanti e di auto schiacciate da un enorme pezzo di ponte conficcato nel terreno. Le ricerche invece continuano nella zona della ferrovia.

Oggi a Genova vertice con i due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio e il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Dopo un sopralluogo, riunione con il premier Giuseppe Conte (rimasto nella notte a Genova e che in mattinata ha visitato i feriti ricoverati negli ospedali San Martino e Stalla) e con le autorità locali per fare il punto della situazione e decidere modi e tempi dei primi interventi da realizzare: risolvere il problema della circolazione nel nodo di Genova e abbattere quel che resta del ponte. E soprattutto creare un piano B per la viabilità della regione.

r.ism

Italia
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni