Il granitico No grillino alla Tav, ecco perché

| Il Fondatore M5S Beppe Grillo s'è innamorato del movimento No Tav parecchi anni fa ed è stato pure condannato per aver violato i sigilli di un presidio sotto sequestro. E Di Maio costretto a dire "No" per sempre

+ Miei preferiti

Perché il Movimento 5 Stelle non può più fare marcia indietro sulla Tav, al di là di ogni ragionevolezza, con il rischio concreto di pagare pesanti penali e con i severi ammonimenti UE? Senza dimenticare la perdita dei posti di lavoro, che magari importano poco al duo che si appresta a varare il governo giallo-verde. Sarà un No granitico perché arriva direttamente dal Fondatore, Beppe Grillo, che una volta era favorevole all’Alta Velocità poi un giorno scoprì il movimento No Tav - con il famoso esempio di un mozzarella prodotta in Italia che deve andare in Cina e poi tornare nel market sotto casa (non è vero ma pazienza) - e i montanari che si oppongono al progetto in nome di un’idea diversa di progresso, che sciorinano dati e statistiche come un juke box sintonizzato sempre sulla stessa canzone. Ebbene, Grillo - un uomo in cui prevale l’istinto, lo sberleffo e il vaffa - se ne innamorò.

Spesso andava in Val Susa, se ne stava a girovagare per un’oretta nei presidi, abbracciava il portavoce storico Alberto Perino sino a che, un giorno, sceglie di entrare in una baracca sotto sequestro (perchè abusiva) violandone teatralmente i sigilli. Sotto gli occhi dei carabinieri che lo denunciano. Ebbene, alla fine ha rimediato una mini condanna, tra appelli retorici, invettive e tutto il repertorio dialettico di chi si oppone da 30 anni al supereremo. Infine, nelle piazze affollate dei comizi elettorali a Torino e in Val Susa, era solito ospitare sul palco lo stesso Perino, uno che - sia detto senza malizia - in certi momenti della vertenza appariva, tra i due, come il vero comico. A questo punto il Fondatore, se i suoi dioscuri facessero marcia indietro, ci perderebbe la faccia e non solo. Per questo ha inserito una guardiana della rivoluzione come Laura Castelli, il cui curriculum professionale, insomma, non è proprio entusiasmante, ma che nel suo passato ha una lunga e vivace militanza nelle schiere del “generale Perino”, una specie di Pancho Villa intento da anni a passare in rivista le sue "truppe", compresi gli attivisti dei centri sociali e una parte degli anarchici e infine i valligiani dei 36 comitati, a cui nessuno può mettere in dubbio una perfetta buona fede. Oggi Perino è malinconico. Dice che non ci sono “governi amici” ma durante la campagna elettorale s’è speso per i candidati grillini del territorio, rischiando una frattura con l’ala ultrasinistra del movimento.

Italia
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi
L’Italia si è fermata
L’Italia si è fermata
Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico