Il sorriso di Giulio, non dimenticarlo mai

| Un tour in memoria di Regeni, dal 25 giugno al 3 luglio, attraverserà le circoscrizioni cittadine per concludersi in Comune. Un modo per tenere alta l'attenzione sulla morte ancora senza colpevoli del giovane ricercatore triestino

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

GERMANO LONGO
Giulio Regeni spariva il 25 gennaio dello scorso anno in un nulla che l'avrebbe restituito soltanto il 3 febbraio successivo, all'interno di un fosso dell'autostrada fra il Cairo e Alessandria. Rapito, torturato e ucciso dopo averlo seguito e pedinato, per i probabili legami con il movimento sindacale che si oppone al governo del generale al-Sisi. Da allora, per la famiglia, l'opinione pubblica e per l'Italia intera, l'obiettivo è solo uno: conoscere la verità, trovare i colpevoli e chiudere per sempre i conti con l'ingiusta morte di un ragazzo di 28 anni.


È questo il senso della "Settimana per Giulio", sette giorni, dal 25 giugno al 3 luglio, organizzati da Amnesty International Piemonte e Valle d'Aosta, con la collaborazione delle Circoscrizioni della Città di Torino e il sostegno dell'Associazione Stampa Subalpina, il sindacato dei giornalisti piemontesi, per ricordare i 17 mesi trascorsi dalla scomparsa e il ritrovamento del corpo del giovane ricercatore triestino. "E' necessario il sostegno di tutti per ottenere verità e giustizia sulla tragedia di Giulio - ha commentato Alessandra Ballerini, avvocata della famiglia Regeni - vorremmo che l'Europa dichiarasse l'Egitto come un Paese non sicuro. In questi mesi, nonostante le nostre richieste, non siamo ancora riusciti a visionare il fascicolo sulla morte di Giulio, ed è possibile che a settembre i famigliari debbano tornare al Cairo per un nuovo tentativo di far luce sulla vicenda. In questo caso sarebbe importante avere accanto a noi giornalisti, parlamentari e rappresentanti della società civile".

Per lo striscione giallo diventato il simbolo dell'omicidio Regeni un piccolo tour che inizia dalla Circoscrizione 3, che in questi ospita la mostra fotografica "Stop tortura", curata da Amnesty. Il grosso striscione sarà affacciato su corso Peschiera, di fronte al mercato, in un punto di grande passaggio. Dopo aver attraversato le circoscrizioni torinesi, il tour si concluderà il 3 luglio in Municipio.

Ad assicurare il loro sostegno in questa campagna, a fianco dei genitori di Giulio, dei "genitori erranti", come si sono definiti nella ricerca della verità, sono anche gli europarlamentari Elly Schlein e Brando Benifei.

Italia
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"
UN ANNO DOPO
Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
UN ANNO DOPO<br>Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
Nella notte del 30 aprile 2018, sulle montagne di Arolla, nel Vallese, si consumò una delle più gravi e dolorose tragedie della montagna degli ultimi anni. Sette persone morirono, uccise dall'ipotermia durante una tempesta
Rousseau, quando i grillini sono 'morosi'
Rousseau, quando i grillini sono
Su oltre 330 parlamentari, 61 non pagano le quote imposte dalla Casaleggio Associati, anche per una forma di dissenso verso una piattaforma on line spesso sotto accusa per il suo funzionamento. Conflitto di interessi?
Aumentano le “auto blu”
Aumentano le “auto blu”
Giallo, verde e blu: i primi due sono i colori simboli dei partiti al governo, l’ultimo quello delle auto della P.A., che invece di diminuire, aumentano grazie a due bandi Consip
Regeni: i genitori scrivono a Conte
Regeni: i genitori scrivono a Conte
In una lettera, inviata al premier attraverso il quotidiano Repubblica, i genitori di Giulio invitano Conte a pretendere la verità dal presidente Al Sisi