Informali: "Fateci rientrare nel movimento"

| Operazione Scripta Manent: in cella gli arrestati da procura e Digos. I dossiers

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Gli anarchici della Federazione Anarchica Informale ora cercano di legittimarsi, con le loro azioni di natura eversiva, con il resto del movimento, anche con l'odiata e derisa Federazione Anarchica Italiana, anche l'ala insurrezionalista con capitale Trento e sub-capitale Torino. Non sono più "anarchici da operetta", "cittadinisti alla ricerca di inutili consensi" ma di nuovo "compagni" o "compas" con cui condividere un percorso comune. Tanto evidente, questa nuova linea, che i redattori di Croce Nera, il sito di riferimento degli Informali, hanno tolto i post più critici mentre sono pronti a cambiare gli avvocati della difesa, scegliendo proprio quei legali che seguono le vicende degli anarchici e degli antagonisti di area autonoma, senza ulteriori irrigidimenti ideologici. Non sono più, loro, gli unici rivoluzionari in circolazione. Hanno capito che, da soli, non vanno da nessuna parte, al massimo in galera. E per anni e anni.
I sette arrestati dalla Digos di Torino nel corso dell'operazione Scripta Manent, - infatti - coordinata dal pm Roberto Sparagna, sono tutti militanti della Federazione Anarchica Infomale. E' quanto afferma la sentenza della Cassazione nel rigettare le istanze di scarcerazione avanzate nei confronti dei sette arrestati. Alcune le ha ritenute "inammissibili". Gli anarchici che teorizzano l'uso della violenza per sostenere le proprie tesi anti-sistema, sono ritenuti responsabili di una lunga serie di attentati. 

Restano in cella i torinesi Alfredo Cospito, Anna Beniamino, Nicola Gai, Danilo Cremonese e Valentina Speziale. I primi tre sono torinesi, gli altri del Centro Sud, compresi Alessandro Mercogliano e Marco Bisesti. Una decisione, quella della Cassazione, passata totalmente sotto silenzio lungo gli infiniti nodi della rete web anarchico comunque di contro-informazione. Neppure il sito Croce Nera Anarchica, il sito di riferimento degli informali, ha riportato un rigo di una decisione che mantiene in carcere tutti gli arrestati. E' un colpo a sopresa, mentre  si delineano le linee di comando a livello europeo, saldamente nelle mani degli scarcerati Gabriel Pombo da Silva, ex convivente di una delle fiure femminili più importanti della Fai Informale italiana, e di Marco Camenisch, il terrorista che ha scontato una lunga pena in Svizzera per omicidio. segnale di un'operazione di riavvicinamento dei vari segmenti del movimento anarchico europeo, deciso a superare quella monocoltura filo-terrorista, espressa dall'area informale e in particolare da Cospito, Gai e Beniamino. Alcuni post pubblicati su Croce Nera, critici nei confronti degli ideologi torinesi, sono stati rapidamente cancellati. Anna Beniamino invece accredita la tesi, a proposito di Scripta Manent, di un'operazione volta a reprimere l'intero movimento anarchico: "Questo procedimento - scrive - mira a reprimere sul nascere qualsiasi espressione del sentire anarchico e non rappresenta altro che la guerra che l'autorità porta avanti contro il connubio di pensiero ed azione che sta alla base dell'anarchismo". 

Ma, osservano gli investigatori, queste voglie matte di unità, "mal si conciliano con le precedenti accuse di immobilismo rivolte negli ultimi mesi contro altri settori dello stesso movimento anarchico di matrice insurrezionalista". I riferimenti erano contenuti nei documenti di rivendicazione dell'attentato contro il manager Ansaldo Roberto Adinolfi, e su un testo comparso appunto su Croce Nera: "Su etica, sabotaggio e terrorismo". Oggi la cellula Fai/Fri informale vuole presentarsi, con il capo cosparso di cenere e in ginocchio sui ceci, secondo la definizione di un anarco-insurrezionalista torinese, come rappresentante di un'intera area politica "per assumere la veste della sete di vendetta dello Stato". La lunga catena di attentati, sinora a bassa intensità, sembra far capire che gli anarchici hanno almeno in parte accolto questa nuova posizione. Per capire se, anche se solo in parte, questo processo di riunificazione tra la Federazione Informale e il resto del movimento, s'è davvero realizzato, si vedrà sui siti di riferimento delle aree anarchice coinvolte. Questione di giorni. Il tempo di consentire a Cospito-Beniamino di elaborare il lutto per una Fai/Fri che di fatto non c'è più.





Italia
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi
L’Italia si è fermata
L’Italia si è fermata
Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico