Il figlio di Marco Biagi ucciso dalle Br: "Querelo Balzerani"

| INCHIESTA MORO/2 Indagine della procura di Firenze dopo le vergognose parole di Barbara Balzerani: "Il mestiere di vittima...credono di avere il monopolio della parola". Il figlio di Biagi: "La querelo"

+ Miei preferiti

La procura di Firenze ha aperto un fascicolo, al momento senza indagati e senza ipotesi di reato, su alcune dichiarazioni fatte dall'ex br Barbara Balzerani nel corso di un incontro in un centro sociale di Firenze, il Cpa Firene Sud. È stata la Digos a trasmettere in procura un'informativa. L'ex brigatista era intervenuta, il 16 marzo scorso, giorno dell'anniversario della strage di via Fani e del rapimento di Aldo Moro, al Cpa-Firenze sud per la presentazione del suo ultimo libro, e nell'occasione aveva detto che "fare la vittima è diventato un mestiere". Sulle dichiarazioni di Barbara Balzerani, Lorenzo Conti, figlio del sindaco di Firenze Lando Conti, ucciso dalle br nel 1986, ha annunciato l''intenzione di querelare l'ex brigatista. E lunedì il Consiglio comunale di Firenze ha votato una mozione, a larga maggioranza, presentata dal centrodestra, nella quale si invita il sindaco a intraprendere le azioni necessarie per recuperare l'immobile occupato abusivamente da una decina d'anni dal Cpa-Firenze sud.

Barbara Balzerani (nella foto con Erri De Luca), dirigente-assassina della colonna romana delle Brigate Rosse, compagna allora del misterioso capo delle Brigate Rosse Mario Moretti, era in via Fani quando fu rapito Moro e sterminati senza pietà cinque uomini della sua scorta, in un contro a Firenze ha voluto spiegare il suo pensiero a proposito delle vittime sue e dei criminali con cui si accompagnava allora e anche oggi: "C'è una figura, la vittima, che è diventato un mestiere, questa figura stramba per cui la vittima ha il monopolio della parola. Io non dico che non abbiano diritto a dire la loro, figuriamoci. Ma non ce l’hai solo te il diritto, non è che la storia la puoi fare solo te”. Le ha risposto su Facebook Maria Fida Moro: "Che palle il quarantennale lo dico io che non l'ho provato e che l'ho subito e che ho il titolo per dirlo. Perché il quarantennale mi dà dolore. Ma la signora Balzerani non può dirlo perché lei è tra coloro che l'hanno provocato". 

Balzerani ai funerali di Gallinari


"Non ci sono vittime per sempre"

Ancora Balzerani: "Non è che se vai a finire sotto un'auto sei una vittima della strada per tutta la vita, lo sei nel tempo che ti aggiustano il femore...".  Il capo della polizia, il prefetto Gabrielli ha fatto una sintesi: “Vedere i brigatisti in tv era un oltraggio ai morti". Poi una riflessione di Balzerani su Facebook, dove raccoglie entusiastici commenti. E’ un’assassina che non solo non si pente, ma cerca continuamente qualche scusa  per avere ucciso degli innocenti in agguati alle spalle, contro persone disarmate, quattro contro uno o diciannove contro cinque, come in via Fani: "Abbiamo perso - scrive - non perché erano venute meno le nostre ragioni ma perché non avevamo affondato le armi della critica fino alla radice della mala pianta del profitto, e implacabile la realtà si è incaricata di mostrare l’evidenza di quanto tragico fosse l’abbaglio di un progresso basato sulla rapina coloniale, sulla neutralità dello sviluppo della tecnica e della pianificazione economica”. Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell'Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili. "Non è quello delle vittime un mestiere - ha detto - lo è invece quello di chi ha fatto parte di gruppi terroristici eversivi e oggi cerca di imporsi alle nuove generazioni con 'insegnamenti'. Taccia la Balzerani, e se quelli come lei continuano a sentirsi a un passo da Dio e quindi nel giusto, siano i circoli e le tv a smettere di dare loro microfoni in mano. Firenze ha già pianto anche troppo per l'arroganza di terroristi di ogni specie e davvero è l'ora di avere più rispetto per le vittime". Senza parole. Anni fa una congiunta del presidente Moro inviò panettoni in carcere per il Natale degli assassini dello statista. Qualcuno le chiese se avesse fatto altrettanto  con i familiari dei carabinieri e degli agenti trucidati come fossero niente, neanche uomini. Pare che se ne fosse dimenticata.

m.n.

Galleria fotografica
Il figlio di Marco Biagi ucciso dalle Br: "Querelo Balzerani" - immagine 1
Italia
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"
UN ANNO DOPO
Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
UN ANNO DOPO<br>Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
Nella notte del 30 aprile 2018, sulle montagne di Arolla, nel Vallese, si consumò una delle più gravi e dolorose tragedie della montagna degli ultimi anni. Sette persone morirono, uccise dall'ipotermia durante una tempesta
Rousseau, quando i grillini sono 'morosi'
Rousseau, quando i grillini sono
Su oltre 330 parlamentari, 61 non pagano le quote imposte dalla Casaleggio Associati, anche per una forma di dissenso verso una piattaforma on line spesso sotto accusa per il suo funzionamento. Conflitto di interessi?
Aumentano le “auto blu”
Aumentano le “auto blu”
Giallo, verde e blu: i primi due sono i colori simboli dei partiti al governo, l’ultimo quello delle auto della P.A., che invece di diminuire, aumentano grazie a due bandi Consip
Regeni: i genitori scrivono a Conte
Regeni: i genitori scrivono a Conte
In una lettera, inviata al premier attraverso il quotidiano Repubblica, i genitori di Giulio invitano Conte a pretendere la verità dal presidente Al Sisi