"La Luce dell'Omeopatia vi guarirà dal tumore"

| Dopo il medico Germana Durando, condannata per la morte di una donna a cui curò un melanoma con psicologia e omeopatia, indagata e sospesa dall'Ordine anche la dottoressa Maria Gloria Alcover. Fu l'ispiratrice?

+ Miei preferiti

"Un percorso di Luce vi renderà testimoni della meraviglia dell’Omeopatia nelle mani di un vero Omeopata, quello che sa cosa è degno di essere guarito". Interdizione dai pubblici uffici per l’omeopata di  Modena coinvolta nell’inchiesta portata avanti dalla procura di Torino, a seguito della quale è stata recentemente condannata a 30 mesi per omicidio colposo la Germana Durando, omeopata torinese. Maria Gloria Alcover Lillo, clinica di fama internazionale dove ha, è indagata a sua volta per la morte di Marina Lallo, avvenuta nel 2015.

La donna, 53 anni, era stata convinta per nove anni dall’omeopata torinese a non curare secondo le terapie da protocollo il melanoma che aveva sulla spalla. Ma quel tumore affrontato con tisane e sedute ‘psicologiche’ andò in metastasi sino al cervello, cagionandone infine la morte. E’ così emerso come l’ispiratrice di Germana Durando fosse proprio Maria Gloria Alcover Lillo: dal suo pc sono partite le mail in cui dettagliava le cure alternative legato al metodo - discusso - del medico tedesco Rike Geerd Hamer, destinate alla donna poi deceduta. E in due occasioni l’aveva visitata personalmente.

Ora l’omeopata modenese risulta indagata per concorso in omicidio colposo. Il giudice Vitelli ha firmato un’ordinanza in cui sospende la professionista dall’attività, come conferma l’ordine dei medici modenesi che spiega di aver già adottato i provvedimenti necessari, vista l’interdizione. L’esposto, nei confronti della donna, è stato presentato in procura dal fratello della vittima, il dottor Rudy Lallo. «Abbiamo scoperto in sede processuale e grazie alle mail trovate sul computer della Alcover come la stessa fosse in realtà la mentore della Durando - spiega l’uomo -. Dopo quanto capitato a mia sorella, sono andato a fondo nella storia e ne è emerso un quadro agghiacciante. La Alcover iniziò a venire a Torino già negli anni novanta, per ‘indottrinare’ i vari seguaci, tra cui l’omeopata condannata, sulla ‘terapia hameriana’. Ma c’è di più perchè abbiamo scoperto come l’omeopata, nel 1993, avesse cercato di convincere mia cognata a non sottoporre suo figlio alla chemioterapia. All’epoca il bambino aveva tre anni e gli diagnosticarono un bruttissimo caso di leucemia. Dopo i primi sei mesi di terapie, come ogni mamma, mia cognata, preoccupatissima, si informò anche sulla medicina alternativa, per alleviare i dolori del piccolo. La dottoressa Durando la portò dalla Lillo, che già aveva uno studio a Torino, e lei le consigliò di smettere subito la chemio. Come emerge dalle testimonianze in aula, a mia cognata disse queste parole: ‘Smetta di fare le terapie, è una madre degenere e sta uccidendo suo figlio. Ascolti me’. Fortunatamente mia cognata è molto intelligente e non l’ha ascoltata».

Il medico spiega però come, se la modenese è stata subito sospesa, la Dorando invece a Torino stia continuando a lavorare. Conclude Rudy Lallo: ”Chissà quante persone sono incappate in queste donne eppure non c’è ancora alcun provvedimento, nonostante la condanna a trenta mesi per la morte di Marina. Pensare che, nelle mail inviate all’‘allieva’, la Alcover quasi imponeva di non far rimuovere il neo a mia sorella. Io ho appreso del melanoma a fine marzo 2014, troppo tardi per salvarla. Eppure era stato diagnosticato e doveva essere rimosso a novembre del 2005 ma le due donne pensavano di curarle il cancro con le sedute psicologiche. La mia battaglia non si fermerà".

Secondo quanto emerso in aula, le due seguaci di Hamer avrebbero spiegato alla paziente che la malattia "va curata all’origine, ovvero azzerando i conflitti psichici" e senza estirparla con la medicina tradizionale. Giovedì scorso i carabinieri hanno perquisito anche il suo studio modenese.

Italia
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni