La mafia pugliese non uccide(va) mai d'estate

| Analisi dopo i quattro ammazzati nel Foggiano. Il racket dilaniato da faide interne e da sospetti di "collaborazionismo"

+ Miei preferiti
Gli investigatori di Foggia e dintorni sanno benissimo perché quattro uomini, compresi i due agricoltori uccisi solo perché si sono trovati nel posto e nell'ora sbagliati, sono stati eliminati dal gruppo di fuoco della Sacra Corona Unita, sezione di Manfredonia. Ci sono alcune fazioni della mafia pugliese che vanno da anni contedendosi il controllo di estorsioni, narcotraffico, appalti e quant'altre attività criminali. Generalmente i killer d'estate vanno in vacanza per non disturbare le attività turistiche dove hanno investito e riciclato i proventi delle attività illecite. Quest'anno no. Hanno infranto questa tradizione - non virtuosa - ma rispettata semplicemente in nome degli affari, perchè stanno saltando del tutto gli equilibri all'interno dei vari e compositi segmenti della Sacra Corona Unita. E' una mafia che produce decine di delitti, l'80 per cento tuttora insoluti, come ha amaramente sottolineato il capo della procura anti-mafia Franco Roberti. Non è facile spiegare, a chi non è addentro nei meccanismi del racket, cosa origina e come viene pianificata la catena di delitti. Punto di partenza il profilo delle vittima. L'obiettivo dei killer numero 1 era il boss Mario Luciano Romito, 50 anni, un quadro intermedio della criminalità organizzata di Manfredonia e dintorni, feudo importante della Sacra Corona Unita. Primo dato. Era stato coinvolto negli Anni '90 nella faida del Gargano assieme al cognato-body guard, Matteo De Palma, 44 anni, accanto a lui e come lui crivellato da decine di colpi, esplosi da pistole e Kalashnikov.

Una trappola l'"incontro chiarificatore"
Forse erano stati attirati in una trappola, con il pretesto di un incontro "chiarificatore", sapientemente organizzato da una figura terza, che godeva della fiducia di entrambe le fazioni. I due, con De Palma alla guida di un Maggiolino Volkswagen dovevano incontrare  i rivali in una zona isolata non distante dalla stazione ferroviaria di San Marco in Lamis, dov'è avvenuto l'agguato mortale. I due agricoltori arrivati in quel mentre a bordo di un Fiorino Fiat non avevano alcun tipo di rapporto con le vittime e gli assassini.  Ma avevano visto troppo. Così Aurelio e Luigi Luciani, consapevoli del loro destino, avevano tentato di fuggire. I carabinieri li hanno trovati morti a non più di 600 metri di distanza dagli altri due cadaveri. Aurelio ha tentato la fuga nei campi. Luigi, che era alla guida, è stato ucciso subito. Ma per dare una chiave di lettura più approfondita, bisogna addentrarsi nello sterminato certificato giudiziario di Romito. Nel 2009 gli stessi che lo hanno ammazzato avevano tentato di eliminarlo con un attentato dinamitardo, appena uscito da una caserma dei carabinieri con il fratello Ivan. Feriti ma in modo lieve. L'ordigno era in una ruota. Nel 2010, altro agguato a Manfredonia, gli esecutori uccisero però il cugino Michele Romito, 23 anni, ma lui passò indenne attraverso una pioggia di proiettili. Come in un film. 
Legato in passato al clan Li Bergolis 


Un tempo faceva parte della squadra che proteggeva i capi del clan Li Bergolis, nel cui nome, in una spaventosa catena di vendette incrociate, sono già morte in pochi mesi 22 persone. Poi finisce in cella nel per un residuo di pena passato in giudicato. Reato, una rapina in banca nel '95. Uscito di nuovo, aveva costituito una "batteria" autonoma dai clan. E forse qui c'è la radice della sua feroce esecuzione. Nell'ottobre 2016, i carabinieri avevano smantellato una gang composta 20 persone, responsabili di rapine ed estorsioni. Lui era il capo, con complici mai scelti a caso, ma tutti esponenti rilievo dei clan della zona. Fin qui lo schema essenziale di una strage di mafia che non è semplice routine. Correva una voce diabolica sul conto di Romito. Forse falsa, forse messa in circolazione per giustificare la sua esecuzione: per togliere di mezzi i pericolosi rivali di Manfredonia, avrebbe "soffiato" informazioni agli inquirenti, seguite da ondate di arresti. Lui lo aveva negato e garantito al "paciere" che ha poi organizzato il meeting di sangue. Non gli hanno creduto. 

Italia
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni
Bomba in un terreno nel bresciano
Bomba in un terreno nel bresciano
Domenica 16 giugno le operazioni di disinnesco dell’ordigno, ritrovato in un terreno agricolo di Adro, nel bresciano. Più di 2.000 le persone evacuate per precauzione
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
In pochi ancora lo dicono, ma modi e tempi delle chiusure delle due aziende sono la dimostrazione dell’incapacità del ministro del Mise. E un altro caso è pronto ad esplodere: quello di Auchan
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"