"La moto ha rallentato impossibile frenare non volevo uccidere, solo una disgrazia"

| La disperata difesa di Maurizio De Giulio, l'elettricista che ha travolto con il suo furgone la Ktm 650 con Matteo Penna ed Elisa Ferrero, morta sul colpo

+ Miei preferiti
"Sono uscito dalla traversa lentamente, ho guardato bene prima di immettermi sulla Statale, quella moto proprio non l'ho vista, la colonna era quasi ferma, poi mi hanno affiancato, quel ragazzo ha tirato un pugno allo specchietto che si è rotto. Sono rimasto sorpreso, non ho capito subito cos'era successo. Allora ho voluto inseguire la moto per prendere almeno il numero di targa e segnalare il fatto all'assicurazione per farmi ripagare lo specchietto rotto". 

BATTAGLIA TRA PERITI

Questa è la ricostruzione dell'elettricista di Collegno, Maurizio Di Giulio, 50 anni, in carcere per omicidio volontario aggravato in una cella delle Vallette dopo il tragico schianto di Condove. Una ricostruzione e, attraverso l'assistenza dell'avvocato di fiducia Vittorio Nizza, ribadita sia nel corso dei primi interrogatori, sia al gip durante l'udienza di convalida dell'arresto. Ora una lunga memoria, molto dettagliata, è nelle mani della difesa che si appresta ad affrontare la chiusura indagini e l'imminente processo, la cui prima udienza sarà comunque entro il 2017. Se è vero o no questo aspetto centrale dell'inchiesta sullo schianto mortale avvenuto all'altezza della rotatoria del Gravio, nel pomeriggio di domenica 9 luglio, lo stabiliranno i periti.

SPECCHIETTO SOTTO SEQUESTRO

Lo specchietto è stato infatti sequestrato dagli investigatori pochi minuti dopo l'incidente e saranno i periti (Roberto Bergantin per l'accusa, Cosimo Mancini per la difesa) a stabilire se s'è rotto nell'impatto contro il guard rail (costato la vita ad Elisa Ferrero, 27 anni, riducendo in fin di vita il fidanzato Matteo Penna tutelato dall'avvocato Pierfranco Bertolino), dimesso pochi giorni fa dall'ospedale) o prima, a causa della reazione di Matteo. Resta una terza ipotesi: Il motociclista s'è avvicinato per fare delle rimostranze con l'autista del Transit, reo di avere rischiato di travolgerlo, e, nel ripatire, avrebbe involontariamente urtato lo specchietto, rompendolo in modo parziale. Ma Maurizio De Giulio, come sembra dimostrare il video raccolto dal discoteca di video-sorveglianza di un'azienda della zona, non solo avrebbe raggiunto, dopo il sorpasso di sei auto, la moto poco prima della rotatoria, ma l'avrebbe volontariamente investita, senza neanche tentare di frenare. I testimoni, infatti, gli automobilisti che lo seguivano, non avranno visto il rosso delle luci posteriori, né sembrava avere  diminuito l'andatura. Ne è stata trovata, nel corso dei rilievi, traccia di frenata.

"LA MOTO HA RALLENTATO DI COLPO" 

"La moto ha rallentato di colpo, prima di immettersi, e non ho fatto in tempo a frenare, l'ho fatto dopo ma ormai era troppo tardi. Non volevo uccidere, non volevo far male a nessuno, mi spiace per quello che è successo alla ragazza, forse i freni non hanno funzionato". Infatti, tra pochi giorni, saranno noti i risultati delle perizie sui freni del Transit, posto immediatamente sotto sequestro dai carabinieri. Resta di quei tragici minuti, la testimonianza della campagna: "Gli ho implorato di lasciare perdere, ma lui ha voluto a tutti i costi inseguire quella moto per prendere il numero di targa". A bordo c'era anche la figlia della coppia, di 11 anni.

Italia
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni
Bomba in un terreno nel bresciano
Bomba in un terreno nel bresciano
Domenica 16 giugno le operazioni di disinnesco dell’ordigno, ritrovato in un terreno agricolo di Adro, nel bresciano. Più di 2.000 le persone evacuate per precauzione
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
In pochi ancora lo dicono, ma modi e tempi delle chiusure delle due aziende sono la dimostrazione dell’incapacità del ministro del Mise. E un altro caso è pronto ad esplodere: quello di Auchan
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"