La speranza di Lourdes 114 anni di volontariato e fede

| A Ivrea la festa Unitalsi con il vescovo Edoardo Cerrato e don Carmine Arice

+ Miei preferiti

È stata Ivrea, la "porta del Canavese", ad ospitare domenica 25 giugno l'annuale festa regionale dell'Unitalsi. Un appuntamento impreziosito dalla presenza del Vescovo di Ivrea, Monsignor Edoardo Cerrato, e da quella di Don Carmine Arice, Assistente della Sezione Piemontese dell'Unitalsi e dal Presidente di Sezione, l'avvocato Pier Franco Bertolino.

Dopo l'arrivo e l'accoglienza delle sottosezioni piemontesi, il gruppo si è spostato in Cattedrale per seguire la messa, dando poi vita ad un pranzo condiviso e ad un pomeriggio di aggregazione e condivisione, anche in vista del prossimo pellegrinaggio a Lourdes, in programma dal 9 al 14 luglio prossimi, con partenza da Torino Porta Nuova e fermate a Bussoleno e Bardonecchia.

Un po' di storia

Bisogna correre parecchio indietro nel tempo, per scoprire gli inizi di quella che oggi è conosciuta come Unitalsi, acronimo e don Carmine  di una definizione lunga da leggere, ma davvero sufficiente a spiegare tutto: "Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali". L'Unitalsi nasce nel 1903, l'anno in cui Puccini termina "Madama Butterfly", ma anche quello di Giuseppe Sarto, che il 4 agosto sale al soglio Pontificio con il nome di Pio X, sostituendo Leone XIII, scomparso agli inizi di luglio. Dall'altra parte dell'oceano, in America, due fratelli sognatori e un po' incoscenti provano a mettere le ali al mondo: si chiamano Wright, e investono fino all'ultimo centesimo per registrare il brevetto di un "velivolo a motore". Follia, dice la gente.

Quello stesso anno, Giovanni Battista Tomassi, giovane di ottima famiglia affetto da un'artrite deformante che non gli lascia scampo, decide di partire per Lourdes, accodandosi ad uno dei tanti pellegrinaggi che già allora portavano i malati di fronte alla grotta sacra. È giovane e infuriato con il destino, ma vuole offrire ancora una chance a qualcuno lassù che sia disposto ad ascoltarlo: se neanche la visita al Santuario Mariano servirà a guarirlo, ha intenzione di mettere la parola fine alla sua esistenza, proprio davanti alla grotta di Massabielle.

Ma succede qualcosa che non era previsto: il giovane non guarisce, ma a colpirlo nel profondo sono l'umiltà e la sconfinata fede dei tanti ammalati giunti fino a lì con la speranza di guarire, esattamente come lui. A volte non succede, come nel suo caso, ma non è detto che anche in quel caso non si nasconda una strada nuova diversa. Per Giovanni Battista Tomassi creare qualcosa che andasse al di là del suo male e della sua stessa esistenza: l'Unitalsi.

La storia della sezione piemontese, seconda in Italia dopo quella di Roma, inizia pochi anni dopo, nel 1909, grazie alla forza di volontà dell'avvocato Carlo Bianchetti: un impegno benedetto dal Cardinale di Torino Agostino Richelmy. Sono gli inizi e il piccolo gruppo formato da sacerdoti e volontari fa il suo meglio per gestire i pochi soldi raccolti dalla libreria Sacro Cuore di via Garibaldi 18 e assicurare i viaggi per Lourdes e dare ospitalità a chi arrivava da altre città.

Oggi, l'Unitalsi è una struttura formata da oltre centomila persone, senza distinzione alcuna fra sesso, età, cultura e posizione sociale. Una sola cosa non è cambiata, dal 1903 ad oggi: l'idea che la carità sia una delle pochissime strade possibili per seminare pillole di bene, in un mondo che ne ha sempre più bisogno.

Italia
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi
L’Italia si è fermata
L’Italia si è fermata
Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico