La Tav è morta, viva la Tav

| Si rimanda a data da destinarsi, come da prassi, vietando a Telt di bloccare i capitolati di gara ma al tempo stesso autorizzandola a emettere avvisi per 2,3 miliardi di euro

+ Miei preferiti
“A sprezzo del pericolo, l’artificiere di Stato Conte Giuseppe non esitava a gettarsi nella fossa dove due incauti compagni di battaglione avevano inavvertitamente sistemato un ordigno pronto ad esplodere. Incurante delle conseguenze, Conte Giuseppe disinnescava l’ordigno a pochi secondi dall’esplosione, salvando le umane genti circostanti”. Se un giorno il premier si beccherà una medaglia e un encomio solenne, questa potrebbe essere la motivazione ufficiale, letta da qualche generale mentre in cielo passano le Frecce Tricolori.

Non sarà così, quasi certamente. Ma la missione di Conte, al contrario, era esattamente solo una: sedare la rissa fra Salvini e Di Maio, nessuno dei due disposto a cedere di fronte alla Tav, almeno di fronte ai rispettivi elettorati. Ma facendo anche in modo che ambedue potessero dirsi vincitori della disfida di Chiomonte. 

Non era facile, va ammesso. C’era di mezzo una crisi sfiorata, per qualche ora addirittura palpabile, con nervi tesi, minacce, musi lunghi e nervosismo. Poi Conte, l’avvocato solo di una parte degli italiani - è bene chiarirlo - ha tirato fuori l’unica carta possibile, che ancora una volta non decide niente ma rimanda, come sempre, a data da destinarsi. In una lettera inviata a “Telt” (Tunnel Euralpin Lyon-Turin), il premier ha chiesto alla società che si occupa dei lavori della Tav di non far partire i capitolati di gara senza l’avallo dei governi di Italia e Francia. Al loro posto, per non perdere i finanziamenti europei già stanziati, sono però stati autorizzati gli avvisi di gara per 2,3 miliardi di lavori del tunnel di base, con la clausola di dissolvenza a cui appellarsi per “ridiscutere integralmente” il progetto. Dove sia la differenza non è chiaro, ma fosse l’unica cosa non chiara, potremmo farcene una ragione.

Eppure, senza star lì a sprecare righe elencando le lamentele di chi vuole la Tav (compresa la nuova discesa in campo delle “Madamin”, a cui si riferiscono le foto), i proclami vittoriosi dei pentastellati e la granitica convinzione dei leghisti di essere sempre e comunque quelli dalla parte giusta, Conte è riuscito nell’impresa di darsi tempo per preparare massicce dosi di sedativi, nascosti sotto la frase “necessità di ridiscutere l’opera con la Francia e la commissione UE”. Altro modo, per rallentare la corsa verso il baratro su cui si erano imbarcati i due vicepremier, che ormai litigano un giorno sì e l’altro pure, non c’era.

Quelli cattivi, che in questo paese ci sono eccome, ricordano “en passant” che a fine marzo Salvini sarà costretto a superare il voto del Senato sull’autorizzazione a procedere sul caso della nave Diciotti. Qualcuno deve avergli ricordato il peso dei grillini per salvarlo una seconda volta dal Tribunale di Catania, e lui ha probabilmente scelto sardonicamente di rimandare tutto al termine delle elezioni Europee, quando ogni cosa sarà più chiara e qualcuno potrà iniziare a fare le valigie per tornare a casa. Ma senza passare da Chiomonte.

Galleria fotografica
La Tav è morta, viva la Tav - immagine 1
Italia
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"
UN ANNO DOPO
Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
UN ANNO DOPO<br>Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
Nella notte del 30 aprile 2018, sulle montagne di Arolla, nel Vallese, si consumò una delle più gravi e dolorose tragedie della montagna degli ultimi anni. Sette persone morirono, uccise dall'ipotermia durante una tempesta
Rousseau, quando i grillini sono 'morosi'
Rousseau, quando i grillini sono
Su oltre 330 parlamentari, 61 non pagano le quote imposte dalla Casaleggio Associati, anche per una forma di dissenso verso una piattaforma on line spesso sotto accusa per il suo funzionamento. Conflitto di interessi?
Aumentano le “auto blu”
Aumentano le “auto blu”
Giallo, verde e blu: i primi due sono i colori simboli dei partiti al governo, l’ultimo quello delle auto della P.A., che invece di diminuire, aumentano grazie a due bandi Consip
Regeni: i genitori scrivono a Conte
Regeni: i genitori scrivono a Conte
In una lettera, inviata al premier attraverso il quotidiano Repubblica, i genitori di Giulio invitano Conte a pretendere la verità dal presidente Al Sisi