La Tav è morta, viva la Tav

| Si rimanda a data da destinarsi, come da prassi, vietando a Telt di bloccare i capitolati di gara ma al tempo stesso autorizzandola a emettere avvisi per 2,3 miliardi di euro

+ Miei preferiti
“A sprezzo del pericolo, l’artificiere di Stato Conte Giuseppe non esitava a gettarsi nella fossa dove due incauti compagni di battaglione avevano inavvertitamente sistemato un ordigno pronto ad esplodere. Incurante delle conseguenze, Conte Giuseppe disinnescava l’ordigno a pochi secondi dall’esplosione, salvando le umane genti circostanti”. Se un giorno il premier si beccherà una medaglia e un encomio solenne, questa potrebbe essere la motivazione ufficiale, letta da qualche generale mentre in cielo passano le Frecce Tricolori.

Non sarà così, quasi certamente. Ma la missione di Conte, al contrario, era esattamente solo una: sedare la rissa fra Salvini e Di Maio, nessuno dei due disposto a cedere di fronte alla Tav, almeno di fronte ai rispettivi elettorati. Ma facendo anche in modo che ambedue potessero dirsi vincitori della disfida di Chiomonte. 

Non era facile, va ammesso. C’era di mezzo una crisi sfiorata, per qualche ora addirittura palpabile, con nervi tesi, minacce, musi lunghi e nervosismo. Poi Conte, l’avvocato solo di una parte degli italiani - è bene chiarirlo - ha tirato fuori l’unica carta possibile, che ancora una volta non decide niente ma rimanda, come sempre, a data da destinarsi. In una lettera inviata a “Telt” (Tunnel Euralpin Lyon-Turin), il premier ha chiesto alla società che si occupa dei lavori della Tav di non far partire i capitolati di gara senza l’avallo dei governi di Italia e Francia. Al loro posto, per non perdere i finanziamenti europei già stanziati, sono però stati autorizzati gli avvisi di gara per 2,3 miliardi di lavori del tunnel di base, con la clausola di dissolvenza a cui appellarsi per “ridiscutere integralmente” il progetto. Dove sia la differenza non è chiaro, ma fosse l’unica cosa non chiara, potremmo farcene una ragione.

Eppure, senza star lì a sprecare righe elencando le lamentele di chi vuole la Tav (compresa la nuova discesa in campo delle “Madamin”, a cui si riferiscono le foto), i proclami vittoriosi dei pentastellati e la granitica convinzione dei leghisti di essere sempre e comunque quelli dalla parte giusta, Conte è riuscito nell’impresa di darsi tempo per preparare massicce dosi di sedativi, nascosti sotto la frase “necessità di ridiscutere l’opera con la Francia e la commissione UE”. Altro modo, per rallentare la corsa verso il baratro su cui si erano imbarcati i due vicepremier, che ormai litigano un giorno sì e l’altro pure, non c’era.

Quelli cattivi, che in questo paese ci sono eccome, ricordano “en passant” che a fine marzo Salvini sarà costretto a superare il voto del Senato sull’autorizzazione a procedere sul caso della nave Diciotti. Qualcuno deve avergli ricordato il peso dei grillini per salvarlo una seconda volta dal Tribunale di Catania, e lui ha probabilmente scelto sardonicamente di rimandare tutto al termine delle elezioni Europee, quando ogni cosa sarà più chiara e qualcuno potrà iniziare a fare le valigie per tornare a casa. Ma senza passare da Chiomonte.

Galleria fotografica
La Tav è morta, viva la Tav - immagine 1
Italia
Promozione per Fabio Federici, il colonnello che ama la scrittura
Promozione per Fabio Federici, il colonnello che ama la scrittura
Nominato Capo di Stato Maggiore del Comando Legione dei Carabinieri “Emilia Romagna”, affiancherà il Generale Angrisani. A breve l’uscita del suo primo romanzo giallo
Norcia, dove si convive con il terremoto
Norcia, dove si convive con il terremoto
Sono decine i movimenti tellurici gravi che hanno distrutto la cittadina umbra. Fin dall’epoca romana, attraverso le grandi devastazioni con centinaia di vittime del medioevo, per giungere ai giorni nostri, con gravi danni alle costruzioni
TAV, a che punto siamo
TAV, a che punto siamo
Proseguono a ritmo serrato i lavori sui cantieri dell’alta velocità fra Italia e Francia. Oltre il 20% delle opere da realizzare già appaltate
La strage dei ragazzini
La strage dei ragazzini
Un Natale di sangue sulle strade italiane, con cinque vittime giovanissime. Gli inquietanti dati di un anno che si chiude con una media di 9 morti al giorno
Sister Act
Sister Act
In Sicilia, due suore di conventi diversi scoprono negli stessi giorni di essere incinta. La prima è un’italiana di 34 anni, la seconda una donna del Madagascar che ha preferito tornare in Patria. Lo sconcerto delle due comunità
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
Dopo una lunga serie di ricorsi ed esposti, per le famiglie delle 7 ragazze italiane morte sul pullman finito fuoristrada, si apre la speranza di sapere la verità
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani