La UE pronta a pagare metà della Tav

| L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi

+ Miei preferiti
“Lunedì è stato deciso dall’UE che i finanziamenti relativi alla prossima programmazione per il Corridoio mediterraneo nell’ambito dei progetti per l’interoperabilità, la decarbonizzazione e la digitalizzazione saranno pari al 50%. Notizia importante che vale anche per la Torino-Lione e conferma quanto anticipato nei mesi scorsi”: la notizia, svelata da Francesco Balocco, assessore ai trasporti della Regione Piemonte e presidente dell’AiPo, Autorità del bacino del Po, di ritorno da Mantova, dove ha incontrato Iveta Radicova, coordinatrice europea del Corridoio Mediterraneo riaccende i riflettori sulla questione mai risolta della Tav.

Il primo commento arriva da Matteo Salvini: “Ottima notizia e motivo in più per farla”. Da New York, dove è in visita, l’altro vice premier Di Maio temporeggia: “Le tempistiche sulla Tav dipendono dal dialogo fra Conte e Macron”. Conte, dal canto suo, fa melina, facendo finta di scordare che i francesi hanno chiarito da tempo la loro posizione: “L’opera è soggetta ad una revisione integrale che Toninelli e il suo omologo francese valuteranno”.

L’entusiasmo di Salvini getta anche acqua sul fuoco dopo un duro botta e risposta fra il vice premier e il Presidente della Regione Piemonte Chiamparino sul referendum. Un’eventualità bocciata tout-court dal Viminale, commentata in modo sarcastico da Chiamparino: “Ho ricevuto la risposta del ministro Salvini, con la quale non si autorizza lo svolgimento della consultazione popolare sulla Tav prevista dallo statuto regionale, in contemporanea con le elezioni Europee: evidentemente non si vuole che i cittadini si pronuncino su un tema così importante”. Una scelta che per molti è anche e soprattutto politica, per non concedere a Chiamparino l’orgoglio del referendum e la riconoscenza del popolo “Sì Tav” a poche settimane dal voto alle regionali in Piemonte, in concomitanza con le Elezioni Europee.

Italia
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni