Le vittime silenziose del ponte Morandi

| I contorni del disastro del 14 agosto non sono solo i 43 morti, ma coloro che sono stati sfiorati dalla morte, e faticano a riprendersi

+ Miei preferiti
Ad un mese esatto dalla tragedia del ponte Morandi di Genova e dalle commemorazioni previste per oggi, si scopre che le vittime del viadotto sono molte di più dei 43 morti di quel giorno di mezza estate.

C’è chi vittima in realtà non lo è perché non è caduto nel vuoto, ma è un semplice effetto collaterale di una tragedia che non dimenticherà mai. Sono così le centinaia di sfollati, che hanno dovuto dire addio alla propria abitazione - e siccome siamo in Italia - non sanno quando e se ne avranno un’altra. Poi ci sono le storie più piccole, infinitesimali, come quella di Adele, nome finto scelto da Tgcom24 per raccontare la storia di una ragazzina genovese che quel giorno, alle 11:36 del 14 agosto, stava guardando dai vetri della finestra della sua cameretta di uno dei tanti condomini sorti come funghi all’ombra del “ponte di Brooklyn” dei genovesi.

Adele ha visto tutto: le nuvole di fumo, il pronte sbriciolarsi, le auto e i camion cadere giù. Ha urlato, ed è stato l’ultimo suono uscito dalla sua gola. Da quel giorno, Adele non parla più.

Per comunicare con i genitori e il mondo intero usa i disegni. La stanno seguendo un’intera equipe di psicologi di “Emdr Italia”, che parlano di “un blocco che è peggiorato quando la famiglia di Adele è stata costretta a lasciare l’abitazione in cui viveva. Se è complicato per un adulto, immaginiamo per una bambina che in più aveva anche assistito al crollo”. Ma le speranze che Adele torni alla normalità ci sono tutte: si tratta di un blocco temporaneo, assicurano gli esperti. Anche se quel giorno non lo dimenticherà mai.

Italia
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi
L’Italia si è fermata
L’Italia si è fermata
Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico