L’Italia si è fermata

| Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico

+ Miei preferiti
Tecnicamente, il termine “recessione” indica una condizione in cui un paese non è più in grado di sfruttare la propria capacità produttiva, spesso perché cala la domanda interna di beni e servizi. Gli effetti, del tutto nefasti: aumento della disoccupazione, rallentamento della produttività, discesa dei consumi, difficoltà sempre maggiori nell’accesso al credito.

Esattamente quel che sta succedendo all’Italia. Dopo numerosi allarmi lanciati da mesi (lo 0,6% di crescita stimato dal Fondo Monetario, lo 0,2% della Commissione Europea e la stessa cifra ipotizzata dall’Ocse), arriva la doccia gelata del Centro Studi di Confindustria, che certifica un’Italia ferma, bloccata, con previsioni di Pil per il 2019 del tutto azzerate e con un misero +0,4% nel 2020. A pesare, conferma il centro studi, “Una manovra di bilancio poco orientata alla crescita e il progressivo crollo della fiducia delle imprese”. Tutto questo in un 2018 definito a due velocità: fino a marzo, con una crescita dell’occupazione di 198mila unità, mentre da marzo in poi è calata di 84mila posti di lavoro.

“La recessione – avverte Confindustria – potrò essere evitata solo grazie all’espansione della domanda estera. A meno che, non si realizzi l’auspicato cambio di passo della politica economica nazionale”. Anche le manovra bandiera del governo, reddito di cittadinanza e Quota 100, “daranno un contributo alla crescita, anche se esiguo. Anche se queste due misure, realizzate a deficit, hanno contribuito al rialzo dei tassi sovrani e al calo della fiducia, con un impatto negativo sulla crescita”.

Le scelte indolori, nel futuro dell’Italia, sono escluse: si va verso l’aumento dell’Iva o una crescita del debito pubblico al 3,5%. Due ipotesi devastanti: ma per annullare la prima servono 32 miliardi di euro, rintracciabili soltanto con aumento delle tasse. Mentre far superare il 3% del rapporto deficit-Pil significa lanciare un preoccupante segnale ai mercati. “Il fatto che lo spread non si è richiuso significa che siamo un paese sotto osservazione, e i mercati ci puniranno”.

Positive, ma con le dovute cautele, le intese raggiunte per la “via della seta”: “Siamo un paese in una situazione economica delicata, occorre fare molta attenzione a investimenti a volte non del tutto trasparenti”.

Italia
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni