L’ora della verità per i due Marò

| Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi

+ Miei preferiti
Si torna a parlare dei due Marò italiani, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i fucilieri della Marina accusati dell’omicidio di due pescatori avvenuto nel 2012 al largo delle coste del Kerala, mentre erano imbarcati come nuclei militari di protezione della nave commerciale “Enrica Lexie”.

Per i due fucilieri della Marina è il giorno dell’udienza conclusiva davanti al Tribunale arbitrale internazionale de l’Aia, che entro il 20 luglio dovrà decidere quale paese ha diritto di indagare e nel caso processare i due militari italiani: la sentenza è attesa entro sei mesi.

L’Italia rivendica la giurisdizione del caso anche attraverso le parole dell’ambasciatore Francesco Azzarello, che ha ricordato gli “ingiustificabili rinvii al processo della giustizia indiana”, oltre al fatto che per l’India Latorre e Girone, “due funzionari dello Stato Italiano impegni nell’esercizio delle loro funzioni, per l’India erano considerati colpevoli di omicidio ancora prima che fossero formulate le accuse. Da non dimenticare anche le considerazioni umanitarie: al termine dell’arbitrato, i due fucilieri italiani saranno stati privati della loro libertà per otto lunghi anni senza alcuna imputazione”. Immediata la replica di G. Balasubramanian, rappresentante di Delhi: “L’Italia sostiene di avere la giurisdizione esclusiva, ma bisogna ricordare che l’India, i due pescatori e le loro famiglie sono le vere vittime di questo caso”.

L’augurio che la sentenza del tribunale olandese “risolva definitivamente la disputa”, è arrivata dal ministro della Difesa Elisabetta Trenta, che ha voluto ricordare: “Salvatore e Massimiliano, non siete soli, né voi né le vostre famiglie”.

Italia
Sister Act
Sister Act
In Sicilia, due suore di conventi diversi scoprono negli stessi giorni di essere incinta. La prima è un’italiana di 34 anni, la seconda una donna del Madagascar che ha preferito tornare in Patria. Lo sconcerto delle due comunità
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
Dopo una lunga serie di ricorsi ed esposti, per le famiglie delle 7 ragazze italiane morte sul pullman finito fuoristrada, si apre la speranza di sapere la verità
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste