“Ma quali violenze
la ragazza si prostituiva”

| Federico Pesci e Wilson Ndu Aniyem: entrambi hanno confermato al gip che si è trattato di una prestazione sessuale a pagamento pattuita e pagata, tipo "Cento sfumature di grigio". Branco libero ma indagato a Como

+ Miei preferiti
L’imprenditore Federico Pesci e il suo pusher nigeriano Wilson Ndu Aniyem, interrogati nel carcere di Parma dove sono detenuti per violenza sessuale e lesioni pluriaggravate nei confronti di una giovane di 21 anni, hanno ribadito le loro posizioni: “La ragazza era consenziente”. Nel lungo interrogatorio di garanzia, iniziato alle prime ore della mattina e terminato soltanto dopo le 14 di oggi, i due hanno risposto alle domande del gip rigettando tutte le accuse a loro carico: la giovane non si sarebbe opposta a nulla fino alle 7 della mattina successiva, quando lo stesso Pesci avrebbe chiamato un taxi per farla riaccompagnare a casa. Per il copione della serata si sarebbero ispirati a "Cento sfumature di grigio", il libro e il film che teorizza di pratiche sado-maso sempre più estreme. In questo caso il grigio potrebbe lasciare posto al nero.

È stato Antonio Dimichele, uno dei due legali dell’imprenditore parmense, a sintetizzare l’esito dell’interrogatorio e la strategia difensiva: “La vicenda ha innescato un’attenzione mediatica eccessiva a causa della notorietà del mio assistito. La ragazza ha ricevuto un pagamento in denaro per la sua prestazione sessuale e dagli atti risulta chiaro che le cose non sono andate come raccontate nel corso della conferenza stampa della polizia. I 45 giorni di prognosi non sono dovuti alle sevizie a cui la giovane sarebbe stata sottoposta per cinque ore: non lo dico io, ma i referti medici agli atti che testimoniano la mancanza di violenza sessuale nelle parti intime. I giorni di prognosi sono dovuti alle ecchimosi provocate nel corso dei giochi erotici, durante i quali la ragazza era consenziente. Lo stupore di Pesci al momento dell’arresto è dovuto al fatto che lui fosse assolutamente convinto della liceità dei suoi comportamenti”.

Secondo i legali di Pesci e di Aniyem, la ragazza si prostituiva abitualmente e avrebbe accettato di avere rapporti sessuali con entrambi, dando il suo consenso per “giochi erotici” ispirati alla saga “50 sfumature di grigio”.

I due per adesso restano in carcere: “Adesso valuteremo se presentare istanza di scarcerazione”, ha concluso l’avvocato, E tornano liberi anche i tre ragazzi di Como, accusati di stupro di gruppo di due minorenni, due stranieri e un italiano, con un quarto moldavo in fuga. Secondo il gip, al contrario dei pm, non tutto è chiaro di quanto avvenuto quella notte. L'italiano, Nicolas P., non avrebbe avuto un ruolo nelle presunte violenze, mentre i tre insistono a dire che le ragazze erano consenzienti. Comunque restano indagati.

Italia
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini