Militari italiani uccisi da negligenze e silenzi

| Drammatico documento finale della commissione parlamentare. I gravi danni alla salute provocati dall'uranio impoverito e dall'amianto nei mezzi di tutte le armi. Oltre mille morti per absestosi solo in Marina

+ Miei preferiti

Un quadro di “sconvolgente criticità” che, “in Italia e nelle missioni all’estero”, ha “seminato morti e malattie tra i lavoratori militari del nostro Paese”, con un “risultato devastante”. Criticità “alimentate da un problema irrisolto”, che “l’universo della sicurezza militare non è governato da norme e da prassi adeguate”, ed aggravate da un certo “‘negazionismo’ dei vertici militari” e dal fatto che “nell’Amministrazione della Difesa continua a diffondersi un senso d’impunità quanto mai deleterio per il futuro: l’idea che le regole c’erano, ci sono e ci saranno, ma che si potevano, si possono e si potranno violare senza incorrere in effettive responsabilità. E quel che è ancora peggio, dilaga tra le vittime e i loro parenti un altrettanto sconfortante senso di giustizia negata”.

Sono le accuse lanciate dalla Commissione parlamentare di inchiesta sugli effetti dell’utilizzo dell’uranio impoverito (la quarta costituita nella storia del Parlamento italiano) che, concluso il suo mandato, ha presentato una relazione finale nella quale si fa un bilancio delle indagini sulle questioni che concernono l’utilizzo dell’uranio impoverito e su altri fattori patogeni incidenti sulla salute dei militari, dei dipendenti civili dell’Amministrazione della Difesa e delle popolazioni residenti nei territori su cui insistono i poligoni e le installazioni militari.

Le criticità affrontate dalla Commissione, spiega la relazione, “sono alimentate da un problema irrisolto: l’universo della sicurezza militare non è governato da norme e da prassi adeguate. Restano immutate le scelte strategiche di fondo che attualmente ispirano la politica della sicurezza nel mondo delle Forze Armate. Quelle scelte strategiche che paradossalmente trasformano il personale della Difesa in una categoria di lavoratori deboli”.

La Commissione parlamentare ha accertato che “la presenza di amianto ha purtroppo caratterizzato navi, aerei, elicotteri” che “solo nell’ambito della Marina Militare 1.101 persone sono decedute o si sono ammalate per patologie asbesto-correlate”. Sono inoltre “molteplici e temibili” i rischi “a cui sono esposti lavoratori e cittadini nelle attività svolte dalle Forze Armate, ma anche dalla Polizia di Stato e dai Vigili del Fuoco” per l’utilizzo o la presenza di uranio impoverito o amianto: “Basti pensare ai poligoni di tiro presenti sul territorio nazionale nei quali la mancata o tardiva bonifica dei residui dei munizionamenti impiegati nelle esercitazioni ha prodotto rischi ambientali in danno di quanti sono chiamati ad operare o a vivere nel loro ambito”.

Infine per la Commissione “le reiterate sentenze della magistratura ordinaria e amministrativa hanno costantemente affermato l’esistenza, sul piano giuridico, di un nesso di causalità tra l’accertata esposizione all’uranio impoverito e le patologie denunciate dai militari o, per essi, dai loro superstiti” e, “sulla scorta della documentazione acquisita, raccomanda al prossimo Parlamento di vigilare con il massimo scrupolo sulle modalità di realizzazione della missione” italiana in Niger, “anche per quanto attiene alla valutazione dei rischi, all’idoneità sanitaria e ambientale dei luoghi di insediamento del contingente, alla congruità delle pratiche vaccinali adottate e alle pratiche di sorveglianza sanitaria”.

Italia
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"
UN ANNO DOPO
Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
UN ANNO DOPO<br>Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
Nella notte del 30 aprile 2018, sulle montagne di Arolla, nel Vallese, si consumò una delle più gravi e dolorose tragedie della montagna degli ultimi anni. Sette persone morirono, uccise dall'ipotermia durante una tempesta
Rousseau, quando i grillini sono 'morosi'
Rousseau, quando i grillini sono
Su oltre 330 parlamentari, 61 non pagano le quote imposte dalla Casaleggio Associati, anche per una forma di dissenso verso una piattaforma on line spesso sotto accusa per il suo funzionamento. Conflitto di interessi?
Aumentano le “auto blu”
Aumentano le “auto blu”
Giallo, verde e blu: i primi due sono i colori simboli dei partiti al governo, l’ultimo quello delle auto della P.A., che invece di diminuire, aumentano grazie a due bandi Consip
Regeni: i genitori scrivono a Conte
Regeni: i genitori scrivono a Conte
In una lettera, inviata al premier attraverso il quotidiano Repubblica, i genitori di Giulio invitano Conte a pretendere la verità dal presidente Al Sisi