Minghella, il segreto del serial killer delle donne

| La procura gli attribuisce un altro delitto, verso una collezione di ergastoli

+ Miei preferiti
Una lunga scia di sangue che sembra non aver mai fine. Maurizio Minghella, il serial killer delle prostitute, è stato arrestato, seppur in carcere, per un nuovo delitto. Un "cold case" che risale alla fine degli anni Novanta e che ha come sfondo Torino. La vittima, Floreta Islami, una ragazza di origine albanese, venne trovata morta il pomeriggio di San Valentino, a Rivoli, alle porte del capoluogo piemontese. Correva l'anno 1998. Il medico legale stabilì che era stata uccisa: strangolata. Solo adesso, grazie al lavoro della polizia, il suo assassino ha un nome. E' ancora lui, Maurizio Minghella, noto alle cronache per aver ucciso tra gli anni Settante e Novanta, colpendo in Piemonte, Liguria e Lombardia. Il serial killer, nato a Genova 58 anni fa, al tempo un piastrellista, si trova tuttora in carcere a Pavia. Lo era anche nel 1979, ben prima quindi di quest'ultimo delitto, ma il regine di semilibertà gli permise di tornare in azione. Un modus operandi ben definito il suo: le vittime erano quasi sempre prostitute e venivano strangolate con quello che capitava. Una volta un foulard, un'altra una sciarpa, un'altra ancora dei collant. Prima di finirle però le seviziava. Almeno in sette sono state bruciate. Oltre a Floreta, altri tre casi sono stati riaperti: dietro potrebbe esserci sempre lui, il serial killer delle prostitute.

La storia di Minghella è quanto meno singolare. il serial killer delle prostitute.Liberato dal carcere di Porto Azzurro dove scontava il primo ergastolo, ottenne nei primi anni ‘90 lo stato di semi-libertà. Si trasferì a Torino, dove faceva il falegname in una struttura del Gruppo Abele. Abitò prima solo, poi con la convivente in due case, entrambe a pochi passi dal centro. Aveva il naso rotto da pugile, rideva sempre e amava indossare stivaletti a punta e con il tacco alto. Quando, prima del suo arresto, vagabondava per le discoteche della periferia genovese, era conosciuto come "il John Travolta della Valpolcevera", dal quartiere in cui viveva. Era solito  vantarsi delle suo conquiste. "Ho avuto cento donne, voglio arrivare a mille". Ma con loro, con le donne, ebbe ben altro tipo di rapporti. A Torino sembrava aver messo la testa a posto: la compagna, un figlio. E invece, conduceva una doppia vita: docile e disponibile in casa e al lavoro; violento e pronto a torturare le donne che aveva "puntato". L'elenco dei delitti commessi da Minghella è lunghissimo. Le vittime, alcune conosciute in discoteca, erano state tutte strangolate su automobili rubate dopo essere state spogliate, picchiate, seviziate e violentate per ore. "Avevano tutte il ciclo". Lo stesso Minghella raccontò alla polizia che la vista del sangue mestruale lo rendeva violento. Il 18 aprile 1978 uccise a Genova la prostituta ventenne Anna Pagano, nascondendone poi il cadavere vicino a Trensasco. Aveva la testa fracassata ed era stata seviziata. La scritta sul corpo "Brigate Rose" fu un maldestro tentativo di depistare le indagini. L'8 luglio riservò a Giuseppina Jerardi a Genova la stessa sorte: il corpo venne ritrovato su un'auto rubata. Il 18 luglio fece fuori Maria Catena "Tina" Alba di 14 anni: lasciò il suo cadavere legato con una specie di garrota a un albero. Il 22 agosto, dopo una notte in discoteca, un'altra vittima: Maria Strambelli di 21 anni, commessa. Dopo averla violentata, uccise anche la sua amica, Wanda Serra di 19 anni. Condannato all'ergastolo Minghella trascorse 12 anni nel carcere di Porto Azzurro dove si conquistò il titolo di detenuto modello tanto da ottenere, nel 1995, la semilibertà a Torino. Nel capoluogo piemontese allungò il suo elenco. Nel maggio 1997 strangolò con il laccio di una tuta da ginnastica a Caselette la prostituta marocchina di 27 anni Fatima H'Didou dopo averla picchiata e violentata. Il 30 gennaio 1999 stessa fine per la prostituta originaria di Taranto di 67 anni Cosima Guido detta "Gina". E ancora, Florentina "Tina" Motoc, 27 anni, madre di un bambino di due, venne uccisa nella notte tra il 16 e il 17 febbraio 2001. Percossa brutalmente al volto e al capo. Ora altre tre donne aspettano di trovare giustizia. Gli omicidi sono stati commessi a poca distanza l'uno dall'altro. Il 22 marzo del 1997, venne trovata morta Loredana Maccario, 53 anni, originaria di Portocomaro, Asti: strangolata nella sua garçonniere vicino al centro di Torino. La sera del 12 giugno del 1997 campane a morto per Carolina Gallone. Aveva 66 anni ed era originaria di Novara: riceveva i clienti, quasi tutti amici e sempre i soliti, in un alloggio non lontano da dove era stato commesso il primo omicidio. Poi c'è Ebe Musso. I pochi testimoni concordano sull'identikit dell'assassino. "Un uomo sui 35-40 anni, di media statura, robusto, capelli brizzolati, giubbotto di jeans e pantaloni chiari". Una descrizione che rimanda ancora una volta a Minghella.di Minghella è quanto meno singolare. Liberato dal carcere di Porto Azzurro dove scontava il primo ergastolo, ottenne nei primi anni ‘90 lo stato di semi-libertà. Si trasferì a Torino, dove faceva il falegname in una struttura del Gruppo Abele. Abitò prima solo, poi con la convivente in due case, entrambe a pochi passi dal centro. Aveva il naso rotto da pugile, rideva sempre e amava indossare stivaletti a punta e con il tacco alto. Quando, prima del suo arresto, vagabondava per le discoteche della periferia genovese, era conosciuto come "il John Travolta della Valpolcevera", dal quartiere in cui viveva. Era solito  vantarsi delle suo conquiste. "Ho avuto cento donne, voglio arrivare a mille". Ma con loro, con le donne, ebbe ben altro tipo di rapporti. A Torino sembrava aver messo la testa a posto: la compagna, un figlio. E invece, conduceva una doppia vita: docile e disponibile in casa e al lavoro; violento e pronto a torturare le donne che aveva "puntato". L'elenco dei delitti commessi da Minghella è lunghissimo. Le vittime, alcune conosciute in discoteca, erano state tutte strangolate su automobili rubate dopo essere state spogliate, picchiate, seviziate e violentate per ore. "Avevano tutte il ciclo". Lo stesso Minghella raccontò alla polizia che la vista del sangue mestruale lo rendeva violento. Il 18 aprile 1978 uccise a Genova la prostituta ventenne Anna Pagano, nascondendone poi il cadavere vicino a Trensasco. Aveva la testa fracassata ed era stata seviziata. La scritta sul corpo "Brigate Rose" fu un maldestro tentativo di depistare le indagini. L'8 luglio riservò a Giuseppina Jerardi a Genova la stessa sorte: il corpo venne ritrovato su un'auto rubata. Il 18 luglio fece fuori Maria Catena "Tina" Alba di 14 anni: lasciò il suo cadavere legato con una specie di garrota a un albero. Il 22 agosto, dopo una notte in discoteca, un'altra vittima: Maria Strambelli di 21 anni, commessa. Dopo averla violentata, uccise anche la sua amica, Wanda Serra di 19 anni. Condannato all'ergastolo Minghella trascorse 12 anni nel carcere di Porto Azzurro dove si conquistò il titolo di detenuto modello tanto da ottenere, nel 1995, la semilibertà a Torino. Nel capoluogo piemontese allungò il suo elenco. Nel maggio 1997 strangolò con il laccio di una tuta da ginnastica a Caselette la prostituta marocchina di 27 anni Fatima H'Didou dopo averla picchiata e violentata. Il 30 gennaio 1999 stessa fine per la prostituta originaria di Taranto di 67 anni Cosima Guido detta "Gina". E ancora, Florentina "Tina" Motoc, 27 anni, madre di un bambino di due, venne uccisa nella notte tra il 16 e il 17 febbraio 2001. Percossa brutalmente al volto e al capo. Ora altre tre donne aspettano di trovare giustizia. Gli omicidi sono stati commessi a poca distanza l'uno dall'altro. Il 22 marzo del 1997, venne trovata morta Loredana Maccario, 53 anni, originaria di Portocomaro, Asti: strangolata nella sua garçonniere vicino al centro di Torino. La sera del 12 giugno del 1997 campane a morto per Carolina Gallone. Aveva 66 anni ed era originaria di Novara: riceveva i clienti, quasi tutti amici e sempre i soliti, in un alloggio non lontano da dove era stato commesso il primo omicidio. Poi c'è Ebe Musso. I pochi testimoni concordano sull'identikit dell'assassino. "Un uomo sui 35-40 anni, di media statura, robusto, capelli brizzolati, giubbotto di jeans e pantaloni chiari". Una descrizione che rimanda ancora una volta a Minghella.

Italia
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini