Nei guai l’allenatore dei Vip

| Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite

+ Miei preferiti
È considerato il personale trainer dei Vip: fra i suoi clienti Fabrizio Corona, Silvio Berlusconi e la compagna Francesca Pascale. Proprio grazie alla forma fisica della Pascale, il nome di Davide Gariboldi era rimbalzato spesso nelle cronache rosa.

Ma per la procura di Monza, il personal trainer milanese era l’epicentro di un traffico illecito di anabolizzati, steroidi e cocaina. Gariboldi, 48 anni, titolare della “Extreme Fitiness” di Carate, palestra ben conosciuta dagli appassionati di body-building di tutt’Italia, è finito in procura, dove ha dovuto rispondere di diverse accuse, fra cui alcune feste in cui il personal trainer avrebbe offerto a metà prezzo ad una ragazza dell’est con cui conviveva nel 2017. Fra le accuse anche presunto possesso di steroidi e di un farmaco oppioide. L’inchiesta sarebbe partita dalle dichiarazione della ragazza di origine moldava che lavorava in locali di Torino e Milano, trovata per strada in stato confusionale, che aveva raccontato di feste organizzate nel loft in cui conviveva con Gariboldi, in cui scorrevano alcol e cocaina.

Lo scorso anno, durante una perquisizione, nella sua abitazione di Carate Brianza, i carabinieri trovano delle compresse di un farmaco oppioide che rientra nell’elenco delle sostanze stupefacenti e 36 compressedi “oxymetholone”, un potente steroide utilizzato dai body builder per aumentare la massa muscolare e centinaia compresse di anabolizzanti.

Non è la prima volta che Davide Gariboldi finisce nei guai con la giustizia: nel 2016 una donna l’aveva denunciato per possesso di steroidi, ma l’inchiesta era stata archiviata.

Galleria fotografica
Nei guai l’allenatore dei Vip - immagine 1
Nei guai l’allenatore dei Vip - immagine 2
Nei guai l’allenatore dei Vip - immagine 3
Italia
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni