Non è reato insultare i politici
che non mantengono le promesse

| Così recita una sentenza della Corte di Cassazione, partendo dal caso di alcuni ex assessori comunali siciliani che avevano sbeffeggiato pubblicamente il sindaco

+ Miei preferiti

Mentre la campagna elettorale infuria, e ancor peggio farà con l’avvicinarsi del 4 marzo, arriva una buona notizia, di quelle confortanti, che aprono buoni spiragli di vendette postume contro la “casta”. Secondo una recentissima sentenza della quinta sezione penale della Corte di Cassazione - la numero 317 - insultare i politici che non hanno mantenuto le promesse elettorali non è reato. 

Tutto nasce dall’assoluzione di Sebastiano Foti, Carmelo Andronico, Beniamino Lo Giudice, Alessandro Niosi, Saverio Palato e Agatino Vinci, sei ex consiglieri comunali di Furci Siculo, piccolo centro del messinese, che nel 2011 avevano rimpiatto vie e piazze del paese con un manifesto nel quale accusavano l’ex sindaco Bruno Antonio Parisi di  essere “falso, bugiardo, ipocrita e malvagio” per non aver mantenuto una promessa elettorale lanciata in campagna elettorale: rinunciare ad ogni stipendio e indennità.

Inevitabile la querela, con un processo di primo grado concluso nel 2014 con una sentenza che dava piena ragione al sindaco e condannava i sei. In appello, la questione si ribalta totalmente: piena ragione agli ex consiglieri comunali, che avevano definito in modo “offensivo, ma pertinente” il primo cittadino, all’interno della dialettica di uno scontro politico acceso. Per l’ex sindaco una brutta botta, vista anche la costituzione di parte civile per arrivare ad un risarcimento del danno.

Da qui, la decisione di arrivare fino in fondo, rivolgendosi ai giudici di piazza Cavour. Ma, sorpresa, anche la Suprema Corte ha dato ragione ai sei consiglieri: gli epiteti, hanno spiegato gli ermellini, “presentavano stretta attinenza alle vicende che avevano visto l’opposizione contrapporsi al sindaco”. La promessa elettorale non mantenuta, e per di più con l’aggravante di mancanza di aver comunicato pubblicamente la decisione. In pratica, nessuno tipo di “attacco alla dignità morale e intellettuale” dell’ex sindaco.

Da qui, la possibilità di sbeffeggiare pubblicamente i politici che in campagna elettorale si lanciano in promesse, e non le mantengono. Arrivare al 4 marzo sarà divertente.

Italia
Sister Act
Sister Act
In Sicilia, due suore di conventi diversi scoprono negli stessi giorni di essere incinta. La prima è un’italiana di 34 anni, la seconda una donna del Madagascar che ha preferito tornare in Patria. Lo sconcerto delle due comunità
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
Dopo una lunga serie di ricorsi ed esposti, per le famiglie delle 7 ragazze italiane morte sul pullman finito fuoristrada, si apre la speranza di sapere la verità
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi