"Pagherete caro, pagherete tutto"

| La fatwa dell'anarchico Pasquale Valitutti contro pm e poliziotti dall'aula-bunker di Torino dove è in corso nel silenzio il processo contro 7 esponenti della Federazione Informale. Pericolo sottovalutato

+ Miei preferiti

di Massimo Numa

“Le vostre farse giudiziarie sono combustibile per il nostro odio e aumentano la nostra sete di giustizia, quella sacrosanta giustizia, che deve inevitabilmente passare per la giusta vendetta. Noi non abbiamo paura e non ci pieghiamo e voi state ben sicuri che pagherete caro, pagherete tutto”. La "giusta vendetta" riguarda pm e investigatori. E non solo loro. Ma anche operatori carcerari e giornalisti. Forse parla a nome di se stesso. Ma forse è in grado di captare il respiro più profondo di un’area antagonista che ha scelto il terrorismo come arma di lotta. Ma quanto scrive su un blog Pasquale Valitutti, 70 anni, anarchico della prima ora, pensionato statale ed ex impiegato di un centro di ricerca, testimone a senso unico del caso Pinelli, andrebbe comunque tenuto in debita considerazione.



Lui ha guadagnato una sinistra popolarità poiché partecipa da anni alle manifestazioni più violente in tutta Italia su una carrozzella da disabile. E’ il barometro degli umori degli anarco-terroristi della Federazione Informale, attualmente sotto processo per una lunga catena di attentati e ferimenti in Corte d’Assise a Torino, nell’aula bunker del carcere delle Vallette. E’ un processo dimenticato dai media. Investigatori e procura da mesi vanno ricostruendo passo dopo passo le attività criminali di un sodalizio potenzialmente pronto anche ad uccidere nel più assordante silenzio. Un ispettore della Digos, ha ricostruito in numerose udienze il loro percorso criminale e nei report anarchici viene definito “il solito sbirro storico”. Scrive ancora Valitutti: E’ molto volgare ed osceno vedere come il potere deride le sue stesse leggi e nel contempo si nasconde dietro di esse per portare a termine le sue vendette contro chi osa metterlo in discussione…Come ben sappiamo la difesa giudiziaria è solo un aspetto di una difesa che deve continuare ad agire in molti aspetti diurni e notturni : così come non si può non garantire un’adeguata difesa giudiziaria, nel contempo sarebbe perlomeno azzardato fidarsi solo di quella. La difesa dei nostri fratelli e delle nostre sorelle è in primo luogo una nostra responsabilità che non può essere delegata a nessuno”.

Le considerazioni finali, mentre tutto o quasi le risorse investigative sono concentrato sul pericolo dei radicali islamici, lasciano presumere un ritorno a una stagione di attentati. Le quattro bombole di gas davanti a una sede dell’Unicredit di Bologna (una sola è esplosa), con obiettivo la Turchia di Erdogan, potrebbero esserne il preludio. 

Conclude Valitutti: “Spero che nelle prossime settimane sia possibile definire alcune iniziative di lotta diurne,delle quali si è già parlato a voce con alcuni compagni, si sta cercando di contattare tutti per avere un parere. La notte è affidata alla coscienza di ognuno…”.

Galleria fotografica
"Pagherete caro, pagherete tutto" - immagine 1
"Pagherete caro, pagherete tutto" - immagine 2
"Pagherete caro, pagherete tutto" - immagine 3
"Pagherete caro, pagherete tutto" - immagine 4
"Pagherete caro, pagherete tutto" - immagine 5
Italia
TAV, a che punto siamo
TAV, a che punto siamo
Proseguono a ritmo serrato i lavori sui cantieri dell’alta velocità fra Italia e Francia. Oltre il 20% delle opere da realizzare già appaltate
La strage dei ragazzini
La strage dei ragazzini
Un Natale di sangue sulle strade italiane, con cinque vittime giovanissime. Gli inquietanti dati di un anno che si chiude con una media di 9 morti al giorno
Sister Act
Sister Act
In Sicilia, due suore di conventi diversi scoprono negli stessi giorni di essere incinta. La prima è un’italiana di 34 anni, la seconda una donna del Madagascar che ha preferito tornare in Patria. Lo sconcerto delle due comunità
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
Dopo una lunga serie di ricorsi ed esposti, per le famiglie delle 7 ragazze italiane morte sul pullman finito fuoristrada, si apre la speranza di sapere la verità
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta