Pamela, nigeriano confessa ma non convince

| Riflessioni dopo le ammissioni di Oseghale: "Pamela è morta di overdose e io ho sezionato il cadavere per farlo sparire, avevo paura di essere coinvolto". Ma ancora troppe contraddizioni su complici e dettagli

+ Miei preferiti

Innocent Oseghale confessa (“Ho fatto a pezzi Pamela ma era già morta per overdose e non l’ho stuprata”) ma non convince del tutto geli investigatori. qualcosa non quadra ancora in un racconto pieno di contraddizioni e di vuoti incomprensibili. In sostanza, il 29enne di origine nigeriana, legato sentimentalmente a una donna italiana da cui ha avuto proprio recentemente una figlia, afferma che quella mattina del 30 gennaio s’è preoccupato di trovare un pusher in grado di vendere una dose di eroina per la 18enne romana, in fuga da qualche ora dalla comunità di cui era ospite. Ebbene, ottenuta la droga, Pamela era rimasta sola in casa, mentre lui era uscito per i fatti suoi. Quando è rientrato, la ragazza era morta. Spaventato, è andato in un market a comprare un sacco di plastica e la candeggina. Ma, una volta rientrato, s’è accorto che il sacco era “troppo piccolo” e ha deciso di sezionare il cadavere. Ed è proprio su questo aspetto che appare poco credibile. 

Lo smembramento del cadavere, irrorato di candeggina, appare fatto da mani esperte e in brevissimo arco di tempo. Oseghale ricostruisce anche la fase dell’occultamento del cadavere, diviso in due trolley. Il taxi illegale che lo accompagnato fuori città avrebbe oltrepassato il punto in cui avrebbe voluto nasconderli e così aveva chiesto all’autista di gettarli in un fossato. Ma quest’ultimo, incuriosito dall’operazione, e sapendo che Oseghale era un pusher piuttosto noto in città, di notte era andato a controllare cosa contenevano le due valigie, restando sì sotto choc ma guardandosi bene di rivolgersi alle forze dell’ordine. 

E’ possibile che il nigeriano, in carcere da mesi, tenti di accreditare, tra le accuse da ergastolo che gli sono state mosse, l’ipotesi di vilipendio e occultamento di cadavere, per cui verrebbe liberato in breve tempo. La procura, per ora, in merito alla confessione, non si pronuncia e lui resta in carcere. Forse ha deciso di “coprire” per paura o in vista di una ricompensa per il suo silenzio, i complici che gli avrebbero dato una mano.  In questo senso, i clandestini arrestati a suo tempo, Lucky Desmond e Awelina Lucky, sono ancora in carcere ma solo per spaccio, poiché ritenuti estranei alla morte di Pamela e al successivo smembramento del cadavere. Oseghale, a rigor di logica, avrebbe dovuto confessare subito quanto era avvenuto, in modo da chiarire le sue responsabilità. Con il suo silenzio, le sue bugie, ha avvalorato un quadro sempre più da film dell’orrore, Perché ha taciuto? “Non volevo che la mia compagna sapesse cos’era accaduto, temevo le sue reazioni”. Sarà. Ma questa storia non può finire qui, con tutte le implicazioni politiche e sociali che s’è tirata dietro. I legali della famiglia di Pamela non sono per nulla convinti che la storia, quella vera, sia il racconto confuso del pusher nigeriano che aveva rifiutato il percorso di integrazione preferendo vendere ogni tipo di droghe.

Italia
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati