Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me

| Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”

+ Miei preferiti
Il 27 marzo 2015, dopo un iter processuale lungo sette anni, la Suprema Corte di Cassazione assolve Raffaele Sollecito e la studentessa americana Amanda Knox dall’accusa di omicidio per la morte di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa il 1° novembre 2007 in circostanze ancora oggi mai del tutto chiarite. Da allora, per i due giovani si sono riaperte le porte dei carceri dove sono stati rinchiusi: lei è tornata a Seattle, dalla sua famiglia, Sollecito invece tenta ancora di ricostruirsi una vita. Un’impresa non facile per questo ragazzo barese, classe 1984, studente di informatica, finito al centro di uno dei casi più mediatici degli ultimi anni.

Le cronache, salvo casi sporadici, hanno smesso da tempo di occuparsi di Amanda e Raffaele, ma questo – almeno per quel che riguarda Sollecito – non basta a restituirgli un’esistenza normale. È il senso di un’intervista rilasciata dal giovane pugliese ai microfoni di “Radio Italia”.

“La mia vita è sempre stata marchiata da questa vicenda. Ormai, per questione di autoconservazione non mi curo più dello sguardo della gente. Ma ho la prova tangibile del marchio d’infamia con cui sono costretto a convivere da proposte di lavoro sfumate perché mi confessavano che non potevano assumere una persona come me, per non avere pubblicità negativa”.

“Tante volte ho temuto di non farcela, negli anni del mio calvario: sia quando ero in carcere che fuori .- prosegue Sollecito - ho avuto uno spirito positivo, nel senso che ho sempre pensato che le cose in un modo o nell’altro dovessero venire alla luce, e ho potuto contare su una famiglia che mi è stata vicina”.

Poi, ad una domanda diretta su Amanda confida di non sentirla più da tempo: “Non ho più fiducia nella giustizia italiana, ma nessuno mi ha chiesto scusa e neanche abbiamo mai avuto risarcimenti: ci siamo indebitati in maniera distruttiva e ne stiamo ancora pagando le conseguenze”.

Italia
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma