Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me

| Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”

+ Miei preferiti
Il 27 marzo 2015, dopo un iter processuale lungo sette anni, la Suprema Corte di Cassazione assolve Raffaele Sollecito e la studentessa americana Amanda Knox dall’accusa di omicidio per la morte di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa il 1° novembre 2007 in circostanze ancora oggi mai del tutto chiarite. Da allora, per i due giovani si sono riaperte le porte dei carceri dove sono stati rinchiusi: lei è tornata a Seattle, dalla sua famiglia, Sollecito invece tenta ancora di ricostruirsi una vita. Un’impresa non facile per questo ragazzo barese, classe 1984, studente di informatica, finito al centro di uno dei casi più mediatici degli ultimi anni.

Le cronache, salvo casi sporadici, hanno smesso da tempo di occuparsi di Amanda e Raffaele, ma questo – almeno per quel che riguarda Sollecito – non basta a restituirgli un’esistenza normale. È il senso di un’intervista rilasciata dal giovane pugliese ai microfoni di “Radio Italia”.

“La mia vita è sempre stata marchiata da questa vicenda. Ormai, per questione di autoconservazione non mi curo più dello sguardo della gente. Ma ho la prova tangibile del marchio d’infamia con cui sono costretto a convivere da proposte di lavoro sfumate perché mi confessavano che non potevano assumere una persona come me, per non avere pubblicità negativa”.

“Tante volte ho temuto di non farcela, negli anni del mio calvario: sia quando ero in carcere che fuori .- prosegue Sollecito - ho avuto uno spirito positivo, nel senso che ho sempre pensato che le cose in un modo o nell’altro dovessero venire alla luce, e ho potuto contare su una famiglia che mi è stata vicina”.

Poi, ad una domanda diretta su Amanda confida di non sentirla più da tempo: “Non ho più fiducia nella giustizia italiana, ma nessuno mi ha chiesto scusa e neanche abbiamo mai avuto risarcimenti: ci siamo indebitati in maniera distruttiva e ne stiamo ancora pagando le conseguenze”.

Italia
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni
Bomba in un terreno nel bresciano
Bomba in un terreno nel bresciano
Domenica 16 giugno le operazioni di disinnesco dell’ordigno, ritrovato in un terreno agricolo di Adro, nel bresciano. Più di 2.000 le persone evacuate per precauzione
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
In pochi ancora lo dicono, ma modi e tempi delle chiusure delle due aziende sono la dimostrazione dell’incapacità del ministro del Mise. E un altro caso è pronto ad esplodere: quello di Auchan
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"