RALLY KILLER ORA BASTA?

| Ennesimo schianto mortale. Un commissario di percorso, per di più esperto, travolto da un'auto durante le ricognizioni. In attesa di nuove regole

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
(NOSTRO SERVIZIO)
di GERMANO LONGO
Sia chiaro: sono sempre tragiche fatalità. Dal bambino travolto a Coassolo durante il "Rally Citta di Torino" al pilota dilettante morto nel corso di una gara sanmarinese a cui non mancava mai. Ma qui qualcosa non torna, perché a forza di tragiche fatalità la scia di sangue non smette di allungarsi, portandosi dietro i nomi di chi era lì per caso o incarico, ma era lì, e questo è bastato a scrivere tutta un'altra storia.


A cambiare ogni volta è solo lo scenario: questa volta era il "Trofeo Vallecamonica" edizione 2017, una cronoscalata fra le più seguite, dalla metà degli anni Sessanta in scena fra tre comuni della vallata bresciana: Malegno, Osimo e Borno. Gara per gente tosta che nel 2005 aveva già avuto un tragico epilogo con la morte di un pilota che era costata all'organizzazione la validità internazionale, ripresa un paio d'anni dopo.

Professionisti esperti

Mauro Firmo, cinquant'anni, Commissario ACI, si trovava insieme ad alcuni suoi colleghi sulla Postazione Fissa dei Commissari di Percorso numero 21, nei pressi di Ossimo Inferiore. Un incarico come ne aveva visti tanti, da esperto com'era, nella giornata delle prove ufficiali dedicate alle ricognizioni del percorso di gara. È proprio quello il punto in cui alle 10,40 di sabato 29 luglio, Christian Furloni, numero di gara 149, ha perso il controllo della sua Peugeot 206 finendo sulla postazione dei commissari, travolgendone due e continuando la corsa con un volo di oltre dieci metri.

Le condizioni di Firmo sono apparse subito disperate: trasportato all'ospedale in eliambulanza, è morto poco dopo. Risulta ferita in modo non grave anche un'altra persona, ma non è ancora chiaro se si tratti di un altro dei commissari presenti nella postazione o di un fotografo. Il rally è stato immediatamente sospeso.

L'urgenza di fare qualcosa

Seguiranno il cordoglio, l'inchiesta, gli avvocati e gli indagati, ma a nutrirsi sarà soprattutto il dubbio sottile di una domanda a cui è onestamente difficile dare una risposta: è normale morire di rally? No, chiaro che non lo è. Ma per una specialità motoristica fra le più autentiche e adrenaliniche, significa l'ennesima discesa verso la necessità di riscrivere regole che la maggior parte delle volte funzionano e bastano, ma ogni tanto no. Ma aspettare con pazienza che si spengano gli echi delle cronache e finiscano le esequie non è la strada migliore: la lunga fila dei nomi di chi ha pagato con la vita essere lì, per passione o mestiere non importa, sono macigni. E i macigni prima o poi tirano giù le montagne.

Italia
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"
UN ANNO DOPO
Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
UN ANNO DOPO<br>Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
Nella notte del 30 aprile 2018, sulle montagne di Arolla, nel Vallese, si consumò una delle più gravi e dolorose tragedie della montagna degli ultimi anni. Sette persone morirono, uccise dall'ipotermia durante una tempesta
Rousseau, quando i grillini sono 'morosi'
Rousseau, quando i grillini sono
Su oltre 330 parlamentari, 61 non pagano le quote imposte dalla Casaleggio Associati, anche per una forma di dissenso verso una piattaforma on line spesso sotto accusa per il suo funzionamento. Conflitto di interessi?
Aumentano le “auto blu”
Aumentano le “auto blu”
Giallo, verde e blu: i primi due sono i colori simboli dei partiti al governo, l’ultimo quello delle auto della P.A., che invece di diminuire, aumentano grazie a due bandi Consip
Regeni: i genitori scrivono a Conte
Regeni: i genitori scrivono a Conte
In una lettera, inviata al premier attraverso il quotidiano Repubblica, i genitori di Giulio invitano Conte a pretendere la verità dal presidente Al Sisi