Riina è morto, il nero tramonto del "capo dei capi"

| In fin vita nell'ospedale di Parma, al suo fianco moglie e figli, nel giorno del suo 87° compleanno

+ Miei preferiti
"Per ogni cosa c'è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo", è scritto nell'Ecclesiaste. E forse, in queste ore, Salvatore "Totò" Riina, 87 anni, in coma dopo due interventi al cuore, infine morto nella notte, era forse consapevole che il suo destino terreno volgeva al termine, e proprio nel giorno del suo compleanno. Era da tempo in un letto dell'ospedale di Parma, nel reparto riservato ai detenuti, l'unico modo per uscire dal tunnel del 41bis. Le ultime ore in Rianimazione. Lo avevano fatto capire, che era ormai vicino all'omega di una esistenza segnata da interminabili catene di omicidi e da stragi di innocenti, senza dirlo in modo esplicito, i suoi legali di fiducia che a giugno avevano chiesto invano la sua scarcerazione per consentirgli "una morte dignitosa". Lo Stato aveva risposto con un no, motivandolo in modo semplice: l'assistenza ospedaliera consentiva il rispetto dei principi umanitari che la Costituzione assicura anche ai detenuti. Muore ancora da "capo dei capi" di Cosa Nostra, "orientato e dalle capacità di capire e di esprimersi", come hanno stabilito i periti sino a pochi mesi fa. E' malato di cuore, in una fase terminale. La moglie di Totò, Ninetta Bagarella, 72 anni, è in contatto con i responsabili del carcere. Così i suoi figli, Giuseppe Salvatore, Giovanni, Lucia e Maria Concetta. In queste ore, il ministro Orlando, ha consentito alla famiglia di stargli vicino in queste ultime ore. L'autorizzazione è già stata firmata. Pochi giorni fa, il 25 ottobre, era morta la sorella di Ninetta, Maria Matilde; il questore aveva vietato i funerali pubblici a Corleone. Poche persone avevano partecipato alle esequie nella chiesa dove la moglie di Riina va tutte le domeniche a messa.
Da mesi ormai il "capo dei capi", che lascia alle sue spalle una scia di sangue che parte dagli Anni '50, con i primi delitti e l'esecuzione di Michele Navarra, nel 1958, il numero uno di quel tempo lontano, versa in precarie condizioni di salute. E' in carcere dopo decenni di latitanza, dal 15 gennaio 1993, quando fu arrestato a Palermo dai carabinieri del capitano Ultimo. Le perizie mediche di maggio e giugno avevano già messo in rilievo le sue gravissime condizioni di salute ma sino a pochi mesi fa, Riina aveva continuato a partecipare alle udienze dei suoi infiniti processi, vigile e attento, e ancora minaccioso, anche in video-conferenza. Ma nel giugno 2017, il suo avvocato, Luca Cianferoni, aveva lanciato un appello per denunciare lo "stato di incompatibilità con la permanenza in carcere".  Ma il Tribunale di sorveglianza di Bologna, nel maggio 2016, aveva deciso che "lo stato di detenzione nulla aggiunge alle sofferenze della patologia, essendo il rischio dell'esito infausto pari e comune a quello di ogni cittadino, anche in stato di libertà". Il suo epigono, Bernardo Provenzano, morì in circostanze simili alle sue, a 83 anni, nell'ospedale San Paolo di Milano, per un tumore. Anche lui restò inchiodato al 41bis sino all'ultimo, quando ormai era in uno stato di semi-incoscienza. Era il 13 luglio 2016. Anche allora il questore di Palermo "per motivi di ordine pubblico" vietò i funerali. E' quasi scontato che saranno adottate le stesse misure anche per "Totò u curtu" o "La Belva", il boss che decise anche la morte di Falcone, Borsellino e degli agenti delle scorte. Ma in Sicilia, a Palermo e Corleone, quel giorno, comunque, non sarà uno qualsiasi.
Italia
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni