Rousseau, quando i grillini sono 'morosi'

| Su oltre 330 parlamentari, 61 non pagano le quote imposte dalla Casaleggio Associati, anche per una forma di dissenso verso una piattaforma on line spesso sotto accusa per il suo funzionamento. Conflitto di interessi?

+ Miei preferiti

I parlamentari grillini, tutti, devono versare 300 euro al mese alla Casaleggio Associati per usufruire dei servizi della piattaforma online Rousseau, a fronte di non invidiabili servizi resi. Uno su cinque (61 su 330) hanno versato regolarmente la quota al figlio del cofondatore del Movimento5Stelle. "Non sarebbero in regola Giulia Grillo, Danilo Toninelli, Laura Castelli e la vice presidente del Senato Paola Taverna e, pare, anche Di Maio", scrivono i cronisti de "Il Giornale". La gestione di Rousseau non piace a tutti, molti tra i i grillini “morosi” non hanno eccessiva fiducia nel sistema, già sanzionato con una multa di 50 mila euro dal garante della privacy per la scarsa protezione dei dati sensibili. L'obbligo di servirsi di Rousseau, dove Davide Casaleggio,  presidente e tesoriere dell'associazione Rousseau e socio fondatore del M5S, è contenuto nel “contratto” che lega gli eletti al partito. Gli ultimi dati sono di febbraio e mancano gli aggiornamenti di marzo e aprile.

"Confesso che da tre mesi non sto versando i 300 euro - dice a “Il Giornale” la deputata pentastellata Veronica Giannone - ho chiesto tante volte e invano spiegazioni sui problemi della piattaforma. Se poi è vero che ci sono fascicoli su di noi, perché è una cosa che mi fa incazzare". Poi: "I problemi sono noti  - afferma il deputato Davide Galantino - ma preferisco rappresentarli internamente chiedendo la messa a norma. Sui versamenti dei 300 euro preferisco non dire nulla". Ma la senatrice dissidente Elena Fattori invece paga tutti i mesi la quota: "Con i 90mila euro al mese che paghiamo dovremmo avere una piattaforma del livello della Banca d'Italia, invece ci sono tanti problemi. E non è accettabile continuare con questa situazione di conflitto di interessi, non è un fatto personale, ma Casaleggio non può fare l'imprenditore e contemporaneamente avere i ruoli che ha nel Movimento. Io però preferisco continuare a pagare e pretendere che la situazione cambi". Con la collega Paola Nugnes è ancora in stato d’accusa per le votazioni in Senato contrarie alla linea. “La nuova classe dirigente grillina sembra meno disposta di quella della prima ora a subire certi soprusi e mette nel mirino Casaleggio. Un bel rebus per il Movimento”, conclude il Giornale.

Italia
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma