Silvia Romano portata in Somalia

| È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione

+ Miei preferiti
Nove mesi di silenzi, speranze, piste false e indagini non tolgono dal nome di Silvia Romano l’angoscia di sapere che fine ha fatto la cooperante milanese di 23 anni, svanita nel nulla il 20 novembre scorso da un villaggio in Kenya. Ma qualcosa inizia ad emergere dalle indagini della procura di Roma, affidate al sostituto procuratore Sergio Colaiocco.

Una delle poche certezze, quello che era stato un sospetto fin dall’inizio della vicenda: Silvia era viva almeno fino a Natale, ma sarebbe stata portata in Somalia poco dopo dalla banda che l’aveva rapita in un centro commerciale di Chacama, a 80 km circa da Nairobi, dopo averla pedinata per alcuni giorni. Si fa strada l’ipotesi di un sequestro su commissione, come dedotto dalla quantità di armi e mezzi di cui disponeva il commando formato da otto persone, giudicata “sproporzionata” per le normali dotazioni delle bande di malviventi che si aggirano per il Paese. Il sospetto del trasferimento di Silvia arriva dal controllo dei tabulati telefonici sui cellulari dei rapitori, che mostrano diverse chiamate in arrivo e partenza dalla Somalia.

Restano nelle carceri kenyane e attualmente sotto processo Abdullah Gaba Wario, Moses Luwali Chembe e Said Adhan Abdi, tre uomini accusati di aver partecipato al sequestro, che devono rispondere anche di terrorismo.

Si tratta dei primi effetti della collaborazione che si è instaurata fra gli investigatori italiani e quelli kenyani, che a quanto si apprende avrebbero in programma per la prossima settimana un nuovo vertice.

Italia
Sister Act
Sister Act
In Sicilia, due suore di conventi diversi scoprono negli stessi giorni di essere incinta. La prima è un’italiana di 34 anni, la seconda una donna del Madagascar che ha preferito tornare in Patria. Lo sconcerto delle due comunità
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
Dopo una lunga serie di ricorsi ed esposti, per le famiglie delle 7 ragazze italiane morte sul pullman finito fuoristrada, si apre la speranza di sapere la verità
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste