Stupratori inchiodati da telecamere e testi "Abbiamo violentato la coppia polacca"

| ULTIMA ORA. I primo due si sono costituiti. Indagini ad alto tasso tecnologico, l'analisi di celle telefoniche, tabulati, impronte digitali e profili Dna

+ Miei preferiti
Si sono costituiti. Due minorenni marocchini e forse anche un terzo nordafricano. Si sono presentati in una caserma dei carabinieri e hanno confessato: "Siamo stati a noi a violentare la coppia polacca e il trans peruviano". Ne mancano all'appello due. La polizia del branco di stupratori che, su una spiaggia di Rimini, una notte, hanno violentato una giovane donna polacca, picchiato un suo amico e, successivamente, riservato il medesimo trattamento a un trans di origine peruviana, era a un passo dalla cattura. Al di là del fatto di cronaca, atroce, il caso sta mettendo alla prova gli investigatori dello Sco della polizia e gli analisti della Scientifica. Sappiamo che i criminali sono quattro, più un quinto che non ha partecipato al raid; che uno di loro ha lasciato un'impronta digitale sulla bottiglia usata per tramortire il turista polacco, subito inserita nei terminali del Viminale con esito positivo. Dunque, sappiamo chi è. I suoi ultimi domicili, i suoi movimenti in zona, i suoi precedenti di polizia. Lo possiamo definire, per semplicità "Ricercato 1", e così in sequenza, dal 2 sino al 4. Il suo volto, estratto da un album di soggetti simili, è stato riconosciuto - senza esitazioni - dal transessuale. Numero 1 ha 26 anni e di lui non possiamo dare altri dati sensibili. La polizia sa quale numero di cellulare utilizzava ma con una scheda non intestata a lui. Il suo smartphone è spento dalle prime ore della mattina dopo le violenze. Di Ricercato2, 3 e 4, abbiamo indizi simili, più i profili del Dna, estratti dai vestiti delle vittime e impronte digitali parziali, a differenza di quelle di Ricercato1, che sono invece complete. La nazionalità di tutti e cinque è nordafricana. Gli inquirenti sanno che uno di loro ha una posizione molto meno grave; gli rivolgono, indirettamente, un appello a presentarsi in un qualsiasi commissariato, in questura o in procura. Il suo aiuto potrebbero essere prezioso per scovare in fretta il rifugio dove i quattro si nascondono, ammesso che non siano già espatriati e finiti chissà dove. Sarà una indagine molto tecnologica anche se ha bisogno della collaborazione di tutti. Soprattutto della comunità nordafricana che potrebbe aver dato loro, almeno nella prima fase, un aiuto per fuggire. Un grave errore, che si può ancora rimediare.

Le vittime stanno meglio. La coppia polacca rientrerà presto in patria. Investigatori polacchi si affiancheranno ai colleghi italiani per risolvere il caso. E grazie al transessuale, i dubbi sulle identità degli stupratori sono stati eliminati. 

Italia
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati