Stupratori inchiodati da telecamere e testi "Abbiamo violentato la coppia polacca"

| ULTIMA ORA. I primo due si sono costituiti. Indagini ad alto tasso tecnologico, l'analisi di celle telefoniche, tabulati, impronte digitali e profili Dna

+ Miei preferiti
Si sono costituiti. Due minorenni marocchini e forse anche un terzo nordafricano. Si sono presentati in una caserma dei carabinieri e hanno confessato: "Siamo stati a noi a violentare la coppia polacca e il trans peruviano". Ne mancano all'appello due. La polizia del branco di stupratori che, su una spiaggia di Rimini, una notte, hanno violentato una giovane donna polacca, picchiato un suo amico e, successivamente, riservato il medesimo trattamento a un trans di origine peruviana, era a un passo dalla cattura. Al di là del fatto di cronaca, atroce, il caso sta mettendo alla prova gli investigatori dello Sco della polizia e gli analisti della Scientifica. Sappiamo che i criminali sono quattro, più un quinto che non ha partecipato al raid; che uno di loro ha lasciato un'impronta digitale sulla bottiglia usata per tramortire il turista polacco, subito inserita nei terminali del Viminale con esito positivo. Dunque, sappiamo chi è. I suoi ultimi domicili, i suoi movimenti in zona, i suoi precedenti di polizia. Lo possiamo definire, per semplicità "Ricercato 1", e così in sequenza, dal 2 sino al 4. Il suo volto, estratto da un album di soggetti simili, è stato riconosciuto - senza esitazioni - dal transessuale. Numero 1 ha 26 anni e di lui non possiamo dare altri dati sensibili. La polizia sa quale numero di cellulare utilizzava ma con una scheda non intestata a lui. Il suo smartphone è spento dalle prime ore della mattina dopo le violenze. Di Ricercato2, 3 e 4, abbiamo indizi simili, più i profili del Dna, estratti dai vestiti delle vittime e impronte digitali parziali, a differenza di quelle di Ricercato1, che sono invece complete. La nazionalità di tutti e cinque è nordafricana. Gli inquirenti sanno che uno di loro ha una posizione molto meno grave; gli rivolgono, indirettamente, un appello a presentarsi in un qualsiasi commissariato, in questura o in procura. Il suo aiuto potrebbero essere prezioso per scovare in fretta il rifugio dove i quattro si nascondono, ammesso che non siano già espatriati e finiti chissà dove. Sarà una indagine molto tecnologica anche se ha bisogno della collaborazione di tutti. Soprattutto della comunità nordafricana che potrebbe aver dato loro, almeno nella prima fase, un aiuto per fuggire. Un grave errore, che si può ancora rimediare.

Le vittime stanno meglio. La coppia polacca rientrerà presto in patria. Investigatori polacchi si affiancheranno ai colleghi italiani per risolvere il caso. E grazie al transessuale, i dubbi sulle identità degli stupratori sono stati eliminati. 

Italia
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni
Bomba in un terreno nel bresciano
Bomba in un terreno nel bresciano
Domenica 16 giugno le operazioni di disinnesco dell’ordigno, ritrovato in un terreno agricolo di Adro, nel bresciano. Più di 2.000 le persone evacuate per precauzione
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso
In pochi ancora lo dicono, ma modi e tempi delle chiusure delle due aziende sono la dimostrazione dell’incapacità del ministro del Mise. E un altro caso è pronto ad esplodere: quello di Auchan
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"