Torna a casa Cesare Battisti, in Italia ti aspetta il carcere

| In Brasile Bolsonaro, con il suo programma di estrema destra, è stato eletto con il 55% dei voti. Ha promesso che concederà immediatamente l'estradizione dell'ex terrorista rosso, condannato all'ergastolo

+ Miei preferiti

Jair Bolsonaro è stato eletto presidente con il 55 % dei voti, mentre il candidato della sinistra, Fernando Haddad, ha raggiunto solo il 44 nonostante la rimonta degli ultimi giorni. Bolsonaro è un uomo considerato di estrema destra, razzista, omofobo e privo di un programma politico definito, per quanto riguarda l’economia di un Paese grande come un continente. A noi italiani però ha fatto una promessa: consentire immediatamente l’estradizione dell’ex terrotista dei Pac (Proletari Armati per il Comunismo) Cesare Battisti, protetto per dieci anni prima dall’ex presidente Lula (in carcere per corruzione) e poi da una parte della magistratura carioca.

Il vice premier Salvini si è congratulato per la vittoria e gli ha ricordato quanto ha detto, a proposito di Battisti, proprio nelle ultime ore della campagna elettorale, riferendosi in modo diretto alla forte comunità di origine italiana in Brasile. In un breve messaggio dopo la vittoria Bolsonaro su Facebook s’è rivolto a tutti i brasiliani: "Sono molto grato a tutti voi, per la vostra considerazione, le vostre preghiere e la vostra fiducia, adesso, tutti insieme, cambieremo il destino del Brasile: sapevamo dove stavamo andando, e ora sappiamo cosa dobbiamo fare". Il Brasile "non poteva continuare a flirtare con il socialismo, il comunismo, il populismo e l'estremismo della sinistra e ora la verità comincerà a regnare in ogni casa del paese, cominciando dal suo punto più alto, che è la presidenza della Repubblica, il Brasile ha tutto quello che serve per essere una grande nazione".

E’ meglio subito spegnere l’entusiasmo. A proteggere l’ex guerrigliero dei Pac, un sottogruppo nato dallo sfacelo delle Brigate Rosse negli Anni ’80, non fu solo l’establishment politico ma soprattutto quello giudiziario, con un sere infinita di sì all’estradizione, subito bloccata da organi equivalenti o superiori, con uno estenuante slalom tra competenze eguali e diverse. Il giudizio, alla fine, dopo una prima accelerazione imposta dall’attuale governo, sembrava favorevole al ritorno in patria di un uomo che deve scontare l’ergastolo ma è rimasto in sospeso, in attesa di ulteriori pronunciamenti. Bolsonaro potrà ora mobilitare il suo staff giuridico e tentare di sbloccare la situazione, certo di andare a infilarsi in un conflitto di poteri istituzionali, in parte e tuttora indipendenti rispetto alle funzioni del presidente. A meno che non abbia in animo di cambiare norme e leggi con poteri eccezionali, come ha sostenuto durante la prima fase di una campagna elettorale in cui è stato pure accoltellato da un fanatico di Lula. Nella seconda, Bolsonaro, come si direbbe qui in Italia, ha “abbassato i toni”, scegliendo parole d’ordine più moderate e rispettose dell’impianto costituzionale del Brasile. Lo ha fatto, dicono gli avversari, per non spaventare il ceto medio ed imprenditoriale, quando i suoi sostenitori più accesi concentrano nelle Farm degli sterminati territori interni. Ora tocca a lui decidere cosa fare. La sua prima dichiarazione (“Il mio primo impegno sarà la difesa della libertà”) sembrerebbe di buon auspicio. Ha vinto perchè le sinistre dopo dieci anni di governo, hanno lasciato solo macerie, tra assistenzialismo e corruzione, di uno dei Paesi più potenti del mondo, tra il dilagare della violenza urbana, il traffico di droga e un’emergenza occupazionale mai vista prima. Lui, ex militare, è un uomo d’ordine. A noi però sta a cuore ciò che ha ripetutamente promesso: di restituire all’Italia Cesare Battisti, così potrà scontare la sua pena non più tra le spiagge dorate di San Paolo ma dietro le sbarre di un carcere. E’ solo una questione di giustizia verso i morti innocenti che ha provocato. E non una vendetta.

Italia
TAV, a che punto siamo
TAV, a che punto siamo
Proseguono a ritmo serrato i lavori sui cantieri dell’alta velocità fra Italia e Francia. Oltre il 20% delle opere da realizzare già appaltate
La strage dei ragazzini
La strage dei ragazzini
Un Natale di sangue sulle strade italiane, con cinque vittime giovanissime. Gli inquietanti dati di un anno che si chiude con una media di 9 morti al giorno
Sister Act
Sister Act
In Sicilia, due suore di conventi diversi scoprono negli stessi giorni di essere incinta. La prima è un’italiana di 34 anni, la seconda una donna del Madagascar che ha preferito tornare in Patria. Lo sconcerto delle due comunità
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
La strage delle studentesse Erasmus avrà un processo
Dopo una lunga serie di ricorsi ed esposti, per le famiglie delle 7 ragazze italiane morte sul pullman finito fuoristrada, si apre la speranza di sapere la verità
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta