Trieste, sempre nel cuore di tutti gli italiani

| In questi giorni il 63° anniversario del ritorno della città all'amministrazione tricolore, dopo le tragiche vicissitudini del conflitto mondiale

+ Miei preferiti
Le date da ricordare sono dal 20 al 26 di ottobre 1954, quando Trieste ritornò, nella concretezza, sotto il tricolore. Terre martoriate dalla guerra con ancora vivida la tragica ombra delle Foibe dove migliaia di italiani furono uccisi dai partigiani di Tito, con la collaborazione anche di connazionali (è in corso un processo di revisione storica anche su queto capitolo nero della nostra storia), che, dopo anni di occupazione anglo-americana, furono finalmente restituite alla Patria. L'altra data è  il 5 ottobre 1954. Il Memorandum di Londra restitui la città e parte della provincia all'amministrazione civile del governo italiano. Il presidente, allora, era il piemontese Luigi Einaudi che ringrazio' con un breve e asciutto discorso i triestini per "avere conservato e difeso l'amore per la Patria". Sul gonfalone di Trieste è appuntata la medaglia d'oro al Valore Militare, per le drammatiche vicende occorse tra la prima e la seconda guerra mondiale. Ma quando i bersaglieri e i fanti del nuovo Esercito Italiano effettuarono il cambio della guardia con le truppe americane che avevano sino ad allora presidiato l'estremo Est, ci furono scene di giubilo e di condivisione di un sentimento nazionale accadute raramente nel corso della storia post-unitaria. La folla ruppe i cordoni dei carabinieri per stringersi ai nostri militari che prendevano possesso delle caserme e delle linee di confine. Era un giorno di bora e quando le navi della Marina Militare attraccarono in porto, si celebrò - benedetta dal vento e dalla pioggia -  una comunione tra Stato e popolo che andrebbe celebrata e ricordata anche e soprattutto oggi.

Italia
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma