Trieste, sempre nel cuore di tutti gli italiani

| In questi giorni il 63° anniversario del ritorno della città all'amministrazione tricolore, dopo le tragiche vicissitudini del conflitto mondiale

+ Miei preferiti
Le date da ricordare sono dal 20 al 26 di ottobre 1954, quando Trieste ritornò, nella concretezza, sotto il tricolore. Terre martoriate dalla guerra con ancora vivida la tragica ombra delle Foibe dove migliaia di italiani furono uccisi dai partigiani di Tito, con la collaborazione anche di connazionali (è in corso un processo di revisione storica anche su queto capitolo nero della nostra storia), che, dopo anni di occupazione anglo-americana, furono finalmente restituite alla Patria. L'altra data è  il 5 ottobre 1954. Il Memorandum di Londra restitui la città e parte della provincia all'amministrazione civile del governo italiano. Il presidente, allora, era il piemontese Luigi Einaudi che ringrazio' con un breve e asciutto discorso i triestini per "avere conservato e difeso l'amore per la Patria". Sul gonfalone di Trieste è appuntata la medaglia d'oro al Valore Militare, per le drammatiche vicende occorse tra la prima e la seconda guerra mondiale. Ma quando i bersaglieri e i fanti del nuovo Esercito Italiano effettuarono il cambio della guardia con le truppe americane che avevano sino ad allora presidiato l'estremo Est, ci furono scene di giubilo e di condivisione di un sentimento nazionale accadute raramente nel corso della storia post-unitaria. La folla ruppe i cordoni dei carabinieri per stringersi ai nostri militari che prendevano possesso delle caserme e delle linee di confine. Era un giorno di bora e quando le navi della Marina Militare attraccarono in porto, si celebrò - benedetta dal vento e dalla pioggia -  una comunione tra Stato e popolo che andrebbe celebrata e ricordata anche e soprattutto oggi.

Italia
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi
L’Italia si è fermata
L’Italia si è fermata
Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico