Un intero paese per l'ultimo addio a Erika

| Presenti le autorità cittadine e tanti amici, che hanno voluto salutare per l'ultima volta la giovane biellese, mentre le indagini per trovare la verità proseguono a ritmo serrato

+ Miei preferiti

Folla e commozione per l'ultimo addio a Erika Preti, la ventottenne uccisa cinque giorni fa nel nuorese, dove si trovava in vacanza con il fidanzato Dimitri Fricano, 30 anni.

L'intera comunità di Pralungo, piccolo centro a meno di tre km da Biella, si è stretta intorno ai familiari nella chiesa della Trinità: ad attenderli Raffaella Molino, sindaco del paese, e l'arcivescovo di Biella monsignor Gabriele Mana, che ha officiato la funzione definendo il destino di Erika "Una morte ingiusta, tragica e inaccettabile".

Ad accompagnare l'urna con le ceneri della giovane, cremata per sua stessa volontà in Sardegna e giunte ieri in Piemonte, "Tappeto di fragole", brano dei Modà, gruppo che Erika amava particolarmente, diffuso al momento dell'uscita dalla chiesa.

Proseguono intanto a ritmo serrato le indagini per ricostruire l'accaduto: a cominciare dalla versione di Dimitri Fricano, il fidanzato che continua a dichiararsi innocente, affermando di essere stato colpito all'uscita dal bagno da uno sconosciuto con la pelle scura e il capo rasato, accorgendosi di quanto accaduto alla fidanzata soltanto dopo essersi ripreso dallo stordimento. Le attenzioni degli inquirenti si concentrano sulla presenza all'interno dell'appartamento di soldi e l'orologio, che avvalorerebbero la tesi della rapina, smentita con forza dai legali del giovane, tutt'ora ricoverato con lievi ferite alla testa e sulle braccia che hanno acceso i sospetti dei carabinieri su quello che potrebbe rivelarsi l'ennesimo caso di femminicidio ad occupare le cronache.

Nel loculo dove riposa Erika, poco prima della chiusura, i familiari hanno voluto chiudere un CD musicale, fiori, lettere e le tante testimonianze d'affetto degli amici.

Italia
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma