Un intricato labirinto di indagini e psicanalisi

| Il colonnello dei Carabinieri Fabio Federici e lo psichiatra Alessandro Meluzzi sono stati i protagonisti di un incontro sulla criminologia ospitato alla IULM di Milano

+ Miei preferiti
Di Germana Zuffanti
Una delle sale della “IULM”, celebre università milanese dedicata alle lingue e la comunicazione, martedì 23 gennaio ha ospitato una nuova tappa del tour di presentazione del volume “Il se e il ma delle investigazioni” (edizioni Oligo), un libro che rappresenta le riflessioni criminologiche e l’esperienza diretta dei due autori, Fabio Federici e Alessandro Meluzzi.

Federici è un colonnello dei Carabinieri pluridecorato, ma anche un giornalista pubblicista, un “crime analyst” docente di corsi universitari e seminari con una lunga esperienza investigativa vissuta su numerosi casi di risonanza mediatica e inchieste in materia di criminalità organizzata e di contrasto al fenomeno dell’immigrazione clandestina.

Meluzzi, volto noto della televisione, è un medico psichiatra, psicologo forense e criminologo, nonché giornalista e autore televisivo, consulente tecnico in materia civile e penale e autore di importanti pubblicazioni.

Il loro saggio è una sorta di manuale da tenere sulla scrivania, idealmente dedicato al giornalista, allo studioso che si approccia ad un delitto o anche solo a chi vuole avere una chiave di lettura nell’attuale sistema delle investigazioni.

Sulla scia del saggio del grande illuminista italiano Cesare Beccaria del 1764, “Dei delitti e delle pene”, quello di Federici e Meluzzi è un volume che potrebbe essere addirittura oggetto di studio nelle scuole: ciò che emerge, al di là delle raffinate citazioni classiche e della ripresa del codice penale, è il necessario approccio multidisciplinare che si deve tenere per arrivare alla meta di ogni investigatore: la “risoluzione del caso”.

La copertina del libro è rappresentativa del contenuto del saggio: ciò che conta è la semantica, gli indizi e le costruzioni logiche, in un labirinto che può essere quello dell’assassino come quello dell’investigatore che raccoglie, intuisce e deduce, tenendo a mente un solo duplice obiettivo: verità e giustizia. Un labirinto in cui, come in una tragedia greca, si intreccia il bene ed il male, e la finzione è utile per arrivare al vero.

Al convegno, aperto dal saluto del Rettore dell’IULM Mario Negri, hanno partecipato ospiti e relatori illustri: il Generale di Divisione Teo Luzi, Comandante della Legione Carabinieri “Lombardia”, il quale ha parlato del suo passato da coordinatore di indagini importanti che lo hanno coinvolto profondamente, Siria Magri, Vice Direttore “Videonews Mediaset” e responsabile e curatrice di vari programmi Mediaset, in particolare della trasmissione  “Quarto Grado”, che ha parlato del ruolo dei media e della sua personale esperienza nella trattazione giornalistica di eventi importanti, Ilaria Mura, giornalista di punta ed inviata della trasmissione televisiva “Quarto Grado” che ha moderato e parlato della sua esperienza lavorativa ed umana e Luca Crovi, critico letterario e musicale, giallista e saggista, redattore presso la “Sergio Bonelli Editore”, che ha introdotto anche il tema della popolarità della “letteratura noir”.

Alla base dell’incontro alcuni casi di cronaca vissuti direttamente dagli autori ed i diversi approcci, quello dell’investigatore raffinato e quello dello psichiatra, al fine di chiarire gli elementi fondanti di un’indagine e dell’influenza dei media, che spesso aiutano ma altre volte “inquinano” le prove scatenando reazioni fuorvianti degli indiziati sulla scia dell’onda emotiva mediatica.

Si è parlato quindi del rapporto tra crimine e società, della raccolta degli indizi e delle prove sulla scena del crimine, della relazione diretta fra crimine e giustizia.

Il libro sarà presentato il prossimo 10 febbraio presso la Sala Grande del “Circolo dei Lettori” di Torino, alla presenza di relatori di fama come Giorgio Vitari, avvocato generale dello Stato, Massimo Numa, giornalista de “La Stampa” e Ilaria Mura, giornalista televisiva.

I due scrittori devolveranno integralmente i diritti d’autore derivati dalle vendite del libro all’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri, unico ente autorizzato per dare un aiuto concreto ai figli degli agenti caduti in servizio.

Galleria fotografica
Un intricato labirinto di indagini e psicanalisi - immagine 1
Un intricato labirinto di indagini e psicanalisi - immagine 2
Un intricato labirinto di indagini e psicanalisi - immagine 3
Italia
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma